Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Venerdì gli Stati Uniti annunceranno nuove sanzioni contro la Russia

Venerdì gli Stati Uniti annunceranno nuove sanzioni contro la Russia

La portavoce della Casa Bianca, Karen Jean-Pierre, ha sottolineato che gli Stati Uniti annunceranno venerdì, giorno che segna il primo anniversario della guerra in Ucraina, nuove sanzioni contro la Russia.

Queste sanzioni prenderanno di mira i settori chiave che generano entrate per il presidente russo Vladimir Putin, e prenderanno di mira anche “più banche russe”, l’industria della difesa, la tecnologia e altri attori nei paesi terzi “che stanno cercando di eludere le sanzioni”.

L’annuncio avverrà nell’ambito del vertice delle telecomunicazioni che si terrà venerdì dai leader del G7, dove il gruppo dei Paesi più industrializzati spera di riaffermare il proprio sostegno all’Ucraina e l’intenzione di continuare ad applicare sanzioni alla Russia.

A questo incontro è prevista la partecipazione del presidente ucraino, Volodymyr Zelensky.

“Parleranno di come possiamo continuare a sostenere l’Ucraina e aumentare la pressione sulla Russia e su tutti coloro che hanno permesso l’aggressione”, ha detto Jean-Pierre durante la sua conferenza stampa quotidiana.

Gli Stati Uniti forniranno anche un nuovo pacchetto di aiuti umanitari all’Ucraina, inteso tra l’altro a proteggere gli ucraini dall’invasione e a rendere più facile per il governo ucraino fornire alla popolazione servizi di base come elettricità e calore.

Poco prima dell’apparizione di Jean-Pierre, il vice amministratore dell’USAID, Isobel Coleman, ha suggerito che il nuovo pacchetto conterrebbe aiuti relativi al settore energetico.

Giovedì i ministri delle finanze e dell’economia del G7 hanno approvato un pacchetto di aiuti finanziari da 39 miliardi di dollari per l’Ucraina entro il 2023, rispetto ai 19,8 miliardi di dollari dell’anno scorso, in modo che possa effettuare i pagamenti.

Il capo di questo portafoglio giapponese ha affermato che Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti, che sono i componenti del Gruppo dei Sette e che raccolgono più della metà della ricchezza mondiale, mostrano così la loro ” fermo sostegno all’Ucraina”. . , Shunichi Suzuki, dopo il loro incontro nella città indiana di Bangalore.

READ  Il gruppo basco si unisce alle critiche di Ignacio Galán

Jean-Pierre ha sottolineato che “il G7 è diventato un pilastro” nella “risposta forte e unitaria alla Russia”, osservando che gli alleati vogliono assicurarsi che l’Ucraina abbia “ciò di cui ha bisogno” per vincere sul campo di battaglia.