Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vogliono fermarci, ma abbiamo la maggioranza al Congresso: AMLO

Il presidente Andres Manuel Lopez Obrador ha osservato che i suoi oppositori si sono uniti a un blocco conservatore per affrontare il suo progetto di trasformazione, ma non ci sono riusciti e che la manifestazione a sostegno del suo governo avrebbe avuto una “maggioranza confortevole” alla Camera dei deputati.

Con questo, abbiamo la certezza che il budget per lo sviluppo del Paese e il benessere delle persone sarà approvato e che i programmi di assistenza ai poveri e progetti come l’aeroporto Felipe Angeles, il treno Maya, Albanco del Pinstar e Progetto Istmo di Tehuantepec, ha affermato il Presidente Durante il rapporto del terzo anno della vittoria elettorale del 2018.

“In quel blocco, imprenditori, proprietari di media, giornalisti, intellettuali di destra, leader di partito, dirigenti della cosiddetta società civile e politici del vecchio regime, tra gli altri, si sono uniti in modo legittimo per affrontare il progetto di trasformazione che stanno attuando per porre fine alla corruzione e alla disuguaglianza”, ha affermato il presidente.

Ha aggiunto che i membri di questo blocco sono nemici, non nemici. “(…) Non li consideriamo come nemici da distruggere, ma come nemici da sconfiggere. Semplicemente sosteniamo e rappresentiamo progetti nazionali diversi e conflittuali”.

Abbiamo fatto ciò che era umanamente possibile di fronte al COVID

Lopez Obrador ha sottolineato che il suo governo ha fatto “tutto ciò che è umanamente possibile” per affrontare la pandemia di COVID-19 e salvare vite umane.

“Siamo stati informati e abbiamo risposto in modo tempestivo”, ha detto al suo gabinetto nel cortile centrale del Palazzo Nazionale.

lo ha confermato “Ci è stata presentata l’opportunità di un sistema sanitario pubblico in rovina e non abbiamo esitato a stanziare risorse per curare l’epidemia e salvare vite umane”.

In 15 mesi il budget sanitario è aumentato di 70 miliardi di pesos. Gli ospedali sono stati completati, convertiti e attrezzati. Sono stati assunti e formati più di 70.000 operatori sanitari”.

READ  Coronavirus: il primo vaccino spagnolo ritarda l'inizio degli esperimenti con i volontari | Aziende

LEGGI: ​​L’epidemia lascia 493.000 morti “extra” in Messico; Gatell assicura che la gestione è stata efficace

Lopez Obrador ha aggiunto che – pur non amando fare paragoni – il Messico non è “né in America né nel resto del mondo i primi luoghi di decessi per COVID”.

Il Presidente, giovedì, presenterà al Palazzo Nazionale un resoconto sul terzo anniversario della sua vittoria elettorale. A causa della pandemia, tra gli ospiti solo membri del suo governo.

Gruppi criminali ereditati

Il presidente ha affermato che il suo governo ha ereditato i gruppi criminali che erano già stati incorporati negli anni precedenti e ha negato che la sua amministrazione avesse formato nuove bande.

“C’è governo nel nostro paese”, ha affermato, e ha affermato che il suo governo stava già affrontando quei gruppi, ma non con la violenza, ma con altri metodi “più umani” e “più efficaci”.

Lee: Ci sono 16 gruppi criminali che attualmente combattono per il controllo del traffico di droga e del riciclaggio di denaro in Messico

Ha sottolineato che sotto il suo governo il tasso di criminalità è diminuito. Ha spiegato che gli omicidi sono diminuiti del 2%, i furti di veicoli sono diminuiti del 40%, i rapimenti del 41% e i furti in casa del 26%.

Tuttavia, ha riconosciuto che c’è stato un aumento degli omicidi femminili del 14%, dei furti di mezzi pubblici individuali del 9% e delle estorsioni del 26%.

Le elezioni sono passate senza massacri o violenze

Il presidente ha sottolineato che quest’anno non ci sono state “elezioni statali” e che durante il periodo elettorale non ci sono stati massacri o violenze.

READ  Francisco: "La scienza è una grande risorsa per costruire la pace"

Non ci sono stati massacri e violenze contro cittadini innocenti a seminare il terrore nella maggior parte dei paesi. A Guerrero, ad esempio, nessun candidato è stato attaccato e quasi lo stesso è accaduto nella maggior parte degli stati”.

Ha anche confermato che non ci sono state proteste dopo le elezioni per accuse di brogli o per qualsiasi grande manifestazione nelle strade o nelle piazze.

Scopri: i partiti di candidati assassinati o rapiti vincono cinque dei 14 incarichi di sindaco contestati

“In passato sono state garantite piene libertà senza repressione politica, mediatica o poliziesca”, ha affermato.

Sebbene il presidente abbia ammesso di non aver smesso di registrare l’acquisto di voti con denaro o carte o di consegnare magazzini.

Nella sua relazione presumeva che dopo i risultati delle elezioni, l’assemblea che sosteneva il suo governo avrebbe ottenuto una comoda maggioranza alla Camera dei Rappresentanti sconfiggendo l’opposizione, garantendo così il bilancio per il benessere del popolo.

Ha aggiunto che il 6 giugno sono stati aperti 162mila 538 box, di cui il 99,98% programmato, e solo 32 box non sono stati installati a causa dell’ambiente violento in alcune località di 7 comuni del Paese.

Quello che facciamo ad Animal Político richiede giornalisti professionisti, lavoro di squadra, dialogo con i lettori e una cosa molto importante: l’indipendenza. Puoi aiutarci ad andare avanti. Entra a far parte della squadra. Iscriviti ad Animal Político, ottieni vantaggi e supporta il giornalismo gratuito.

#YoSoyAnimal