Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vertice delle Americhe: una settimana importante per la politica estera di Biden | L’incontro inizia lunedì a Los Angeles con il Forum delle organizzazioni della società civile

da Washington DC

Inizia una settimana privilegiata per il governo Joe Biden su questioni di politica estera. Questo lunedì, in città Los Angeles CaliforniaNell’ambito di ., si incontreranno rappresentanti della società civile, del settore privato e dei governi del continente Nono Vertice delle Americhe. Non solo: non c’è nessun invito da parte degli Stati Uniti per i presidenti Cuba, Nicaragua e Venezuela. Luis Ars della Bolivia ha detto che non andrà. L’elenco finale dei partecipanti è sconosciuto, anche se mancano ancora ore prima che i leader della regione inizino a sbarcare sulla soleggiata costa occidentale della nazione nordamericana.

L’assenza principale potrebbe essere l’assenza del presidente messicano, Andres Manuel Lopez Obrador, che ha annunciato che non sarà presente Se non vengono chiamati tutti i paesi della regione. Gli Stati Uniti escludono dall’incontro Daniel Ortega, Nicolas Maduro e Miguel Diaz-Canel, i leader rispettivamente di Nicaragua, Venezuela e Cuba, ritenendoli antidemocratici. La scorsa settimana, la Casa Bianca ha lasciato intendere di avere “considerazioni finali” sulla lista degli invitati e ha detto che sarebbe stata annunciata “presto”, ma all’inizio non c’erano notizie.

Ad un numero del Consiglio delle Americhe hanno partecipato anche i capi di stato del cosiddetto Triangolo del Nord scritti a matita: El Salvador, Guatemala e Honduras. I tre paesi sono indicati nella politica immigrazione Washington come esportatori di persone che attraversano il Messico e raggiungono il confine con gli Stati Uniti. L’eventuale assenza dei leader di questi paesi, così come l’assenza di López Obrador, sarà direttamente dannosa per gli obiettivi della Casa Bianca in merito a questo vertice, in cui intende raggiungere un nuovo accordo sull’immigrazione per la regione.

READ  A Tel Aviv, gli argentini si congelano mentre gli israeliani svolgono la loro routine

La scorsa settimana, il principale consigliere latinoamericano di Biden, Juan Gonzalez, ha detto in una telefonata con i giornalisti che il presidente degli Stati Uniti “vuole personalmente” che Lopez Obrador sia in cima.

Migrazione, Diversità e DD.HH.

Questa è la nuova edizione del Regional Forum, la seconda organizzata dagli Stati Uniti dopo il Summit 1994 a Miami, Avrà tre spazi di discussione paralleli. Il primo sarà il Forum delle organizzazioni della società civile, che inizierà lunedì e si concentrerà sui temi della migrazione, della diversità e dei diritti umani. Ci sarà anche un incontro del settore privato, dove si parlerà della ripresa economica dopo la crisi causata dalla pandemia di Covid e della trasformazione tecnologica nella regione. Per il terzo forum, i giovani sono invitati in forma ibrida a discutere di cambiamento climatico, corruzione e networking.

Gli occhi saranno puntati, soprattutto, su incontro dei leader. Il vertice sarà, per il Paese ospitante, principalmente un termometro che consentirà di stimare il reale impatto che attualmente ha sul continente. Da nessuna parte nell’agenda conosciuta c’è alcuna menzione della Cina, l’elefante nella regione. Tuttavia, la concorrenza con il colosso asiatico è una delle principali preoccupazioni della Casa Bianca.

Per i capi di stato dell’America Latina e dei Caraibi, sarà più di una semplice valutazione. In quattro anni di presidenza Donald Trump, La politica estera di Washington verso l’America si è limitata soprattutto all’opposizione a Cuba e al Venezuela e alla promozione di un muro al confine con il Messico. L’ex presidente ha anche saltato il precedente Summit delle Americhe, tenutosi in Perù nel 2018. Invece, ha inviato il vicepresidente Mike Pence.

READ  "Giornata della libertà": da oggi il Regno Unito ha revocato le restrizioni a causa della pandemia, quindi Boris Johnson ha chiesto cautela

L’arrivo in carica di Biden nel gennaio 2021 ha sollevato aspettative in una regione che si è sentita trascurata negli ultimi quattro anni. Il Democratico, che ha una lunga storia nella politica americana, potrebbe innescare una nuova relazione. Ma ora, a un anno e mezzo dal suo incarico, non ha molto da mostrare su quel fronte. Sotto la sua amministrazione, l’obiettivo degli Stati Uniti era principalmente il recupero pandemia, Ciò ha causato più di un milione di morti nel paese nordamericano. A livello estero, si concentra sull’Europa orientale, l’Ucraina e vede cosa sta facendo la Russia.

Questa nuova edizione del Summit delle Americhe, che inizia lunedì, mostra a Biden il vero stato delle relazioni con l’America Latina e i Caraibi. Per il resto, permetterà loro di vedere quanto Washington è disposta a fare se vuole competere con la Cina nella regione.