Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Vaccino contro l’HIV: annullato il progetto Mosaico | Questo annuncio è arrivato nella fase finale del processo

Il vaccino per la prevenzione dell’HIV dovrà attendere ancora qualche anno: di buon auspicio Progetto mosaico che combinavano volontà e capacità accademiche, tra cui quelle degli argentini, furono abolite. Ad oggi, le prove sono state condotte in paesi di tre continenti e su quasi 4.000 volontari. Secondo i riferimenti di lavoro, Sebbene il vaccino testato “fosse sicuro, non forniva protezione”. La decisione è stata presa da un comitato di controllo indipendente Chi ha eseguito l’analisi dell’efficacia e non era soddisfatto dei risultati.

La delusione è stata parallela alle aspettative che ha generato: stava per accadere Uno dei candidati più fiduciosi, perché era l’unico che aveva raggiunto questa fase di sviluppo negli ultimi dieci anni. Perché hai fallito? Quanto tempo dobbiamo aspettare per uno strumento simile? Antonio FauciUno dei principali scienziati mondiali e consigliere del governo degli Stati Uniti durante la pandemia, ha osservato che sebbene la situazione sia “deludente”, il pianeta non dovrebbe smettere di cercare di trovare una soluzione a questo virus.

Notizie deprimenti

Oltre a Brasile, Spagna, Stati Uniti, Italia, Messico, Perù e Polonia, i test si sono svolti anche in Argentina. Da qui, il Fondazione ospitante Si trova come uno dei centri di riferimento durante la procedura. Cosa è successo: Dopo che i volontari hanno ricevuto la quarta dose di vaccino (erano sei in totale), un gruppo di esperti indipendenti ha condotto un’analisi intermedia che ha valutato la situazione ed è giunto a due conclusioni. non c’erano più effetti avversi nel vaccino rispetto al placebo, che lo rendeva sicuro; ma cosa, Sfortunatamente, i nuovi casi di HIV nel braccio placebo e nel braccio vaccinato non erano statisticamente significativi.“, Lui dice Pietro lo era, direttore scientifico di Huesped. Poi continua: “Così l’hanno determinato Inutilità, cioè, non c’era motivo di continuare a studiare. Hanno consigliato la sospensione, che è stata fatta sul posto”.

READ  Protonterapia in Argentina: quali sono gli sviluppi della medicina nucleare nel Paese?

La piattaforma del vaccino è stata progettata da Janssen (parte di Johnson and Johnson) in collaborazione con il governo degli Stati Uniti, ed è stata in fase avanzata di sperimentazione clinica, quindi ha avuto molte speranze per molto tempo. Per la comunità scientifica e, soprattutto, per i pazienti di tutto il mondo che attendevano un nuovo strumento per combattere l’HIV. A questo proposito, Kahn sottolinea:Certo, la notizia è deprimente, ma questo non deve portarci a conclusioni sbagliate.. Dobbiamo continuare a cercare un vaccino perché, insieme all’acqua pulita, sono gli strumenti che hanno salvato più vite. Nel frattempo, abbiamo gli strumenti che devono essere utilizzati molto di più: un’educazione sessuale completa, la promozione dell’uso del preservativo e un migliore accesso ai test per il trattamento immediato quando vengono rilevati”.

Era previsto?

“È qualcosa che si vedeva arrivare. Qualche tempo fa, c’è stato un altro studio molto simile chiamato Imbokodu. “Un vaccino simile veniva testato su donne africane, che includeva un anello vaginale, e doveva essere interrotto perché sebbene fosse sicuro, non è stato efficace. Gabriella TurcoConicet Research Fellow presso l’Institute for Biomedical Research in Retroviruses and AIDS (INBIRS).

Le prove che utilizzano questa tecnica Janssen sono iniziate nel 2019. Secondo il profilo epidemiologico, sono state reclutate donne e uomini transgender che hanno rapporti sessuali con uomini, di età compresa tra 18 e 60 anni. L’ha chiamato “mosaico” perché ha raccolto varie proteine ​​dell’HIV (frammenti di precedenti esperimenti falliti) e le ha aggiunte a un vettore, un adenovirus, che potrebbe teoricamente suscitare una risposta corporea. Durante questo processo, i partecipanti sono stati inoculati con sei iniezioni nel corso di un anno. La formula, come previsto, sarebbe efficace nel proteggere le persone dall’enorme diversità virale rappresentata dall’HIV. Tuttavia, nulla di tutto ciò è accaduto.

READ  Monitoraggio sanitario oggi 71 nuovi casi a La Pampa - infopico.com

Parallelamente, dal 2021, Moderna – l’azienda farmaceutica statunitense che ha sviluppato anche il vaccino contro il covid-19 – ha annunciato l’avvio della prima fase di sperimentazioni cliniche utilizzando la piattaforma del vaccino a RNA. In questo caso, l’obiettivo è valutare la sicurezza e l’immunogenicità in 56 individui HIV-negativi, di età compresa tra 18 e 56 anni.

Uno dei maggiori problemi di salute pubblica

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, alla fine del 2019, c’erano 38 milioni di persone che vivevano con l’HIV, motivo per cui rimane uno dei maggiori problemi di salute pubblica globale e ha causato. 40 milioni di morti. Una pandemia globale che da quattro decenni non trova una soluzione definitiva. Negli ultimi anni, tuttavia, questa situazione è cambiata a causa di Accesso alle migliori strategie di prevenzione, diagnosi e cura; Ciò ha permesso alle persone infettate dal virus di vivere una vita lunga e sana.

La difficoltà di sviluppare un vaccino contro l’HIV Risiede in parte nelle proprietà infettive del virus stesso: a differenza di altri, infetta le cellule immunitarie del corpo, impedendo loro di reagire. Allo stesso modo, un altro problema è che l’HIV muta molto rapidamente: sebbene le nuove varianti di SARS-CoV-2 spaventino la gente del posto e gli estranei nel bel mezzo di una pandemia, la verità è che il coronavirus è un agente patogeno relativamente stabile rispetto al virus dell’immunodeficienza umana.

“L’HIV che circola negli Stati Uniti non è lo stesso che in Argentina o in qualsiasi altro paese, sono tutti diversi. Ecco perché c’è stata tanta attenzione sui loro risultati e questo è anche il motivo della delusione. Nel stessa linea, Giorgio GeffnerIl biochimico e ricercatore CONICET presso INBIRS conferma: “Questo si aggiunge a molti altri studi sui vaccini che sono stati condotti in precedenza in relazione all’HIV, che è un virus molto difficile da trattare. Muta molto di più, al punto da generare sub- varianti nello stesso paziente infetto.Quando viene immunizzato, il virus cambia così tanto che finisce per eludere le proprie misure di protezione”, spiega.

READ  Dalle famiglie giganti e strane

Verso la fine il turco è ottimista. Del resto: la scienza – come ogni impresa umana – è fatta più dal fallimento che dal successo. “Le cose si imparano sempre. Nel 2011 in Thailandia è stato accantonato uno studio che ha lasciato dietro di sé molte lezioni, perché sono state generate molte prove virali e immunologiche che ci aiutano a capirlo meglio oggi. Qualcosa di simile accadrà con questo, non ho dubbi“.

[email protected]