Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un pianeta lontano fornisce indizi su come è finita la vita sulla Terra

Ricreazione tecnica del pianeta lontano e della nana rossa (IAC)

Ci chiediamo spesso Come sarebbe la fine naturale della vita sulla Terra?. Se l’uomo non avesse mai distrutto prima il suo habitat, sappiamo che quando il sole, unica fonte di calore esterna, si spegnerà, la vita come la conosciamo cesserà di esistere.

Ora, gli scienziati possono smettere di teorizzare su questa ipotesi e osservare come un mondo lontano passa attraverso la morte della sua stella vicina. Un pianeta oscuro circonda il debole residuo di a Una stella in fiamme a circa 6000 anni luce dalla Terra mostra come sarà il nostro sistema solare alla fine della sua esistenza.

Il lontano sopravvissuto, descritto nello studio Inserito la settimana scorsa nella rivista temperamento natura, sembra essere un gigante gassoso simile a Giove e presenta l’immagine di un sistema planetario attorno a una stella morente. La stella è una “nana bianca”, un residuo stellare incandescente rimasto dalla fase della “gigante rossa” della sua scomparsa, quando si è espansa decine di migliaia di volte dopo aver esaurito l’idrogeno. delle loro reazioni di fusione nucleare e poi crollò poche centinaia di milioni di anni dopo.

Quando il sole brucia tutto il suo idrogeno in circa 5 miliardi di anni, si spegne (ACC)
Quando il sole brucia tutto il suo idrogeno in circa 5 miliardi di anni, si spegne (ACC)

Secondo gli esperti dietro la ricerca, è possibile che tutti i pianeti più vicini alla stella siano stati distrutti, e stessa sorte succede al nostro mondo Quando il sole brucia tutto l’idrogeno in circa 5 miliardi di anni. “Quando il Sole si estenderà verso l’esterno in quella che è conosciuta come una fase di gigante rossa, probabilmente distruggerà Mercurio, Venere e forse la Terra. Il Sole diventerà così caldo che nulla sulla Terra potrà sopravvivere molto prima di allora, e la sua fase di gigante rossa sarà causare laghi di lava, continenti fratturati ed eruzioni devastanti di intense radiazioni ionizzanti, se non causano la distruzione del nostro intero pianeta”. Autore principale dello studio, Joshua Blackman, astronomo dell’Università della Tasmania in Australia.

READ  Come metti la musica nelle tue storie?

ma Non ci sono solo cattive notizie: ci si aspetta che Marte e i giganti gassosi esterni (Giove, Saturno, Urano e Nettuno) sopravvivano all’esaurimento del Sole. Un’idea rafforzata da questa scoperta lontana. “Quello che abbiamo trovato è la prova che l’immagine standard di come i sistemi planetari si evolvono quando la loro stella ospite muore potrebbe essere corretta”, ha detto Blackman.

La nuova nana bianca è stata rilevata verso il centro della nostra galassia da un effetto gravitazionale chiamato “microlente”. Quando si passa davanti a una stella più lontana. La gravità della nana bianca ha fatto apparire la stella lontana più luminosa per alcuni anni, un breve lampo nel tempo astronomico, mentre la sua massa focalizzava la luce attraverso di essa. Lenti gravitazionali‘, ha spiegato il dottore Jean-Philippe Beaulieu dell’Istituto di Astrofisica di Parigi che ha guidato la ricerca e coautore dello studio. Un secondo lampo di luce rivelò il pianeta in orbita.

Le stelle simili al sole crescono decine di migliaia di volte in una fase di gigante rossa dopo aver bruciato tutto il loro combustibile nucleare prima di collassare nei deboli resti di "nane bianche" (Le stelle come il Sole crescono decine di migliaia di volte in una fase di gigante rossa dopo aver bruciato tutto il loro combustibile nucleare prima di collassare nei deboli resti di "nane bianche" (Osservatorio WM Keck)
Le stelle simili al Sole crescono decine di migliaia di volte in una fase di gigante rossa dopo aver bruciato tutto il loro combustibile nucleare prima di collassare in deboli resti di “nane bianche” (stelle come il Sole crescono decine di migliaia di volte in una singola fase di gigante rossa dopo essere bruciate tutto il loro combustibile nucleare prima che collassi in un debole residuo di “nane bianche” (Osservatorio WM Keck)

Blackman lo offre Il gigante gassoso, circa 1,4 volte la massa di Giove, orbita tra 260 e 600 milioni di miglia dalla nana bianca. Sebbene probabilmente si sia formata lontano dalla stella dalla sua orbita attuale, la contrazione della stella ospite dopo la sua fase di gigante rossa non l’ha portata così vicino da frammentarsi, come è stato ipotizzato in alcuni modelli. “Pensiamo che il pianeta sia sopravvissuto alla fase di gigante rossa della sua evoluzione stellare, molto probabilmente intatto”, ha detto.

READ  Questa miscela di ingredienti della tua cucina sarà perfetta per pulire finestre e specchi.

Lisa Kaltenegger Il Professore Associato di Astronomia e Direttore del Carl Sagan Institute della Cornell University ha osservato che La nuova scoperta è un’ulteriore prova che i pianeti possono sopravvivere alla scomparsa delle loro stelle. Kaltenegger, che non è stato coinvolto nell’ultima indagine, faceva parte della squadra che ha segnalato la scoperta di a pianeta gigante Diverso Orbita intorno a una nana bianca in Alla fine dell’anno scorso, per la prima volta in assoluto.

Tuttavia, quello studio ha dimostrato che Il pianeta compie una rivoluzione completa ogni 1,4 giorni, avvicinandosi a una nana bianca rispetto a Mercurio al Sole. Probabilmente si è formato molto più lontano, poi è tornato a spirale verso l’interno mentre la stella si restringeva fino a quando non si fermava a pochi milioni di miglia di distanza, ha detto Kaltenegger.

Nel loro insieme, ha detto, le scoperte mostrano che gli esopianeti, e forse le loro lune, possono sopravvivere alla scomparsa delle loro stelle, anche se le loro orbite finali sembrano dipendere dalle loro condizioni. Sebbene i resti delle nane bianche non producano molta luce, producono abbastanza calore per riscaldare i loro pianeti profondi, il che significa che la vita potrebbe ancora esistere in un tale sistema planetario quando la sua stella “morirà”.

Continuare a leggere: