Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una zanzara associata alla malaria è stata ritrovata nel Sud Italia, 50 anni dopo la sua debellazione: El Mundo

Una zanzara associata alla malaria è stata ritrovata nel Sud Italia, 50 anni dopo la sua debellazione: El Mundo

Roma (EFE).- Scienziati italiani hanno localizzato nel sud del Paese, 50 anni dopo l'ultimo allarme, la zanzara Anopheles sacharovi, un'altra specie associata alla diffusione della malaria prima che fosse debellata dall'Italia nel 1970. Istituto Superiore di Sanità (ISS), che ha escluso una recidiva della malattia.

La zanzara è stata scoperta sulla costa salentina, tra le città pugliesi di Les e Otranto, a seguito di una ricerca congiunta dell'Iss, dell'Istituto zooprofilattico sperimentale di Puglia e Basilicata e dell'Associazione sanitaria nazionale pubblicata su Parassiti. e la rivista Vector, ha spiegato la società.

Scoperta “L'Italia non deve allarmarsi per il ritorno della malaria, perché le condizioni socioeconomiche e sanitario-sanitarie del Paese sono sicuramente molto diverse dal passato”.L'Iss lo ha promesso.

“Inoltre, una specifica circolare ministeriale dà chiare indicazioni per il proseguimento della sorveglianza dei casi umani di malaria importata e stabilisce gli interventi da effettuare sul territorio in presenza di casi autoctoni”Ha aggiunto.

Lo ha poi riconosciuto l’Iss “Campagna antimalarica del dopoguerra, questa zanzara si pensava già estinta”Pertanto “la sorveglianza entomologica è molto importante e necessaria per prevenire il rischio di reintroduzione di questa malattia nel nostro Paese”.

Nel 2018 sono iniziate le ricerche in alcune parti della Puglia e della Basilicata storicamente per la malaria, e alla fine del 2022. “Il ritrovamento in campagna di un esemplare adulto identificato molecolarmente come Anopheles saccharovii ha portato l'anno successivo ad uno studio entomologico per confermarne la presenza e ricerca di fosse larvali.”

“Le larve di questa specie si trovano in aree naturali e protette, con un impatto antropico minimo o nullo, suggerendo una sopravvivenza dei decenni passati e una popolazione lenta a causa della bassa pressione delle attività umane e della mancanza di pesticidi. Trattamenti per uso agricolo oltre a trattamenti favorevoli fattori climatici”Lo ha spiegato l'Iss.

READ  Spagna contro Olanda; Inghilterra e Italia sono nello stesso girone dopo il sorteggio di Euro 2024

La scoperta di questa zanzara “conferma la necessità di mantenere la vigilanza e rafforzare tutte le misure preventive, oltre alla sorveglianza entomologica per controllare l'anofelismo residuo, come già avviene per altre malattie trasmesse dalle zanzare come la dengue o il Nilo occidentale. L'Arbovirus Nazionale Programma di sorveglianza”, ha concluso l'agenzia.