Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ubisoft chiuderà i server di diversi “giochi legacy” il prossimo gennaio

Ubisoft chiuderà i server di diversi “giochi legacy” il prossimo gennaio

“È una necessità perché la tecnologia che supporta questi servizi è obsoleta”, spiega l’azienda.

Ubisoft dice addio a 10 server di gioco

Ubisoft ha annunciato che chiuderà i server online di alcuni dei suoi “giochi legacy” il 25 gennaio 2024. In questo modo, fino a 10 giochi, quattro dei quali di Assassin’s Creed, non saranno più compatibili con la loro funzionalità online , il che significa che non possono essere giocati online o collegati ad account Ubisoft.

Per alcuni titoli interessati dalle modifiche i servizi online sono stati disabilitati su altre piattaforme come parte delle precedenti ondate di “spegnimento” implementate da Ubisoft lo scorso anno. “Tuttavia, cannibalizzare tali servizi per i giochi più vecchi non è qualcosa che prendiamo alla leggera È una necessità perché la tecnologia che supporta questi servizi è obsoleta“, ha spiegato la società VGC.

Giochi Ubisoft che chiuderanno i loro server nel gennaio 2024

  • Assassin’s Creed 2-Xbox 360
  • Assassin’s Creed Brotherhood – Mac
  • Assassin’s Creed Liberation HD – PlayStation 3, Xbox 360
  • Rivelato Assassin’s Creed – PC
  • Ghost Recon Future Soldier – PC
  • Eroi di Might and Magic VI – PC
  • NCIS-PC
  • Trucco – PC
  • Splinter Cell: Convinzione – Xbox 360
  • Prove di evoluzione – PC

Le cattive notizie non arrivano mai da sole, quindi vale la pena ricordare che Ubisoft ha menzionato nel suo rapporto finanziario per la prima metà dell’anno fiscale (dal 1 aprile al 30 settembre) che… Il gioco, la cui uscita era prevista entro la fine di marzo 2024, è stato posticipatoCiò potrebbe significare che Star Wars Outlaws non uscirà all’inizio dell’anno.

READ  Equipaggio 6: Com'è stata l'esperienza di tornare sulla Terra ad una velocità di 27mila chilometri orari e dopo molteplici esperienze nello spazio

Nel frattempo, a causa del calo delle vendite fisiche, l’azienda fa affidamento sul “mercato delle edizioni da collezione” ed è stata costretta a sollevare la possibilità di una futura acquisizione dopo l’acquisto di Activision Blizzard. Il prezzo delle sue azioni è crollato drasticamente dopo un’ondata di cancellazioni di progetti e ritardi nei giochi futuri. La chiusura dei server significa una nuova battuta d’arresto per l’azienda?