Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NASA rinvia di nuovo il ritorno sulla luna almeno fino al 2026

Artemis I ricreazione dopo il lancio. Il nuovo razzo SLS è uno dei casi più evidenti di ritardi in una missione spaziale (NASA)

L’illusione di vedere di nuovo un essere umano camminare sulla luna dovrebbe aspettare ancora un po’. Il primo sbarco con equipaggio della missione Artemis (o Artemis) può essere posticipato almeno fino al 2026Come ha confermato l’ispettore generale della National Aeronautics and Space Administration (NASA), Paolo Martino.

“Dato il tempo necessario per sviluppare e testare il sistema di atterraggio umano di prossima generazione della NASA e le tute spaziali, Stimiamo che la data di uno sbarco con equipaggio sulla luna sia molto probabile Al più presto fino al 2026“, Martin ha detto a un gruppo di legislatori in un’audizione della sottocommissione della Camera per l’aeronautica e lo spazio.

Quando l’esperto si è ritirato, c’era ancora molto lavoro da fare, ad esempio Come realizzare le tute spaziali giuste per i futuri astronauti che non sarà mai completato prima 2025— o i test senza pilota necessari con un nuovo razzo della NASA per sostituire l’efficiente Saturn V che trasportava Neil Armstrong e altri 11 uomini che vennero a mettere piede sul nostro satellite naturale. Artemis 1 ha subito una serie di ritardi, principalmente legati al missile gigante SLS. Non verrà lanciato fino alla fine di maggio (in linea di principio) e potrebbe essere posticipato a giugno, secondo l’agenzia spaziale.

Attraverso le missioni Artemis, la NASA porterà la prima donna e le prime persone di colore sulla superficie lunare e stabilirà una presenza lunare a lungo termine che servirà da trampolino di lancio sul percorso verso Marte.  (EFE/Aaron M. Sprecher)
Attraverso le missioni Artemis, la NASA porterà la prima donna e le prime persone di colore sulla superficie lunare e stabilirà una presenza lunare a lungo termine che servirà da trampolino di lancio sul percorso verso Marte. (EFE/Aaron M. Sprecher)

Il piano della NASA cosa è Artemis ha effettuato due missioni in orbita attorno alla luna. Il primo senza equipaggio e il secondo con equipaggio. Nel 2021 ha posticipato un ritorno con equipaggio sulla Luna fino al 2025.

“Continuiamo a valutare la finestra di maggio, ma anche Sappiamo che c’è molto lavoro da fareTom Whitmer, vicedirettore associato per lo sviluppo dei sistemi di esplorazione presso il quartier generale della NASA a Washington, ha affermato in una conferenza stampa. Miliardi di dollari sono stati investiti in ricerca e sviluppo in questi due progetti, oltre a ulteriori finanziamenti per l’atterraggio sulla luna della SpaceX Starship. e la Lunar Gateway Space Station, tutti progettati per Rendi sostenibili i viaggi sulla luna.

Il piano della NASA è di Artemis ha effettuato due missioni in orbita attorno alla luna. IlPrimo senza equipaggio e secondo con equipaggio. dovrebbe essereLe prime quattro missioni Artemis costano 4,1 miliardi di dollari ciascuna, Secondo una revisione del novembre 2021 dell’Ufficio dell’ispettore generale della NASA.

La NASA ha stabilito che la posizione esatta della missione, che fa parte del programma Artemis per tornare sulla Luna, sarà vicino al bordo occidentale del cratere Nobile, dove esplorerà la superficie e il sottosuolo dell'area.  (EFE/Javier Belfer)
La NASA ha stabilito che la posizione esatta della missione, che fa parte del programma Artemis per tornare sulla Luna, sarà vicino al bordo occidentale del cratere Nobile, dove esplorerà la superficie e il sottosuolo dell’area. (EFE/Javier Belfer)

I ritardi e il budget extra sono in parte dovuti a problemi tecnici e in parte a causa delle proteste e di una causa legale da parte di Blue Origin lo scorso anno. (Completamente sciolto a novembre) in connessione con l’assegnazione all’unica fonte della NASA del contratto HLS per il sistema Starship di SpaceX. La notizia di Martin è arrivata pochi giorni dopo che la NASA ha annunciato che l’Artemis 1, un volo senza equipaggio intorno alla luna, non sarebbe decollato prima di maggio, ma anche quella sequenza temporale è in dubbio a causa della quantità di analisi dei dati e di altro lavoro che deve essere svolto su test chiave, ha detto l’agenzia la scorsa settimana.

READ  Free Fire: tutti i contenuti dell'agenda settimanale fino al 30 gennaio 2023 | Battaglia reale | Pelli gratis | Diamante | Messico | Spagna | Gioca a DEPOR

Durante l’interrogatorio, Martin lo ha ammesso Il ruolo dell’ispettore generale è quello di essere più critico nei confronti della scadenza rispetto alla NASA, ma ha affermato che la scadenza del 2025 a cui si rivolge l’agenzia non sembra fattibile. (Questa scadenza è di per sé un’estensione del calo dell’era Trump del 2024 che è stato abbandonato a novembre.) Martin ha affermato che ci sono sfide da affrontare, “una delle quali sarà l’ottenimento della certificazione per un sistema di atterraggio umano per far funzionare le tute spaziali”, insieme a modifiche alla strategia di approvvigionamento dell’agenzia che dovrebbero richiedere più tempo per acquisire tecnologie chiave “immature” .

Questi fattori, ha detto, “spesso suggeriscono di dedicare più tempo e [requerir] sviluppo per arrivarci. Quindi il 2025 non è impossibile, ma sembra improbabile”. L’Ufficio per la responsabilità del governo degli Stati Uniti ha segnalato un pessimismo simile con l’obiettivo del 2025 di tornare di nuovo sulla luna. La testimonianza di William Russell, direttore dell’Office of National Security Contracting and Procurement presso il Government Accountability Office, ha indicato che il problema era che la NASA stava cercando di gestire “rischi multipli contemporaneamente” rispettando scadenze ravvicinate.

La NASA ha testato la capsula Orion in mare (Reuters/Mike Blake)
La NASA ha testato la capsula Orion in mare (Reuters/Mike Blake)

Russell ha citato fattori come ritardi di 7 mesi causati da ostacoli interni, un importante cambiamento nello sviluppo delle tute spaziali per dirigere il lavoro a un appaltatore piuttosto che all’interno e l’aumento dei costi dei razzi Space Launch System (SLS). “Abbiamo scoperto che la NASA non ha ancora finito con i ruoli, le responsabilità e l’autorità di Artemis, e la NASA sta attualmente lavorando per riorganizzare la direzione delle missioni di esplorazione umana. È troppo presto per dire l’esito di questo sforzo”, ha detto Russell dell’organizzazione “Data la portata e la complessità dei programmi, sarebbe importante che la NASA continui a mantenere l’integrazione con noi in futuro, per allineare i cambiamenti in tutto il programma”.

READ  Zotac aggiorna il suo mini PC Magnus TOP con la grafica NVIDIA RTX 40

La NASA, da parte sua, ha notato problemi imprevisti che hanno contribuito all’aumento dei costi e ai ritardi nei programmi, in particolare in relazione alla pandemia di coronavirus.Ciò ha portato a interruzioni della catena di approvvigionamento e sfide per i dipendenti a causa dei protocolli di sicurezza.

Ogni pezzo del lavoro che hai menzionato è reso possibile dalle persone della NASA e dai nostri partner del settore privato. Il nostro personale è riuscito a consegnare con successo nonostante il COVID, inclusa la perdita di alcuni dei nostri compagni di squadra a causa del coronavirus. Sono venuti a lavorare mentre le loro case erano danneggiate e senza elettricità a causa di forti temporali. Sono venuti con uno spirito di esplorazione che era e sarà sempre tangibile come l’hardware”, ha detto James Frye, direttore associato della Acting Exploration Systems Development Mission Directorate, del lavoro svolto finora su Artemis. 1.

Illustrazione della navicella spaziale Orion dalla missione Artemis 1 (NASA)
Illustrazione della navicella spaziale Orion dalla missione Artemis 1 (NASA)

Free non ha discusso direttamente i programmi di atterraggio per l’equipaggio di Artemis 3, ma ha affermato che ulteriori informazioni sui costi e sugli orari saranno rese disponibili man mano che la NASA elaborerà il suo prossimo budget. Ma ha sottolineato che il suo approccio era quello di mantenere un “programma e un budget realistici”. Parlando di cambiare la sua gestione, Free ha notato che la logica era quella di gestire una gamma più ampia di software grazie all’aggiunta di Artemis. Il lavoro è stato svolto affinché la sua organizzazione lavorasse allo sviluppo e quindi trasferisse le operazioni alla direzione della missione operativa della NASA una volta che la tecnologia fosse maturata.

READ  I tre fantastici giochi sono disponibili gratuitamente su Steam per un periodo limitato

Per la pianificazione a lungo termine, un altro obiettivo importante della riorganizzazione è consentire all’amministrazione Libera di maturare la tecnologia per quello che secondo lui è l’obiettivo finale di Artemis: mettere due persone su Marte per 30 giorni e riportarle al sicuro sulla Terra. Il lavoro sulla Luna consentirà all’agenzia di conoscere il comportamento degli astronauti in un ambiente di microgravità simile, sebbene la NASA riconosca che la sonda dovrà essere riconfigurata per funzionare nell’atmosfera marziana.

I team valutano come addestrarsi per le operazioni sulla superficie lunare durante le missioni Artemis, presso il Neutral Buoyancy Laboratory del Johnson Space Center di Houston.  (una pentola)
I team valutano come addestrarsi per le operazioni sulla superficie lunare durante le missioni Artemis, presso il Neutral Buoyancy Laboratory del Johnson Space Center di Houston. (una pentola)

La NASA ha selezionato quattro donne e sei uomini tra più di 18.000 candidati. che sono stati presentati da marzo 2020 per formare la missione Artemis III. Ha iniziato la formazione di professionisti selezionati da gennaio 2022, quando devono trasferirsi al Johnson Space Center in Texas, negli Stati Uniti.

L’addestramento durerà due anni e ci si aspetta che gli astronauti facciano parte delle missioni che vanno alla stazione spaziale, visitano la luna e infine Marte. I membri del team Artemis sono: Joseph Akaba, Kayla Barron, Raja Shari, Matthew Dominic, Victor Glover, Warren Hoborg, Johnny Kim, Christina Hammock Koch, Kjell Lindgren, Nicole A. Mann, Anne McClain, Jessica Meir, Jasmine Mogbeli, Kate Robbins. Frank Rubio, Scott Tingle, Jessica Watkins e Stephanie Wilson. Sebbene la maggior parte abbia esperienza militare, c’è un pompiere diventato professore, ciclista, pilota da combattimento, ingegnere e dottore che ha lavorato per SpaceX.

Una serie di immagini ufficiali fornite dalla NASA che mostrano i 18 astronauti Artemis (identificati dall'alto verso il basso) Joseph Acaba, Kayla Barron, Raja Chari, Matthew Dominic, Victor Glover, Warren Hoborg, Johnny Kim, Christina Hammock, Kel Lindgren, Nicole a.  Mann, Anne McClain, Jessica Meir, Jasmine Mogbilly, Kate Robbins, Frank Rubio, Scott Tingle, Jessica Watkins e Stephanie Wilson.  EFE/Nasa
Una serie di immagini ufficiali fornite dalla NASA che mostrano i 18 astronauti Artemis (identificati dall’alto verso il basso) Joseph Acaba, Kayla Barron, Raja Chari, Matthew Dominic, Victor Glover, Warren Hoborg, Johnny Kim, Christina Hammock, Kel Lindgren, Nicole a. Mann, Anne McClain, Jessica Meir, Jasmine Mogbilly, Kate Robbins, Frank Rubio, Scott Tingle, Jessica Watkins e Stephanie Wilson. EFE/Nasa

Continuare a leggere: