Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

◉ Lionel Messi a TyC Sports: intervista dal vivo

Il capitano dell’Argentina parla in diretta su TyC Sports, a meno di sei mesi dalla Coppa del Mondo del Qatar 2022.

Leone Messi parlare con dal vivo TyC Sport. Da Bilbao, Spagna, capitano della nazionale argentina Insieme a Gastón Recondo in archivio intervista esclusiva, Per parlare di tutte le questioni di attualità che lo rendono protagonista. Ho seguito la frase dell’intervista frase per frase.

Dalle critiche all’ex spazzatura della nazionale ai giorni nostri dell’Argentina

“Molte volte ne abbiamo parlato e abbiamo detto che non era solo importante vincere. Abbiamo già fatto cose straordinarie e non sono state apprezzate, come arrivare a una finale mondiale, due finali di Copa America. È stato molto ingiusto Con il girone precedente, perché dici così Abbiamo dato tutto in quel momento per la Nazionale e con quel girone c’era uno strano feeling, sono stati trattati male e non se lo meritavano perché hanno fatto cose importanti. non ha vinto ma hanno fatto molte cose importanti perché non ricordavo prima che le persone fossero felici come lo erano ai Mondiali in Brasile. Gli è piaciuto quel Mondiale, ed è durato fino all’ultimo giorno. Nessun dettaglio sono stati dati ma fino all’ultimo giorno. Proprio come la Copa America, abbiamo perso ai rigori. Ma sì, è un bene che la gente se ne sia resa conto e che tutto non sarebbe successo. per vincere”.

Anniversario della vittoria della Copa America in Brasile

“Quando vedi le immagini e ti vengono in mente i ricordi di com’era quel momento, della sua realizzazione. Ma poi come tutto il resto. Ecco fatto, è finita, si realizza proprio come se non fosse il nostro turno di vincere voltarsi e andare avanti. Anche questo”. È un bel ricordo ma è così, c’era e ci sarà sempre. Nulla è cambiato. Quindi devi andare avanti e arrivare nuove sfide, nuovi obiettivi e pensare al giorno dopo e giornata fuori”.

Messi e il sostituto argentino dopo le critiche a Parigi

La verità è che da tempo quello che sto vivendo con il popolo argentino, con la stampa, che è stato molto difficile con me e con la nazionale in un altro momento, è cambiato molto. Se ne parla già. in un altro modo, indipendentemente da ciò che è buono o sbagliato, che stiano Supportando o meno, parlano con molto più rispetto di quanto non facessero in un’altra epoca. E sì, ovviamente ho sentito quel supporto, che è stato bellissimo per me. Quello che abbiamo vedere qui con questo gruppo dopo aver vinto la Copa America è tutto bellissimo”.

READ  ◉ Manchester City vs. Manchester United Premier League: guardalo dal vivo

Messi e come affronta la nuova stagione al Paris Saint-Germain

“Pensando a me individualmente e a quello che è successo quest’anno, penso di poter capovolgere la situazione, non aver voglia di cambiare club e che non è andata bene per me. Come ho detto, so che quest’anno sarà diverso, Sono davvero pronto per quello che verrà e conosco il club, conosco la città, sono un po’ più a mio agio con lo spogliatoio, con i miei compagni e so che sarà diverso”.

Messi e i fischi dei tifosi del Paris Saint-Germain dopo l’eliminazione in Champions League

“Anche per me è nuova. È una situazione diversa. A me non è mai successo al Barcellona, ​​anzi. È comprensibile mettere gente e rabbia verso i nostri giocatori, nella squadra in cui siamo stati e perché è un altro anno , perché non è la prima volta che succede così. La situazione è per il Paris, essere escluso dalla Champions in quel modo, e la rabbia è comprensibile. Poi che tu sia d’accordo o meno sui fischi diretti a me e a Ney in particolare, eravamo i più speciali. Ma beh, è ​​successo”.

Analisi di Messi della serie di Champions League tra Paris Saint-Germain e Real Madrid

“Avevamo una barbara illusione in quella competizione, e anche per come è andata la partita, il risultato è stato un duro colpo. L’ho già vissuto per molti anni, tutta la mia vita, da vicino, e so cos’è il Real Madrid. Lo sapevo può succedere in partita, perché fanno un gol dal nulla e cambiano automaticamente la partita. Sapevo anche che in quello stadio si ottengono i primi 15 o 20 minuti. E se succede dopo, la partita cambia. Ma se succede una partita strana o succede un gol, cambia ancora e so già che può e bene, è successo a noi e a tutte le squadre che hai citato (Chelsea, City, Liverpool) e non era così. La prima volta è successo accaduto.”

In che modo il virus Corona ha influenzato Messi?

“La verità è che mi ha colpito davvero male. I sintomi sono molto simili a quelli della maggior parte delle persone credo. Molta tosse, mal di gola e febbre. Ma mi ha lasciato delle sequele. Mi ha lasciato molte tracce nei polmoni. Non mi alleno, sono tornato e sono rimasto tipo un mese e mezzo senza poter nemmeno correre perché mi ha colpito i polmoni.

Non avevo paura, ma ti dicono così tante cose che non mi lasciano iniziare. Ho anche iniziato prima del dovuto ed è stato anche peggio. Per accelerare in seguito ha finito per farmi male ma non ce la facevo più. Voleva uscire a correre, allenarsi e voleva iniziare. Alla fine è stato peggio. Poi, quando ero in mezzo alla strada, è successo con il Real Madrid e ci ha ucciso”.

READ  La parte medica di Gonzalo Montell e il suo infortunio al Superclásico erano ben noti.

Messi e il passaggio dal Barcellona al Paris Saint-Germain

“Ho dovuto anche abituarmi al modo di giocare perché ero abituato a giocare tutta la mia vita in un modo e ad arrivare in un posto dove non è lo stesso, si gioca in modo diverso, si vede il calcio in modo diverso, con i miei nuovi compagni di squadra.. .Ho avuto i miei compagni di squadra a Barcellona che giocavano al loro fianco da molti anni e mi conoscevano a memoria. Tutto ciò era nuovo per me. Inoltre, ho iniziato il campionato in ritardo perché sono arrivato in ritardo al club e poi sono stato beccato il ginocchio che mi ha fermato per un po’ e tra una cosa e l’altra non finivo dall’inizio non potevo giocare tre o quattro partite di seguito, sono arrivate le vacanze e ho detto ‘va bene, dopo questo inizio il nuovo anno, arriverò con tutte le batterie, vado a cambiarmi, è finita, ho preso il covid.’

Messi e Paris Winter: perché tutte queste foto sono sul tappeto?

“Non eravamo abituati ad avere troppo freddo ed essere per terra e vicini al fuoco era ciò che ci avvicinava ed eravamo lì di più. Era un inverno a cui non eravamo abituati. A Barcellona faceva freddo ma non tanto e a Parigi era difficile da sopportare. Beh… stavamo cercando qualcosa di caldo.”

I figli di Messi e cambia la città

“Thiago capisce la situazione e probabilmente tiene le cose più per sé, non ha mai detto niente se non il fatto che gli è mancato tutto quello che è il Barcellona e i suoi amici, ha finito per adattarsi velocemente. Matteo è lo stesso, è un tipo diverso di personalità , il che rende le relazioni più veloci e più facili da lasciare andare. E anche Ciro è stata la prima volta che è andato a scuola, quindi non aveva altra scelta. Che fosse a Parigi o Barcellona, ​​​​era la prima volta, quindi è stata l’ultima delle le nostre preoccupazioni. Ma per fortuna è andata bene e questo ci tranquillizza molto”.

L’adattamento di Messi a Parigi

“Fortunatamente, l’adattamento dei bambini è stato sorprendente. Abbiamo sempre avuto questa paura, che i bambini avrebbero avuto difficoltà a cambiare. Ed era il contrario. È stato molto facile, si sono adattati molto rapidamente alla scuola, agli amici, al giorno in e giornata fuori oggi. Per me ed io, è stato più difficile. Ricordo che il primo giorno in cui li abbiamo portati a scuola è stato terribile. Ce ne siamo andati piangendo. Abbiamo detto cosa stavamo facendo qui, cosa è successo. Non abbiamo capito niente . Ma sono davvero alcuni dei tre fenomeni.”

READ  Più sport | Val, alle porte della finale alla Galleria Kolesnikov

Cambio da Barcellona al Paris Saint-Germain

“Dopo un po’ di essere nello stesso posto, perché non è facile alla mia età perché un conto è renderlo più giovane, pronto o volenteroso. All’epoca non lo volevo e non lo immaginavo e non lo facevo Penso che la verità fosse che è stato un anno difficile, avevo tutto a Barcellona, ​​me ne sono andato quando ero molto giovane e per di più: ho vissuto a Barcellona più che in Argentina, e sto andando molto bene. La verità è che non avevo intenzione di cambiare nulla”.

Messi e l’atipica stagione 2021/2022

“La verità è che era qualcosa che non avrei mai immaginato. Tutto quello che è successo dopo la coppa, la gioia che ho provato dopo aver lottato per così tanto tempo, aver ottenuto qualcosa con la nazionale dopo tante tristi estati, aver passato dei brutti momenti, aver perso le finali Oggi è cambiato tutto, è stata un’estate diversa, dove la felicità era completa e dove pensavo che tutto sarebbe andato come l’anno prima a Barcellona… Come tutta la mia vita, proprio ha attraversato tutto quello che è successo ed è stato difficile, è stato un cambiamento Anno difficile, francamente difficile, perché adattarsi non è stato facile”.

Messi e la gioia di tornare in nazionale argentina

“È sempre un piacere venire qui, è un po’ che diciamo la stessa cosa e penso che si possa vedere in tv e sui social. È un bel gruppo, ci siamo divertiti così tanto. Siamo venuti dalla vittoria , aiuta molto lasciare le cose in questo modo, quindi siamo molto felici”.

Intervista a Lionel Messi

La pulce è già seduta con un microfono TyC Sports in mano.

Messi si prepara a sedersi con TyC Sports

Dopo le 11 in Argentina, La Pulga rilascerà un’intervista dalla Spagna.

Lionel Messi parlando qui

Tutto è pronto per la chat di Leo su TyC Sports.

Sedie per interviste Messi

Gli argomenti principali dell’intervista di Messi a TyC Sports

Qatar 2022 è una componente fondamentale dell’analisi delle pulci, come la finale contro l’Italia, in programma mercoledì a Wembley.

In pochi istanti Lionel Messi parla a TyC Sports

La Pulga parlerà faccia a faccia con Gastón Recondo di Bilbao, in Spagna.

Parlerà in esclusiva La Pulga Questo lunedì mattina in Argentina, Streaming in diretta da TyC Sports.