Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giro d’Italia 2022: Indesta è più di ieri…

Il tifoso spagnolo di ciclismo è ancora orfano. Sì, Juan Ayuso, Carlos Rodriguez ei suoi compagni sono entrati in gioco e ci hanno legato. Ma è ancora troppo presto per loro. I giovani e le cose nella vita. In questo contesto, ci alziamo e salutiamo Il Giro d’Italia di Mikkel Landa, che sigla un degno podio in una gara la cui media contrasta con la storia del mito e della Becca sei tu

Jean Gero. Perché S. scherma in mezzo

Hindley e Carapaz non erano male, ma la legge meno coraggiosa ha prevalso dall’Etna fino agli ultimi chilometri dalla Marmolada.

Senza ambizione, senza gambe, senza ossa. Solo Landa voleva cambiare le cose e perse. Perché non sempre vinci e non sei sempre il più forte. La Terra è più forte di ieri. E sarà meno di domani.

Landa ha guadagnato fiducia, ancora una volta, da un ciclista orfano di ciclisti coraggiosi se lasciamo andare il Pogacar e impazziamo.

E siccome lo sport è anche identificarsi con chi soffre e con chi indossa i tuoi vestiti, Landa continua a vincere voti nel nostro ciclismo.

La cosa più naturale è che non vincerebbe mai un grande tour.

Sarebbe azzardato aspettarsi anche il podio in gare che non sono Giro di questo tipo (montagna, senza cronometro e senza specialisti). Ma è quello che continua ad alzare il tifoso ea trasmettere le cose

Afferrare dal basso e scatenare una marea, sebbene divertente, è un riflesso di ciò che amiamo di più: vedere qualcuno cedere alla folla e avvicinarsi alla vittoria.

Questo contenuto è esclusivo per gli utenti registrati