Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tutti i film più memorabili in corsa per l’International Academy Award

Sensibilità ed emozione sono due tratti condivisi da “Drive my car” e “Flee”, i due titoli che si distinguono dai rivali nella lotta per l’Oscar al miglior film internazionale, tra cui Noche of Fire e Noche of Fire in Cathedral in Spagna Piazza.

I quindici titoli che hanno superato la prima riduzione diventeranno cinque quando l’Hollywood Academy il 9 febbraio ha annunciato le nomination per la sua 94a edizione, il cui gala si terrà il 27 marzo. Ma il percorso è già più chiaro per alcuni che per altri.

Gemma giapponese “Drive My Car”
Con oltre trenta premi, tra cui diversi premi per il miglior film dell’anno – l’ultimo questa settimana dalla National Society of Film Critics degli Stati Uniti – la corsa internazionale per questo film diretto dal premiato Ryosuke Hamaguchi è iniziata al festival di Cannes dove è stato premiato il premio per la migliore sceneggiatura.

Anche il lavoro di Hamaguchi come sceneggiatore e regista è stato riconosciuto e ha vinto un Golden Globe come miglior film straniero. Tutto sembra un po’ per un film delicato, elegante e profondo, che adatta la storia di Murakami e ha conquistato spettatori di tutto il mondo, nonostante la sua durata di tre ore. Non è ancora chiaro se succederà a “Parasite” come nuova star del cinema asiatico.

“Escape”, animazione speciale
L’animatore danese Jonas Poher Rasmussen serve ad ammorbidire e arricchire una storia straziante, la storia di Amin, un rifugiato afgano arrivato in Danimarca dopo un’esperienza quasi terrificante in Russia. Basato su eventi reali, la bellezza della grafica aiuta a comprendere più facilmente la solidità del viaggio, sia fisicamente che mentalmente.

Un documentario con i suoi principali punti deboli nel mix di generi e stili, poiché i suoi 50 premi sono suddivisi tra Miglior film d’animazione, Miglior film documentario o Miglior film straniero. E la distribuzione dei voti indebolisce sempre le opportunità.

READ  Sfide SmartTV in Spagna, secondo Kuntar

“Noche de Fuego”, il più forte candidato ispanico
Oltre al candidato spagnolo “El Buen Patron” di Fernando Leon de Aranoa, ci sono altri due film ispanici che hanno superato il loro primo premio Oscar: “Night of Fire” di Tatiana Huezo (Messico) e “Plaza Catedral” di Abner Benaim (Panama ).

Huezo, insieme al supporto del gigante Netflix, è una storia potente sulla violenza subita dagli adolescenti in alcune aree messicane controllate dai cartelli della droga. Una storia molto difficile, è più di un riflesso accurato della realtà.

Non da meno è il film panamense Plaza Catedral, che, se fosse tra i cinque finalisti, sarebbe il primo film di questo paese ad essere nominato per un Oscar. La storia delle disuguaglianze e dei rapporti umani, ancora più sconvolgente se si pensa che il giovane protagonista, Fernando Xavier de Casta, è stato ucciso poco prima dell’uscita del film, interpretando appunto un ragazzo per strada.

La Spagna punta tutto su Bardem
In un anno in cui Pedro Almodovar (“Madri parallele”), l’Accademia del cinema spagnolo ha deciso di scommettere su “El Buen Patron”, una tragicommedia di Fernando Leon de Arano che ha battuto il record di nomination ai Goya Awards, con venti opzioni.

Una storia di affari e corruzione che fa di Javier Bardem la sua migliore risorsa, circondata da un fantastico cast secondario. Sebbene entrambi abbiano ricevuto premi americani, “Parallel Mothers” e Penélope Cruz sono i più ascoltati. E anche a Bardem, ma per il suo lavoro su “Being the Ricardos”.

Iran e Italia cercano la ripetizione
“Hero” di Asghar Farhadi, e “Hand of God” di Paolo Sorrentino, i due candidati dall’Iran e dall’Italia, che hanno giocato sul sicuro con due registi sanno già cosa significa vincere un Oscar.

READ  Rivelano la decisione forte che China Suárez prenderà: "Sta pensando molto seriamente di stabilirsi a Madrid"

Nel caso di Farhadi, due, per “A Breakup” (2011) e “The Seller” (2016). Mentre Sorrentino l’ha scattata nel 2014 per “Great Beauty”.

Due film solidi che rappresentano molto lo stile dei registi. In “A Hero”, Farhadi approfondisce i dettagli della società iraniana e le sue regole complesse, che conosce così bene, e in “The Hand of God”, Sorrentino attinge ai suoi ricordi d’infanzia per rendere il suo film più personale ed emozionante .

“Hive”, la sorpresa di Sundance
In un’uscita con proposte di alto profilo e in palio, la sorpresa potrebbe venire da un piccolo candidato di una cinematografia più piccola: “Hive”, il film d’esordio del Kosovo Blairta Pacioli, che ha vinto tre premi al Sundance Festival 2021.

Basato su eventi reali, il film segue Fahriye (la splendida Yelka Gashi, migliore attrice alla Valladolid International Film Week). Suo marito è scomparso nella guerra in Kosovo e in una società islamica come la sua, il lavoro di una donna è riprovevole.

Una storia di responsabilizzazione, ferite non rimarginate e critica sociale che non cade nell’eccesso, nel dramma o nell’emozione e mostra una realtà tanto esistente quanto sconosciuta.

Altre proposte nordiche
Dai paesi nordici arrivano tre proposte molto diverse: “Cabin No. 6” (Finlandia), “Lamb” (Islanda) e “The Worst Person in the World” (Norvegia).

Un film delizioso di Joho Kuzmanen che si svolge principalmente all’interno della “cabina numero 6” di un treno in rotta verso il Circolo Polare Artico in Russia negli anni ’80. È una proposta finlandese per l’Academy Awards, che ha superato il Grand Prix a Cannes.

La Norvegia gareggia con The Worst Person in the World, un altro film di Cannes, con il premio protagonista, Rinat Renzvi, in una storia fresca e impenitente, diretta da Joachim Trier, che racconta il percorso verso la maturità di una giovane donna a Oslo oggi.

READ  L'inaspettata rivelazione intima di Yanina Latorre che ha fatto saltare in aria tutti i membri del panel LAM

Mentre “Lamp” è stato considerato il miglior film all’ultimo Sitges Film Festival. Con Noomi Rapace e diretto da Valdimar Jóhannsson, la sua originalità è stata premiata a Cannes o agli European Film Awards. Un’allegoria della maternità e del lutto in un paesaggio islandese appartato.

Altre opzioni dall’Europa all’Asia
I 15 candidati all’Oscar sono stati completati da tre titoli europei – “Playground” (Belgio), “I’m Your Man” (Germania) e “The Great Freedom” (Austria) – e un lungometraggio da una cinematografia completamente sconosciuta: “Lunana : Thor in classe” (Bhutan).

La belga Laura Wanderle ricorre al realista, privo di carattere dei fratelli Darden nel suo primo lungometraggio, Playground, film in cui una bambina di 4 anni entra per la prima volta a scuola, territorio ostile per il campione del regista senza l’intervento di un adulto .

La tedesca Marie Schrader presenta in “I’m Your Man” un divertente esperimento sui limiti dell’intelligenza artificiale e del suo rapporto con l’uomo; L’austriaco Sebastian Meese è in competizione con una storia carceraria che è anche un’insolita storia d’amore, e Pawo Choyning Dorji cercherà di assicurarsi la prima nomination all’Oscar del Bhutan con il suo film su un aspirante cantante che vuole trasferirsi in Australia.