Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’uso del GPS danneggia la memoria e influisce sul senso di direzione | Scienza

L’uso frequente del GPS influisce sul corretto funzionamento dell’ippocampo, l’area del cervello responsabile della memoria e del senso dell’orientamento. Google Maps, Waze o qualsiasi altra app di geolocalizzazione tradizionale sta sostituendo il lavoro che gli esseri umani hanno svolto per migliaia di anni per individuare le loro posizioni. Se il cervello smette di cercare modi e si dedica a obbedire alle istruzioni, è molto probabile che si deteriori. Ciò è confermato da una recente ricerca pubblicata in natura.

Mar Gonzalez FrancoIl coautore dello studio e uno dei pionieri della ricerca neuroscientifica presso Microsoft, sottolinea che se le persone usano troppo il GPS, perdono gradualmente la capacità di creare mappe mentali, riducendo le loro capacità di orientamento e compromettendo la produzione di memoria. “Con il GPS tradizionale, le aree molto vecchie del cervello che hanno funzionato per secoli, non vengono più stimolate e rischiamo che ciò influisca sulla nostra salute mentale in età avanzata”, spiega.

Prima dell’uso estensivo e frequente del GPS, il nostro cervello poteva creare mappe dettagliate dell’ambiente attraverso l’esplorazione attiva, un’abilità evolutiva ora a rischio. in un articolo natura, i ricercatori riconoscono che mentre la navigazione passo-passo tradizionale è efficace nella sua capacità di portarci nella posizione desiderata, questo metodo passivo non supporta l’apprendimento spaziale “e ha un effetto dannoso sulle capacità di navigazione e cognizione dei bambini”.

L’ironia sollevata nell’articolo è chiara: le app di navigazione ci permettono di raggiungere più luoghi, ma allo stesso tempo ci rendono peggiori esploratori. Famosa la storia di una coppia svedese che voleva recarsi nell’isola italiana di Capri, ma sul GPS del suo cellulare scrisse “Carpi” e finì in vacanza dall’altra parte d’Italia, a migliaia di chilometri dal mare . “Il GPS ci sta rendendo più stupidi”, dice Gonzalez Franco.

READ  Il quarto presidente della medicina interna dell'UBA cerca di umanizzare il trattamento dei pazienti - GENTE Online

Uno studio pubblicato qualche settimana fa su ScienceDirect Confronta le prestazioni dei conducenti che hanno utilizzato Google Maps per raggiungere una posizione e i conducenti che hanno utilizzato una mappa cartacea tradizionale per raggiungere la stessa destinazione. I risultati dell’esperimento rafforzano l’idea che con il GPS siamo motociclisti passivi piuttosto che esploratori attivi. I punteggi di consapevolezza spaziale dei conducenti con l’aiuto delle vecchie mappe erano significativamente più alti nell’orientamento, nel percorso e nel riconoscimento dei waypoint rispetto ai conducenti che hanno utilizzato l’app.

secondo Erano Ben EliaLo squilibrio nelle prestazioni dei due gruppi di conducenti può essere attribuito a differenze nello sforzo cognitivo richiesto per portare a termine il compito di orientamento. Seguire passivamente le istruzioni audiovisive del GPS non richiede ai conducenti di codificare, trasformare e monitorare continuamente la propria posizione nello spazio.

Diverse indagini dell’University College di Londra hanno mostrato che prima del boom del GPS, il numero di tassisti nella capitale inglese stava crescendo man mano che memorizzavano le strade e gli indirizzi della città nel corso della loro attività. Secondo gli studi, i tassisti avevano un ippocampo più grande rispetto al resto della popolazione a causa della loro ampia mappatura spaziale e dell’esperienza multisensoriale della città.

Lo stato della stimolazione dell’ippocampo si è deteriorato con l’uso estensivo del GPS. González Franco sottolinea che seguire una serie di istruzioni elimina anche la nostra agenzia dal prendere decisioni. Questo a sua volta inibisce la nostra capacità di creare mappe mentali appropriate dell’ambiente circostante e ha un impatto negativo sulla salute del cervello.

La mia voceSistema di posizionamento globale per non vedenti

È possibile trovare un equilibrio tra il nostro sistema di navigazione indoor e la tecnologia moderna? Questa è stata la domanda che ha spinto Gonzalez Franco e il resto del team Microsoft a innovare La mia voce, che è una forma alternativa di GPS acustico basato su un sistema acustico spaziale tridimensionale. L’applicazione gratuita già disponibile in Spagna e pensata soprattutto per migliorare le condizioni di mobilità dei non vedenti, funge da bussola uditiva che ripristina il ruolo attivo del cittadino nell’esplorazione dei luoghi e aiuta a creare mappe cognitive più accurate, proteggendo così il funzionamento dell’ippocampo .

READ  Una scoperta eccezionale dei resti di antenati umani e animali in una grotta italiana - Scienza

Amos MillerIl capo del progetto Soundscape e coautore della ricerca spiega che opera già in sette paesi e ha diretto più di 500.000 viaggi di utenti con disabilità visive. L’app utilizza una serie di funzioni per guidare le persone nel luogo desiderato seguendo una voce digitale a destinazione, come se stessero inseguendo il suono delle campane per raggiungere la chiesa. L’applicazione notifica inoltre agli utenti i luoghi di interesse o gli incroci nelle vicinanze tramite messaggi sonori.

Miller spiega che è stato fatto un tentativo per ripristinare l’antica capacità del cervello umano di relazionarsi con il suono che lo circonda per migliorare la comprensione dello spazio. “Questo aiuta gli utenti ipovedenti, come me, a sentirsi al sicuro durante i tour.” Con questo nuovo sistema di posizionamento globale, le persone possono riprendere la loro parte attiva e navigare nello spazio come prima: senza delegare decisioni.

Nell’articolo pubblicato su naturaI ricercatori hanno concluso che l’obiettivo del lavoro è “dimostrare che ripensando al modo in cui interagiamo con la tecnologia e introducendo miglioramenti sensoriali all’equazione, sotto forma di suono 3D, possiamo avere un impatto reale sul modo in cui conosciamo il mondo senza compromettere i processi della navigazione interna.

Il ricercatore Gonzalez Franco ricorda che cacciatori e raccoglitori si stabilirono nei loro luoghi, fornendo cibo e proteggendo la loro comunità, tenendo conto dei suoni che li circondavano. “Non era solo la vista, ma l’udito che permetteva loro di evitare i predatori, rintracciare le prede e localizzare le fonti d’acqua”, spiega. in questo libro La gabbia di vetro: come i computer cambiano la nostra vita Il ricercatore Nicholas Carr afferma che la recente ricerca antropologica suggerisce che i bisogni di navigazione potrebbero essere stati il ​​punto di partenza per tutti i nostri ricordi. Ecco perché devi prenderti cura di loro.

READ  La scienza dubita del "percorso di possesso" e richiede maggiori investimenti

puoi seguire Cosa Sopra Sito di social network FacebookE il Twitter e Instagram, o registrati qui per ricevere La nostra newsletter settimanale.