Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Violazioni nella ginnastica ritmica italiana: “Maiale, culone. Non ti fa vergognare?”  |  Gli sport

Violazioni nella ginnastica ritmica italiana: “Maiale, culone. Non ti fa vergognare?” | Gli sport

“Hmm, alzati da terra. Guarda che culone che hai. Ci sono 40 gradi, sudi eppure non dimagrisci mai.” A sentire – e a raccontarle a El Pais – queste parole dei suoi allenatori della nazionale italiana di ginnastica ritmica è stata Anna Basta, che per tre anni ha vissuto il calvario dell'abuso psicologico in Nazionale. Ha vinto cinque medaglie mondiali e tre medaglie europee con la nazionale italiana detta Le Farfalle [las mariposas] Tra il 2016 e il 2020. Basta ha 21 anni. Lo lasciò a 19 anni, prima dei Giochi di Tokyo, “devastata” perché non ce la faceva più. La sua denuncia si aggiunge a quella di altre due ginnaste della Nazionale (Nina Corradini, 19 anni, e Giulia Galtarossi, 31) e ha fatto arrabbiare Procura e Tribunale di Brescia. Pubblico Ministero Federale (Autorità di Giustizia Sportiva del Comitato Olimpico Italiano) ad aprire indagini.

I racconti di tutti e tre sono durissimi: hanno denunciato abusi psicologici, digiuno forzato, insulti e umiliazioni a causa del loro peso e, nel caso di Galtarossi, la diagnosi di disturbi alimentari in centri specifici. Basta dice che quando ha subito un grave infortunio al ginocchio, le è stato detto che era perché era “grassa”. Tutto quello che ho fatto di sbagliato è stato perché ero grasso.

La ginnasta italiana ha ammesso in una conversazione telefonica che dopo 13 mesi di trattamento con uno psicologo era di nuovo in pace con se stessa. “Per mesi e mesi mi odiavo. Mi facevano sentire inutile e mi facevano dubitare del senso della mia esistenza. Odiavo la ginnastica, che era la mia passione… Cominciavo a soffrire di attacchi di panico, ansia e insonnia. Di notte quando Stavo dormendo ho sognato la bilancia e mi sono svegliata piangendo”.

Ha iniziato a praticare il nuoto sincronizzato all'età di quattro anni, dopo che i suoi genitori non l'hanno iscritta al nuoto. Ha iniziato alla Polisportiva Pontevecchio di Bologna. All'età di otto anni è entrato a far parte del gruppo agonistico di questo club, e all'età di tredici anni si allenava già sei giorni alla settimana e cinque ore al giorno. Nel 2016, quando aveva 15 anni, viene ingaggiata dalla Nazionale, che l'aveva già inserita nella classifica dei talenti, per unirsi alla Nazionale, che si allena presso il centro sportivo di Desio (provincia di Monza). Anna racconta: “Le ore e ore di allenamento non mi hanno pesato, e non l’ho mai considerato un sacrificio, perché la ginnastica è ciò che amavo”. Fin da quando ero giovane ho sentito un legame speciale con questo sport. “I ginnasti mi impressionavano quando li vedevano gareggiare con un sorriso.”

READ  Notizie sportive di oggi, 21 febbraio, l'ultima ora in diretta

È stato fuori per un po' dopo essere entrato in Nazionale. Quando hai iniziato a sentirti male? “Nel primo anno ho notato situazioni strane che non mi erano mai capitate prima, ma mi sono adattato perché non mi è successo nulla di doloroso. Ero tranquillo perché ho sempre sognato di esserci e perché non ho mai avuto problemi con il mio peso o il mio corpo. Cosa intendi per situazioni strane? “Il fatto che dopo colazione ci pesassero davanti a tutti in mutande. Il fatto che ti guardassero strano se mangiavi qualcosa in pubblico, nessuno lo faceva, era tutto un segreto. “Ho fatto quello che fa la maggior parte delle persone, Ho cominciato a sentirmi a disagio mangiando un piatto di pasta davanti agli allenatori.

Basta dice che nel 2017 i suoi allenatori, di cui non vuole nominare, le hanno inviato un messaggio dopo aver visto una foto della sua vacanza. “Sono ingrassato e questo non va bene.” E qui cominciò il calvario. “Mi facevano notare in continuazione quanto fossi grasso, secondo loro. Se mi fossi slogato la caviglia mentre calpestavo la palla e sentivo dolore, era perché ero grasso. Se un giorno le cose non fossero andate come stavano pensavano che fosse perché ero grasso.” Se mi vedevano pallido durante l'esercizio, era perché ero grasso. Cominciarono a farmi commenti cattivi davanti a tutti: “Sei come un prosciutto. avere un culo grasso come Pandora [dulce típico navideño italiano]È alto 1,69 metri e all'epoca pesava 53,5 chilogrammi.

Questi commenti rendevano Anna ansiosa. “Nel 2018 ricordo che dopo il Mondiale non mi prendevo ferie, perché in questo modo continuavo a seguire una dieta ferrea e non correvo il rischio di ingrassare”. Alla fine di quell'anno rimase ferito. “Non ho staccato, non mi sono fermato e mi sono fatto male al ginocchio. La mia gamba si è gonfiata da coscia a gamba. In ospedale hanno scoperto un coagulo, che abbiamo scoperto in tempo. Naturalmente gli allenatori hanno attribuito a lei quell'infortunio essere obeso, non sai il peso che mi è stato tolto dalla spalla quando sono tornato a casa e i medici mi hanno detto: “Il tuo corpo non ha più nulla da cui tirare, sta tirando la cartilagine e i muscoli e il tuo ginocchio si è fermato” sostenendolo, ed è per questo che ti fai male.'

READ  Copa America 2021: il Brasile batte il Venezuela senza...

La routine con i pesi non si è fermata nemmeno quando Anna si è infortunata. Salirono nella stanza e lei dovette salire sulla bilancia. Il messaggio era sempre lo stesso: “Non si può ingrassare”. È tornato ad allenarsi dopo pochi mesi e ha ritrovato il suo ritmo agonistico. Ma non era mai abbastanza. “Dovevo perdere sempre più peso. Inoltre, tutto urlava dalla mattina alla sera. Mi hanno detto: guardati allo specchio, guarda quanto sei imbarazzato. “

Il livello di stress era così grande, dice Anna, che se fosse andata in bagno, si sarebbe pesata sulla bilancia nello spogliatoio per vedere quanto aveva perso in metà allenamento. “Di più, di più, devo fare di più, mi sono detto”. Prendeva lassativi naturali, fino a sei compresse al giorno. “Se mi peso nel pomeriggio e non perdo nulla, non cenerò, non farò Zumba e non andrò a correre.”

E così ha potuto andare avanti fino al 2020, aggrappandosi ad esso, come hanno fatto molte vittime di abusi. “Ho resistito fino al 2020 perché la musica con le percussioni è sempre stata il mio sogno. Ero scioccato, lo sapevo, ma non volevo mollare perché non volevo distruggere la squadra prima dei Giochi. Quando hanno annunciato il rinvio delle Olimpiadi di Tokyo 2020, mi sono detto: 'Grazie a Dio posso “Tornare a casa mia”.

è tornato. Ora ha un canale su Instagram dove lavora con un nutrizionista per educare tutti coloro che vogliono ascoltarla su cibi e comportamenti che non dovrebbero essere tollerati. Da quando lei e i suoi colleghi hanno reso pubblici gli abusi subiti, V.I Cambia il giocoÈ una onlus fondata nel 2018 dalla giornalista Daniela Simonetti per tutelare gli atleti dalla violenza fisica, sessuale e psicologica, e non smette di ricevere chiamate. “Centinaia e centinaia di ginnaste di tutte le età ci raccontano casi come quello di Anna”, dice Simonetti. La Federazione Italiana Ginnastica ha diffuso un comunicato affermando di non tollerare alcuna forma di abuso e di aver segnalato l'accaduto alla Federazione Italiana. deputato federale E per Responsabile della protezione Per i relativi chiarimenti.

READ  Il giorno in cui Martin Demichelis si è arrabbiato con Louis van Gaal e gli ha tirato una palla in faccia

Puoi seguire EL PAÍS Deportes su Facebook E Twitteroppure iscriviti qui per riceverlo La nostra newsletter settimanale.

Registrati gratuitamente per continuare a leggere

Se hai un account EL PAÍS, puoi usarlo per identificarti

_