Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Zarate, lo scienziato fedele cresciuto nei collegi in Italia

Meri Vaca / La Paz

Se non fosse stato per il suo accento italiano quando parlava o per la sua maestria nel cucinare la pasta, Francesco Zarate sarebbe potuto passare a un altro boliviano. In fondo lo è. È nato in un paese vicino Roma 74 anni fa, ma nel 1973, a soli 26 anni, si è stabilito nella giovane cittadina di El Alto, per fare volontariato per tre anni, dopodiché ha finito per radicarsi definitivamente in Bolivia.

Prima di partire per la Bolivia
(1972).

Lo Zarate è uno studioso di successo, ma uno di quei rari studiosi, perché professa e pratica così fermamente la fede cattolica, che può essere scambiato per un sacerdote, come in effetti è stato in alcune occasioni. Non vede alcuna contraddizione perché ritiene che scienza e religione si completino a vicenda e attraversino il mondo abbracciando le sue due fedi.

Quest’uomo che ha servito la Bolivia a questo punto dalla Terra dal cielo, dalle comete, dalle stelle e persino dalla Terra, ha appena pubblicato un libro intitolato Da Roma a La Paz. Storie della mia vita, della mia mente e della mia fede, che sono state presentate la scorsa settimana all’Università Cattolica e che saranno disponibili alla fiera del libro al 3600 inaugurale.

Francesco Zarate firma il suo libro From Rome to Peace. Storie della mia vita, della mia mente e della mia fede. Chi ha ricevuto la firma è Juan Carlos Salazar (2021).

In questo libro intimo, Zarate rivela brani della sua vita che dipingono, riga per riga, l’uomo, lo scienziato, l’uomo di fede, il marito, l’amico e il maestro in cui vive. Página Siete si avvale di questi testi e completa il racconto con un’intervista all’autore per incontrare l’uomo che sa parlare dell’uomo e di Dio, unendo colpevoli e virtù, o pozzi di petrolio con citazioni bibliche.

Vita scolastica al chiuso

Zarate perse il padre all’età di sei anni, e per non dare fastidio alla madre fu mandato a educarsi in vari collegi, dove visse dai sette ai tredici anni. “Sembra che da bambino fosse più cattivo di adesso”, scherza, ricordando che essere rimasto senza padre a causa del cancro e della separazione dalla madre e dalla sorella “è stato un successo”, ma pensa che fosse una decisione necessaria per essere in grado di studiare con tranquillità e sicurezza finanziaria.

La vita in collegio può essere difficile se i bambini non si adattano. Il piccolo Francesco, in genere, si divertiva e diventava il capitano delle squadre che pulivano i vetri con acqua e giornali fino a fargli splendere.

A Venezia con sua madre
Maria (1980).

Nonostante la distanza, la domenica o in date speciali, riceveva le visite dei parenti, tra le cui braccia tornava adolescente per iniziare il liceo.

Da quel momento, secondo il suo libro, i ricordi più cari vennero da Nonna (sua nonna) Assunta, alla quale dedicò un capitolo ricco di detti, barzellette e proverbi pieni di insegnamenti sulla vita. “Non dobbiamo vendere la pelle dell’orso prima di inseguirlo”, “L’orgoglio esce a cavallo e torna a piedi”, “La miglior vendetta è il perdono”, alcuni detti della Nonna, che diceva anche “Il poco che so lo devo alla mia ignoranza». Zarate condivide questa affermazione e aggiunge che deve la sua conoscenza a Nonna Assunta. L’impronta della nonna appare in ogni battuta, ironia e detto di Zarate. Sappiamo già chi ha ereditato la scintilla da lui.

READ  La sostituzione del sale può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari fino al 14%.

Napolis, Francesco Zarate
19 anni

materiale e religioso

Mentre frequentava il liceo con il salesiano, Zarate si innamorò della scienza in generale e della fisica in particolare. Nello stesso periodo scopre la sua “vocazione religiosa”, che però non lo spingerà a farsi sacerdote, ma a vivere la sua fede in modo coerente, prendendosi cura dei più bisognosi. Ricordiamo che si sono incontrati con un gruppo di amici, ad esempio, per portare legna da ardere e latte caldo alle famiglie senza riscaldamento per l’inverno, mentre continuavano ad ascoltare storie di vita cittadina.

Dopo la laurea in fisica, Zarate aveva il dovere di svolgere il servizio militare, ma lui, avendo già capito cosa fosse il vero servizio, non era qui per perdere tempo in questo modo, quindi cercò un volontario per recarsi in Sudamerica, che era il modo per sostituire l’obbligo militare.

La prima opzione che è apparsa è la città di Natal in Brasile, la seconda a Cuenca, in Ecuador; Il terzo è El Alto in Bolivia. Le prime due opzioni sono state scartate per vari motivi e la terza “Ero emozionato, ero contento che fosse un’impresa salesiana, a beneficio dei giovani, con baraccopoli, e quartieri, in crescita e sviluppo, ho accettato senza pensarci due volte. ” Non era il luogo dove arrivò una parrocchia, ma piuttosto un centro per la formazione di giovani che volevano ottenere un mestiere in cui avrebbero potuto pagare gli studi in seguito.

Lì conobbe Sonia Chevarria, una giovane donna boliviana che, come tante altre, era andata a El Alto nei fine settimana per aiutare con il lavoro sociale in quella che oggi è la zona di Villa Adela.

Con Sonia avrebbe una famiglia e sarebbe rimasto a vivere per sempre a La Paz. I pianeti si sono allineati con la giovane coppia perché un gruppo di studenti dell’UMSA, che conosceva Zarate nel lavoro sociale a El Alto, gli ha fatto visita per chiedergli di diventare un professore di fisica. Ha accettato e servito nelle loro aule e laboratori per 41 anni, fino a quando non è andato in pensione ed è diventato professore emerito.

Il ricordo del suo primo Natale in Bolivia è legato a questo atto a El Alto, dove ha trascorso la chitarra in mano a cantare canti natalizi, inclusi canti che ha composto ispirandosi alla domanda di un bambino: “Perché sono nato solo una volta e Gesù è nato ogni anno ?” . “È stato il mio primo pezzo in Bolivia che in seguito ho cantato ai miei figli e ora ai miei nipoti con grande affetto”, ha scritto nel suo libro.

READ  Più della metà degli studenti di medicina soffre di ansia

Francesco e Sonia hanno tre figli, due donne che vivono a Santiago del Cile e un ragazzo che vive a La Paz. A Sonya è dedicato un capitolo del libro, in cui racconta il modo tragico in cui morì a Santiago del Cile il giorno del matrimonio della figlia. Ha avuto un incidente stradale e dopo essere stata intubata per cinque giorni, è andata via ma non prima di aver ricevuto abbracci e saluti dai suoi cari nella sala di terapia intensiva.

Francesco descrive nel capitolo più emozionante del libro, Una visita del Signore: “Ho sentito chiaramente la rottura del vetro della mia esistenza e i 36 anni di dolori e gioie vissuti con Sonia”.

Università e carburante

Era il 1988 quando Zarate fu eletto presidente del “primo e unico” Congresso dell’URSS, carica che lo portò a confrontarsi con un sequestro passeggero da parte di studenti trotskisti che volevano sventare l’evento, portandoli a prendere d’assalto l’aula e prendere presenti come ostaggi.

L’autore ha scritto: “Apprezzando la mia formazione scritturale, ho scelto il principio di non rispondere al male con il male, ma alla passività, ‘indurendo la mia faccia’ e permettendo al male di manifestarsi in tutta la sua verità, cioè nella sua impotenza”. Che secondo il suo racconto, la notizia del rapimento è stata annunciata il giorno successivo e che i trotskisti hanno dovuto lasciare la stanza dopo una notte senza raggiungere i loro obiettivi.

Zarate era precedentemente un dirigente insegnante dell’UMSA, poi negli anni ’90 è passato alla ricerca. Il Planetario fu gestito da Max Schreyer e istituì il Laboratorio di Fisica dell’Atmosfera, uno dei più prestigiosi laboratori di fisica a livello internazionale. Temi come la capa de ozono, la radiazione ultravioletta e la campañas que hacía el laboratorio aumenta l’exposición pública de Zaratti, que luego impulsó la stación para el cambio climatico en el glaciar del Chacaltaya, el sine esta del Chacaltaya, Climate change.

Il fisico lo ha completamente intrappolato, quando improvvisamente è iniziato il suo interesse per gli idrocarburi. E come! Dai la colpa all’idrogeno, che secondo la sua interpretazione è carburante stellare. E poiché la Bolivia sembrava avere enormi riserve di idrocarburi, dice, cominciò a emergere l’interesse per l’idrogeno come combustibile. Dall’idrogeno delle stelle all’idrogeno della Terra, supponiamo che ci debba essere un universo lontano, ma non per uno scienziato come Zarate che, dopo aver tanto studiato questa materia, finì per diventare un esperto in materia di idrocarburi.

Questi studi lo porterebbero ad accettare la posizione di delegato presidenziale per rivedere e migliorare la capitalizzazione durante il governo di Carlos Mesa, il suo unico passo verso una posizione vicina alla politica.

READ  Il ladro di bagni sarà un membro di Bin Laden

Prima di quel viaggio, ha collaborato a Presencia sotto la guida della giornalista Ana Maria Romero, unito da un’affinità spirituale. In seguito fu editorialista a La Prensa, dove spiegherebbe questioni scientifiche, finché non fu invitato a scrivere la sua rubrica a La Razón, da dove partì per trasferirsi a Página Siete dal giorno della sua fondazione fino ai giorni nostri.

El Alto, 1974, Francesco
Zarate con suo padre Carmelo
E due visitatori.

amico del prete

Francesco Zarate, nel suo libro, fa riferimento permanentemente a Dio, alla Bibbia e ai suoi amici sacerdoti, che si sono moltiplicati e che hanno attraversato tutta la sua esistenza. Infatti, dice, suo figlio quando era piccolo gli chiese: “Papà, perché tutti i tuoi amici sono pastori?” Certo, dice, il bambino già piccolo era un po’ a disagio per aver dovuto prestare la sua stanza a un prete che era di passaggio in Bolivia.

Tra i suoi amici cita, ovviamente, Monsignor Eugenio Scarbellini, Vescovo di El Alto morto per cause ufficiali del Corona virus, «ma proprio perché il suo cuore non è più in grado di resistere alle pressioni degli eventi del novembre 2019, sia fisico e mentale, che presuppone la calma del Paese e l’impatto dell’epidemia sui poveri della sua diocesi, scrive Zarate.

Questo scienziato crede che nel 2017, accompagnato da Carolita Lara, che ha sposato dopo la morte di Sonya, abbia compiuto un lungo viaggio per scalare il monte Sinai, in Egitto, dove, secondo la Bibbia, Dio si è rivelato a Mosè e gli ha dato. I dieci comandamenti.

Ai piedi della vetta della montagna
Sinai (2017), dove ha viaggiato con sua moglie, Carolita Lara.

Ma come crede il mondo in Dio? Non dovrebbe essere una contraddizione? Risponde: “Dovrebbe, ma in realtà non è così”. Spiega che sebbene a volte ci siano discrepanze, qualcuno deve adattarsi. In altre parole, non esistono fatti assoluti o conoscenza completa; Per questo a volte il mondo – ei miei ministeri non sono gli unici – si rivolge alla rivelazione divina.

Forse la migliore spiegazione è che il giovane stava prendendo lezioni di tipografia a El Alto quando Zarate ha fatto il suo lavoro di volontariato, mescolando la formazione spirituale con le conoscenze tecniche in modo che i giovani avessero un mestiere per pagare i loro studi. Anni dopo, quando Zarate visitò il giacimento di San Alberto, vi trovò questo giovane, non più troppo giovane, che era diventato ingegnere. La fede e la scienza hanno lavorato in essa per tutta la vita.

“Francesco ci porta in un viaggio intorno al mondo e ai suoi mondi. Quello dell’Europa riformata dal mondo andino o il mondo delle Ande non convinto dalla sua nativa Europa”.

Gonzalo Menedetta Nell’introduzione al mio libro