Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una caratteristica della Via Lattea appena scoperta ha sconcertato la comunità scientifica: Enséñame de Ciencia

Una caratteristica della Via Lattea appena scoperta ha sconcertato la comunità scientifica: Enséñame de Ciencia

Sembra che gli eventi astronomici siano diventati popolari e, grazie agli sforzi scrupolosi degli scienziati concentrati sullo studio dello spazio e della nostra galassia in particolare, sono stati raggiunti risultati davvero sorprendenti. Come ha recentemente riferito un gruppo di ricercatori.

Scoperta

Recentemente, i ricercatori dell’Università della California a Santa Cruz in California, negli Stati Uniti, hanno scoperto 200 nuove stelle distanti chiamate “RR Lyrae Stars” nella corona stellare della Via Lattea.

La stella più lontana si trova alla periferia dell'alone esterno della nostra galassia, e si trova a più di un milione di anni luce dal nostro pianeta, cioè circa la metà della distanza tra noi e la nostra vicina galassia, Andromeda (situata a 2,5 milioni di anni anni luce di distanza).

Le stelle appena scoperte sono considerate “candele standard” per via delle pulsazioni che emettono e dell'intensità della loro luminosità. Grazie a queste caratteristiche, gli astronomi sono riusciti a determinare i limiti esterni dell'alone galattico.

Per farvi comprendere meglio gli aloni che compongono la Via Lattea, condividiamo con voi la seguente immagine:

Un'immagine degli aloni interni ed esterni della Via Lattea. L'alone è una nuvola sferica di stelle che circonda una galassia. (Crediti immagine: NASA, ESA e A. Field [STScI])

Il professor Raja Guhatakurta ha commentato che la Via Lattea e Andromeda sono così gigantesche che non c'è quasi alcuna distanza tra loro. Ha aggiunto che la corona stellare della nostra galassia è più grande del disco, che ha un diametro di circa 100mila anni luce.

La nostra casa si trova in uno dei bracci a spirale del disco. Al centro del disco c'è un rigonfiamento centrale, attorno al quale si trova l'alone che contiene le stelle più antiche della Via Lattea, che si estende attorno ad esso per migliaia di anni luce.

READ  WhatsApp: scopri il trucco per scoprire chi ti ha salvato e tu non lo sai

Il ricercatore ha anche commentato che la corona è la regione più difficile da studiare, poiché i suoi confini sono molto distanti, oltre al fatto che il numero di stelle al suo interno è molto piccolo, rispetto alle regioni vicine al disco e alla protuberanza. L'alone è composto da materia oscura e contiene la percentuale maggiore di massa galattica.

“La corona è la parte più difficile da studiare perché i confini esterni sono così lontani”, ha detto Guhathakurta. “Le stelle sono molto rare rispetto all’elevata densità stellare del disco e del rigonfiamento, ma l’alone è dominato dalla materia oscura e in realtà contiene la maggior parte della massa della galassia”.

Uno degli studenti del professor Guhathakurta, Yuting Vienga, che ha condotto questo studio, ha presentato le sue scoperte in due articoli al meeting dell’American Astronomical Society a Seattle nel gennaio 2023.

Secondo i dati calcolati in precedenza dallo studente Feng, la corona stellare dovrebbe estendersi per circa 300 kiloparsec, a circa 1 milione di anni luce dal centro galattico (gli scienziati misurano le distanze tra le galassie in kiloparsec, che equivalgono a 3.260 anni luce). . .

Le stelle luminose RR Lyrae scoperte da Ling e colleghi si trovano a una distanza compresa tra 20 e 320 kiloparsec.

Lo studente ha aggiunto che le stelle variabili hanno funzionato come inseguitori affidabili per stimare con precisione le distanze e che le osservazioni effettuate hanno confermato i calcoli teorici delle dimensioni della corona, e questo è un risultato molto importante.

Lo studio pubblicato si basa su varie osservazioni effettuate con MegaPrime/MegaCam, una collaborazione tra CFHT e CEA/IRFU, al Canadian-French-Hawaii Telescope (CFHT), gestito dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (NRC) del Canada, l'Istituto Nazionale di Cosmologia del Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS) in Francia e dell'Università delle Hawaii.

READ  Questo personaggio potrebbe aver superato Boa Hancock al potere

L'articolo originale è stato pubblicato su Sito ufficiale dell'Università della California, Santa Cruz.

Condividi la scienza, condividi la conoscenza.