Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Valutano una dieta a base di olio d’oliva per le donne incinte con diabete

Valutano una dieta a base di olio d’oliva per le donne incinte con diabete

Tre cucchiai di olio extra vergine di oliva al giorno possono essere l’inizio della strada per controllare il diabete gestazionale di varia gravità e ridurre la morbilità e la mortalità materna neonatale. Nell’ambito di una borsa di studio per stimolare le carriere scientifiche (EVC), Oscar Robledo Fosciati, uno studente all’ultimo anno di medicina, ha suggerito di controllare l’aggiunta di questo alimento alla dieta nelle pazienti gravide con diabete gestazionale, che era già abbastanza buono. risultati in laboratorio.

Il diabete gestazionale è una malattia con una prevalenza del 6-7 per cento in Argentina. Un dato che sale al 13 per cento nelle comunità indigene.

In medicina, la prevalenza è una misura del numero totale di persone in un gruppo specifico che avevano (o avevano) una particolare malattia, condizione o fattore di rischio in un dato momento o durante un determinato periodo.

Il diabete gestazionale, o diabete mellito durante la gravidanza, è causato da un’intolleranza ai carboidrati. I cambiamenti ormonali e fisiologici durante questa fase tentano di soddisfare le esigenze di glucosio sia della madre che del feto. In alcune donne, questa modifica nel meccanismo innesca questa patologia.

Poiché la sua gravità è variabile, la diagnosi durante la gravidanza che si verifica è essenziale in primo luogo. E in secondo luogo, il trattamento corrispondente.

Per questo Foschiatti ha approvato un finanziamento del Council National International (CIN) proponendo di studiare una dieta ricca di “olio extra vergine di oliva” nelle donne con diabete gestazionale, al fine di migliorare la salute materna e prevenire le complicanze perinatali.

La ricerca, condotta sotto la supervisione della Dott.ssa Elba Mirta Morales, Professore presso la Facoltà di Medicina della National Northeastern University (Unne), mira a determinare la capacità del trattamento non solo di prevenire le complicanze materne e neonatali, ma anche per ridurre il fabbisogno di terapia insulinica, migliorare lo stato metabolico della madre, oltre a dimostrarne il costo.

READ  L'università di medicina offre un corso di biocinesi

sfondo

Il lavoro di Oscar Robledo Fucciati si basa su studi condotti al di fuori della gravidanza. Hanno mostrato come le diete ricche di olio extra vergine di oliva prevengano il rischio di malattie cardiovascolari nella popolazione generale, oltre ad avere proprietà antiossidanti e antinfiammatorie in molteplici malattie.

Tuttavia, durante la gravidanza, ci sono stati pochi studi che dimostrano la capacità dell’integrazione di olio d’oliva come componente principale della dieta mediterranea per ridurre l’incidenza del diabete gestazionale.

Forse i precedenti più avanzati a livello sperimentale sono stati realizzati dalla condirettrice del progetto, la dott.ssa Alicia Gorbaum, ricercatrice presso il Consiglio Nazionale della Ricerca Scientifica e Tecnica (Conicet), e dalla dott.ssa Silvia Labertosa. Utilizzando modelli di ratto diabetico e gestazionale, è stata dimostrata la capacità di una dieta a base di olio extra vergine di oliva di regolare nutrizionalmente i recettori nucleari Ppar.

I recettori nucleari Ppar sono responsabili del controllo dell’utilizzo metabolico del glucosio e la loro attivazione aumenta gli effetti dell’insulina.

Pertanto, questo lavoro in vitro con modelli sperimentali ci ha permesso di verificare che la dieta a base di olio d’oliva consente la regolazione dei parametri metabolici, dello stress ossidativo e infiammatori a livello fetale, fetale, placentare e postnatale.

metodologia

Il collega Robledo Foschiatti valuterà l’effetto dell’aggiunta di tre cucchiai (36 g) di olio extravergine di oliva al giorno senza cottura nelle donne con diabete gestazionale.

Si tratta di uno studio multicentrico (include una coorte di persone con malattie comuni) e randomizzato, in cui verranno valutate 120 pazienti con diagnosi di diabete gestazionale e 60 di queste verranno sottoposte a trattamento.

I pazienti che hanno aderito allo studio avevano più di 18 anni alla 29a settimana di gravidanza e avevano diagnosi di diabete gestazionale. Dopo un’adeguata spiegazione dello studio, lettura della scheda informativa del paziente e firma del consenso, i pazienti avranno un primo consulto con il Servizio Nutrizione.

READ  Papa Francesco parteciperà a un incontro su fede e scienza per la COP 26

Vengono assegnati in modo casuale a un gruppo di terapia dietetica (con o senza l’aggiunta di 36 grammi di olio extravergine di oliva). A tutti i pazienti appartenenti al gruppo con integrazione di olio di oliva verranno indicati tre cucchiai di olio extravergine di oliva al giorno. L’olio aggiunto va consumato senza cottura nei pasti principali: pranzo e cena. Nessun altro intervento verrà eseguito sui pazienti.

Tutti i pazienti vengono valutati durante tutto il periodo di studio da nutrizionisti, con una frequenza mensile minima. La ricerca è approvata dal Comitato Etico in tutti i centri in cui la ricerca sarà condotta.