Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un sogno diventato realtà per la Williams Carmona, che vince in Italia – Metro Puerto Rico

Un sogno diventato realtà per la Williams Carmona, che vince in Italia – Metro Puerto Rico

“Se hai un grande sogno, devi essere disposto a fare un grande sforzo per realizzarlo, perché solo i grandi riescono a raggiungere i grandi risultati.” Così descrive l’artista visivo Williams Carmona Che viaggio è stato portare la sua opera “Justice Maker” alla Biennale d’Arte Contemporanea di Firenze, in Italia, dove ha vinto il Premio per la Scultura.

Lo scultore portoricano di origine cubana ha rappresentato Porto Rico per la prima volta alla mostra, che ha ospitato 470 artisti.

La statua in bronzo di quattro piedi si basa sulla guerra in Ucraina perché non capiva come un paese potesse attaccare un altro paese e uccidere persone indifese. L’opera mostra una cisterna con una torre di sacchi che rappresenta gli sfollati, con sopra Cristo nella posizione della statua “Il Pensatore” del famoso artista. Augusto Rodin.

Carmona ha affermato di aver messo Gesù Cristo perché è un’immagine molto iconica e perché le persone hanno molta fede. “Voglio dare anche un nuovo concetto di fede e di pensiero – ha spiegato l’artista, che vive a Porto Rico da 38 anni – Vorrei che le persone vedessero Gesù Cristo come un’utopia che possa diventare reale nei loro pensieri. “

“Il mio concetto filosofico di Gesù Cristo come ‘autore della giustizia’ è che ho il concetto di non credere nelle persone che credono in Dio, no, penso a Dio. “Oggi, i problemi che affrontiamo in tutto il mondo e tutte queste grandi battaglie sono guerre di credenze, non guerre di persone che si siedono a pensare”, ha spiegato l’artista surrealista che è stato insignito del Premio Internazionale al Senato di Porto. ricco.

READ  Vanity Fair Spagna, Francia e Italia hanno lanciato l'edizione speciale "Future of Europe" - Newspaper PublicidAD

Nel momento in cui l’opera è stata esposta a Firenze, è iniziata la guerra in Israele, che l’ha resa più informativa e critica. Per Carmona porta con sé il messaggio che “la civiltà non è perduta e che la politica è una bugia ridicola”.

Carmona ha anche esposto una serie di dipinti sulla quarantena a Firenze.

Porto Rico nel cuore

Dall’età di sei anni studiò arte fino a conseguire un master ed emigrò a Porto Rico su consiglio del padre adottivo, il defunto cantante e cantautore cubano. Pablo MilanesPerché “credeva fermamente che avrei potuto vivere altrove dove avrei potuto esprimere liberamente ciò che pensavo”.

“Mio padre scrisse una canzone che diceva ‘Cuba e Porto Rico sono le ali di un uccello’ da una poesia di Lola Rodriguez de Tio, e mi chiedeva sempre di venire a Porto Rico perché era un luogo molto familiare al quale eravamo tutti debitori gli uni agli altri, tutti.

L’artista ha confermato di aver lasciato Cuba a causa di incomprensioni e mancanza di libertà, poiché ha dato loro la speranza in una rivoluzione che prima non esisteva.

“Non potevo dare molto di quello che ho imparato, almeno al duro sistema ideologico che mi ha fatto lasciare la mia terra natale, anche se ora non la considero più la mia patria, ora la mia patria è Porto Rico”.

Allo stesso modo, ha riferito che gli avevano chiesto allo spettacolo se poteva rappresentare Cuba, e ha notato che non poteva, perché quando si tratta di “sinistra, quando si usa il nome di un paese, significa il governo che c’è in quel paese”. … E anche io.” Non raggiungere quelle cose. Ho anche un alto senso di appartenenza e credo che questo paese (Porto Rico) meriti tutta la gloria che mi è stata data e la dono volentieri ovunque vada.

READ  Geraldine Bazin mostra il suo corpo nel mare italiano - Publimetro México

D’altra parte, Carmona ha spiegato di essersi ispirato e trasformato da molti artisti, ma quello che lo ha guidato è stato il pittore surrealista inglese, Leonora CarringtonNella filosofia di vita, era suo padre.

Qual è il prossimo passo dell’artista?

Attualmente sta lavorando su dipinti astratti che prendono di mira il corpo femminile. Per quanto riguarda la scultura “Doer of Justice”, la porterà in una mostra a Miami, in Florida, e la esporrà a Porto Rico il prossimo gennaio, ma non si sa ancora dove sarà collocata. Inoltre, l’anno prossimo pubblicherà un libro intitolato “Il successo di tutti i miei fallimenti” sulle storie della sua vita e conterrà articoli di numerosi scrittori.

“La cosa più importante è che devi trovare qualcosa per cui valga la pena morire e poi vivrai”, ha concluso.