Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una delegazione statunitense-cilena visita l'Italia per rafforzare la cooperazione nel campo della biotecnologia, dell'energia pulita e della scienza spaziale

Una delegazione statunitense-cilena visita l'Italia per rafforzare la cooperazione nel campo della biotecnologia, dell'energia pulita e della scienza spaziale

L’Università del Cile rafforza i rapporti di cooperazione con le istituzioni italiane

Tra il 24 e il 26 maggio una delegazione universitaria ha visitato diversi luoghi e istituzioni italiane per sviluppare i diversi progetti strategici di Casa de Bello. Questi incontri si sono svolti nel quadro della missione scientifica e tecnologica dell'Università del Cile in Europa, che nelle prossime settimane raggiungerà anche Francia, Germania e Svezia. Gli incontri sono iniziati presso l'Ambasciata del Cile in Italia, dove l'Ambasciatore ed ex Presidente dell'Università del Cile, Ennio Vivaldi, ha contribuito a stabilire collegamenti con le istituzioni locali.

Generare opportunità Cooperazione bilaterale nei settori dell’energia pulita, della transizione energetica, della biotecnologia, dell’estrazione mineraria avanzata e dell’esplorazione aerospaziale. Questo era tra gli obiettivi di funzionari e accademici del campus che hanno incontrato i rappresentanti delle istituzioni italiane nell'ambito del convegno La missione scientifica e tecnologica dell'Università del Cile in visita in questi giorni in Europa. In Italia la delegazione della Casa Bello ha avuto incontri con il Consiglio Nazionale delle Ricerche; Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l'Energia, lo Sviluppo Economico Sostenibile e la Cultura Italiana e gli Istituti Italiani – America Latina; e le Università La Sapienza e Roma, tra gli altri enti.

Dal 24 maggio al 9 giugno Una delegazione dell'Università del Cile visiterà Italia, Francia, Germania e Svezia con l'obiettivo di rafforzare la cooperazione internazionale di Casa de Bello su diversi progetti strategici.. Energie pulite, produzione di biotecnologie, tecnologie aerospaziali, progressi sui temi dell'etica e dell'integrità nella ricerca e nei campi dell'innovazione sono alcuni dei temi che sarà formata da questa delegazione composta da rappresentanti della Facoltà di Scienze Fisiche e Matematiche, del Facoltà di Scienze. Indirizzo: Scienze veterinarie e zootecniche e Collegio di scienze sociali, oltre alla Direzione delle relazioni internazionali e all'Ufficio del Vicepresidente per la ricerca e lo sviluppo (VID).

READ  Strani segnali radio dallo spazio profondo parlano di nuova fisica

Prima tappa: creare collegamenti

Sono iniziati gli incontri in Italia L'ambasciata cilena in questo paese, dove Ambasciatore ed ex Preside del nostro Campus, Ennio VivaldiHa accolto i membri e ha contribuito a stabilire collegamenti con le istituzioni locali che si occupano dei settori che l'Università cerca di promuovere.

Questa occasione è stata caratterizzata dallo scambio di esperienze con diverse organizzazioni e aziende italiane dedite allo sviluppo della conoscenza, della tecnologia e dell'innovazione, come Consiglio Nazionale per la Ricerca; IL Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l'Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile (ENEA); Cultura Italiana e Istituti Italiani – America Latina; E le università La Sapienza e Roma. E faceva parte anche di quella giornata L'azienda aerospaziale Leonardo e l'azienda elettrica ENELtra le altre cose.

Vicepresidente della Ricerca e Sviluppo dell'Università del Cile, Enrico AlistieHa sottolineato che “perché ci sia sviluppo globale è necessario costruire alleanze strategiche di carattere internazionale. in questo significato, Ciò che siamo venuti a fare in questa missione è stabilire dialoghi e stabilire legami di cooperazione scientifica che ci consentiranno di portare avanti temi essenziali per il Paese.“.

Progresso e lavoro collaborativo

Il lavoro dei giorni successivi si è incentrato sulle visite da parte di esponenti dell'Università del Cile a diverse strutture delle istituzioni italiane, per conoscere l'operato e l'operato di ciascuna di esse. Accademico presso la Facoltà di Scienze Veterinarie e Zootecniche, Leonardo Sainzfaceva parte di un team che si occupava di questioni biotecnologiche, specificatamente per contribuire alla costruzione e all'implementazione È prevista la creazione del Centro per i vaccini e i prodotti biofarmaceutici a Laguna Karen, in Cile.

Durante la sua visita ha potuto conoscere le esperienze di alcuni laboratori di produzione di biofarmaci a Roma, come IBI, Menarini Biotech, Reithera e Takis. “Abbiamo potuto visitare gli stabilimenti produttivi e conoscere le loro linee di ricerca e sviluppo. Sono state create alcune linee di business per replicare questo modello in Cile e si è visto il potenziale per alcuni trasferimenti di tecnologia.“, ha commentato il professor Saenz riguardo a questo tour.

READ  Porto Rico è all'avanguardia nell'uso del dispositivo che previene le complicazioni cerebrali nelle operazioni di malattie cardiache

Per questa parte, Jaime OrtegaIl professore della Facoltà di Scienze Fisiche e Matematiche (FCFM), faceva parte del gruppo che ha incontrato organizzazioni italiane specializzate nelle scienze spaziali, come Leonardo e le agenzie spaziali italiana ed europea. L'accademico ha indicato che il collegamento esistente lo consentirebbe Promozione del Centro di Riferimento Copernicus Cile, di cui fa parte il Centro di Modellazione Matematica Dagli Stati Uniti dal Cile.

“L'Italia è molto sviluppata nella regione, poiché ha uno dei principali centri di osservazione della Terra a Roma. In questo senso, la sua innovazione è la migliore, Quindi siamo interessati a collaborare su questo. E anche loro a loro volta Sono interessati a svolgere ricerche con il Cile su questioni relative all'osservazione della Terra, nonché all'estrazione mineraria e all'energia.“, ha evidenziato Ortega. Ha anche sottolineato l'imminente cooperazione congiunta, sia nel campo accademico e della ricerca, sia nel campo del trasferimento tecnologico. “Vogliamo costruire progetti collaborativi, in cui Possiamo fornire informazioni in loco e da terra, mentre l’Italia può contribuire con le sue forti capacità nello sviluppo satellitare.“È per spiegare.

lo è anche lui Professore FCFM, Rodrigo Palmaè stato presente agli incontri tematici del Cooperazione negli affari energetici, attraverso l'Istituto Italiano Latinoamericano. A questo proposito, l’accademico ha sottolineato che “si aprono davanti a noi aspettative molto buone”. Cooperazione accademica in termini di partecipazione degli studenti a concorsi e borse di studio, capacità di sviluppare domande congiunte per finanziamenti europei, potenziali progetti di collaborazione, nonché la riattivazione del tutoraggio congiunto di dottorato tra istituzioni educative di entrambi i paesi.“.

Infine, il ricercatore ha sottolineato che l’importanza del vincolo bilaterale è dovuta al fatto che “l’Italia è un Paese industriale, ha una grande presenza culturale in Cile e ha un importante sviluppo nel campo dell’energia”. Possiamo formare un’alleanza attorno alla transizione energetica, perché dobbiamo affrontare anche molte sfide comuniPertanto, manterremo il dialogo e la cooperazione”.

READ  I paesi che sosterrebbero l'Impero o i Ribelli in "Star Wars" sono raggruppati su una mappa illustrativa