Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un nuovo studio mostra che Marte può generare “vortici giganti” nelle profondità degli oceani terrestri

Un nuovo studio mostra che Marte può generare “vortici giganti” nelle profondità degli oceani terrestri

(CNN) — Marte può trovarsi a circa 140 milioni di chilometri dalla Terra, ma il pianeta rosso influenza i nostri oceani profondi contribuendo a spingere “vortici giganti”, secondo una nuova ricerca.

Gli scienziati hanno analizzato i sedimenti, perforati in centinaia di siti di acque profonde nell'ultimo mezzo secolo, per guardare indietro di decine di milioni di anni nel passato della Terra, nel tentativo di comprendere meglio la forza delle correnti oceaniche profonde.

Ciò che hanno trovato li ha sorpresi.

I sedimenti hanno rivelato che le correnti marine profonde si sono indebolite e rafforzate nel corso di 2,4 milioni di anni di cicli climatici, secondo lo studio pubblicato martedì sulla rivista Nature Communications.

Adriana Dutkiewicz, coautrice dello studio e sedimentologa dell'Università di Sydney, ha detto che gli scienziati non si aspettavano di scoprire questi cicli e che c'era solo un modo per spiegarli: “Sono legati ai cicli nelle interazioni di Marte e Terra.” Orbita attorno al sole”, ha detto in una nota. Gli autori affermano che questo è il primo studio a dimostrare questi collegamenti.

(una pentola)

I due pianeti si influenzano a vicenda attraverso un fenomeno chiamato “risonanza”, che si verifica quando due oggetti orbitanti si spingono e si attraggono gravitazionalmente l'uno verso l'altro, a volte descritto come una sorta di armonia tra pianeti distanti. Questa interazione modifica la forma delle loro orbite, influenzando la loro vicinanza all'anello e la loro distanza dal sole.

Per la Terra, questa interazione con Marte porta a periodi di maggiore energia solare (cioè un clima più caldo) e questi cicli più caldi sono associati a correnti oceaniche più forti, secondo il rapporto.

READ  Il trucco per pulire lo scarico in pochi secondi

Sebbene questi cicli di 2,4 milioni di anni influenzino il riscaldamento degli oceani e le correnti sulla Terra, sono cicli climatici naturali e non sono correlati al rapido riscaldamento che il mondo sta sperimentando oggi poiché gli esseri umani continuano a bruciare combustibili fossili che riscaldano gli oceani. Professore di Geofisica all'Università di Sydney e coautore dello studio.

Gli autori descrivono queste correnti, o vortici, come “vortici giganti” che possono raggiungere il profondo fondale oceanico, erodendolo e generando grandi accumuli di sedimenti, come cumuli di neve.

Gli scienziati sono stati in grado di mappare questi potenti vortici attraverso le “interruzioni” nei nuclei di sedimenti che hanno analizzato. I sedimenti delle acque profonde si accumulano in strati continui durante le condizioni di calma, ma le forti correnti oceaniche cambiano la situazione, lasciando un chiaro segno della loro presenza.

Poiché i dati satellitari in grado di mappare chiaramente i cambiamenti nella circolazione oceanica sono disponibili solo da pochi decenni, i campioni di sedimenti, che aiutano a costruire un quadro del passato risalente a milioni di anni fa, sono molto utili per comprendere i cambiamenti nella circolazione in un clima più caldo. Mueller ha detto alla CNN.

Se l’attuale riscaldamento globale indotto dall’uomo continuerà sul suo percorso attuale, “questo effetto farà impallidire tutti gli altri processi per molto tempo”, ha detto Mueller, ma i dati geologici ci forniscono ancora preziose informazioni su come funzioneranno gli oceani in un mondo più caldo. .

Gli autori suggeriscono che questi vortici potrebbero aiutare a mitigare alcuni degli effetti del potenziale collasso dell’Atlantic Overturning Circulation (AMOC), un’importante circolazione oceanica che agisce come un nastro gigante che trasporta l’acqua calda dall’oceano. Regioni tropicali fino al lontano Nord Atlantico.

READ  Se hai un telefono cellulare Samsung, devi eseguire questo aggiornamento di emergenza

Gli scienziati lanciano sempre più spesso l’allarme sullo stato di salute di questo sistema di flusso critico. Si teme che possa mostrare i primi segnali del suo collasso, poiché l’aumento delle temperature globali riscalda gli oceani e scioglie i ghiacci, sconvolgendo il delicato equilibrio di calore e sale che determina la forza dell’AMOC.

Il crollo avrebbe conseguenze climatiche catastrofiche, tra cui un rapido calo delle temperature in alcuni luoghi e un aumento in altri.

“Il nostro lavoro non dice nulla su ciò che potrebbe o meno accadere all’AMOC”, ha affermato Mueller. “La nostra opinione è che anche se l’AMOC dovesse fermarsi, altri processi di mescolamento degli oceani sarebbero ancora in atto, anche se i loro effetti sarebbero molto diversi”.

Si teme che l’arresto dell’AMOC impedirebbe alle acque superficiali ricche di ossigeno di mescolarsi con le acque più profonde, portando ad un oceano stagnante in gran parte privo di vita. “I nostri risultati suggeriscono che i vortici più densi delle profondità oceaniche in un mondo più caldo potrebbero prevenire tale stagnazione degli oceani”, ha affermato.

La scoperta dello studio di un ciclo di 2,4 milioni di anni nei sedimenti marini è degna di nota, ha affermato Joel Hirschi, responsabile associato della modellazione dei sistemi marini presso il National Oceanographic Centre del Regno Unito, che non è stato coinvolto nella ricerca. Ha aggiunto che la metodologia è valida ed è possibile collegarsi a Marte.

Ma ha detto alla CNN che “il collegamento proposto con la circolazione oceanica è speculativo, e le prove che la circolazione nell’oceano profondo associata ai vortici sia più forte nei climi caldi sono scarse”.

READ  Gli astronomi creano la più grande mappa dell'universo e postulano una teoria che potrebbe contraddire Einstein

Ha detto che le osservazioni satellitari hanno dimostrato che questi vortici sono diventati più attivi negli ultimi decenni, ma le correnti non sempre raggiungono il fondo dell’oceano, il che significa che non possono impedire l’accumulo di sedimenti.

Gli autori dello studio hanno affermato in un comunicato che non è ancora chiaro esattamente come si evolveranno in futuro i vari processi che influenzano le correnti oceaniche profonde e la vita marina, ma sperano che questo nuovo studio possa aiutare a costruire modelli migliori dei futuri risultati climatici.