Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vi è il rischio di una nuova instabilità nei mercati finanziari

Pertanto, l’attuale dinamica economica deve continuare dall’altra parte dell’Atlantico. Stiamo già stimando un tasso di recupero nei settori precedentemente congelati (ristoranti, hotel, trasporto aereo e intrattenimento) intorno al 50%. I dati regolari sul mercato del lavoro indicano un continuo consolidamento nella maggior parte degli stati degli Stati Uniti. Pertanto, la crescita del PIL di questo paese superiore al 7% nel 2021 è ora possibile.

Joe Biden

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha introdotto un piano che influenzerà la più grande ricchezza della nazione per finanziare le politiche sociali.

Foto: stagno

Tuttavia, questa combinazione di soddisfare in ultima analisi la domanda dei consumatori e un programma di sostegno al bilancio apparentemente illimitato alimenta l’ipotesi di un potenziale surriscaldamento; In altre parole, crescita accompagnata da tensioni inflazionistiche. Questa situazione si solleva Riserva federale dilemma: Devi decidere tra il rischio di surriscaldamento e il rischio di corruzione. Mercati.

Ritardando la stretta monetaria, la Fed alimenta i timori di un’inflazione incontrollata in futuro e contribuisce a tassi di interesse lunghi più elevati, mettendo a rischio non solo la valutazione delle attività finanziarie, ma anche vari settori. Immobiliare. Mentre quello, Certamente, l’aggiustamento monetario da parte della Federal Reserve aumenterebbe i tassi di interesse di mercato nel breve termine, generando rischi simili ai livelli di negoziazione e persino alla stessa attività economica. In questa difficile posizione della Fed, abbiamo adottato una gestione particolarmente aggressiva del rischio di aumento dei tassi di interesse nei nostri portafogli a reddito fisso.

In Europa, i ritardi accumulati nelle campagne di vaccinazione sono diventati troppo costosi per la regione a causa dell’imposizione di nuove restrizioni all’attività economica, che è inevitabile per molti altri mesi. Sarà difficile per la crescita europea superare il 4% quest’anno, nonostante un impatto di fondo particolarmente favorevole. Questo ritardo del ciclo economico, dovuto anche a modesti piani di stimolo rispetto a quelli degli Stati Uniti, ha avuto almeno finora un vantaggio nel creare una minore pressione sui tassi di interesse.

READ  Un missile sparato dalla Siria è caduto vicino a un centro di ricerca nucleare in Israele

Tuttavia, i mercati e l’economia sono fenomeni globali. Così, Oggi non possiamo sottovalutare la possibilità che l’Europa colmi il divario, soprattutto con la tanto attesa accelerazione del tasso di vaccinazione. Negli ultimi tempi questa situazione ci ha portato ad essere più cauti nei confronti dei mercati obbligazionari europei.

Al momento, nella psiche degli investitori, l’entusiasmo generato dalla ripresa economica supera i rischi di surriscaldamento, inflazione persistente e rialzi eccessivi dei tassi di interesse, che possono sembrare alquanto fantasiosi – e ragionevoli – soprattutto da una prospettiva europea. Tuttavia, l’equilibrio dei mercati finanziari è instabile.

In qualità di gestori del rischio, data la spinta che è stata data all’economia statunitense, non possiamo escludere la possibilità di un cambio di paradigma decennale nei mercati. Come alla fine del 1690, gli Stati Uniti stanno subendo un cambiamento radicale nella loro politica economica. E come a quei tempi, quando “l’eccezionalismo americano” non era più sufficiente a nascondere l’enorme deficit accumulato, il dollaro poteva finire per sopportarne le conseguenze a vantaggio dell’universo emergente.

I dati per i prossimi mesi, sia economici che politici, potrebbero essere cruciali per concretizzare una nuova tendenza nei mercati. Allo stesso tempo, e in questo contesto, nei prossimi mesi, la nostra amministrazione continuerà ad eccellere nella strutturazione di un portafoglio che punta su convinzioni di lungo periodo, alcune delle quali rafforzate anche dalla direzione del bilancio USA, come la transizione energetica – e seguendo da vicino – l’accumulo di squilibri nel mercato.

Membro del Carmignac Strategic Investment Committee