Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tesori delle Cinque Terre, Italia |  Persone |  divertimento

Tesori delle Cinque Terre, Italia | Persone | divertimento

È stato un colpo di fortuna, davvero, che il mio bagaglio si sia perso quando sono volato in Italia quest'estate per visitare quegli scrigni di gioielli che sono le città delle Cinque Terre: cinque borghi pittoreschi, sulla costa ligure, pieni di case. Dai colori pastello, è incastonato tra terrazze collinari che sfociano nelle acque color giada e lapislazzuli del Mediterraneo.

Tutto quello che avevo erano i miei occhi e i miei piedi. E nei prossimi giorni, questo sarebbe stato tutto ciò di cui aveva bisogno. Senza alcun peso, potevo saltare con leggerezza sui treni e nei corridoi, sentendomi dispiaciuto per i viaggiatori sovraccarichi intorno a me, anche se rimpiangevo di non avere sandali da trekking.

Desideravo visitare la costa italiana da molti anni, ispirato in parte dalle vivaci memorie vittoriane scritte da un'intrepida viaggiatrice di nome Margaret Fountain, che scrisse “Love Among Butterflies” sulla sua ricerca di paesaggi pittoreschi e uomini belli. “Non c'è da stupirsi che questi nativi del sud siano così veloci e appassionati quando ogni vista intorno a loro è di una bellezza così sensuale!” ha detto emozionata.

Durante la pianificazione di questo viaggio, io e il mio compagno abbiamo sofferto l'imbarazzo della scelta. Quale città dovresti visitare per prima? Quale allora? Come arrivare: a piedi, in barca o in treno? Una valigia scomparsa ha reso facile la decisione: la prima notte siamo rimasti a Monterosso, in attesa delle chiamate della compagnia aerea (che non sono mai arrivate).

Verso le sette scendemmo la collina nel centro storico di Monterosso per vedere quali opportunità ci avrebbe offerto. Il sole splendeva ancora e i muri di pietra lungo Koroni Road irradiavano il calore di 30 gradi del giorno.

READ  Luis Miguel partecipa al matrimonio di sua figlia in Italia

Ci fermiamo per un aperitivo nel patio del Bar Bagni Alga, affacciato su file di ombrelloni e lettini verdi e arancioni, e osserviamo intrepidi adolescenti tuffarsi in mare da alte sporgenze di roccia, sguazzando nell'acqua e urlando di gioia.

Rivitalizzati, abbiamo ripreso la nostra passeggiata nel centro storico, passando davanti allo Stadio Elbrus dove gli anziani giocavano tranquillamente, poi svoltando attraverso un arco per emergere in Piazza Garibaldi e poi in Piazza Colombo, alla ricerca del pasto perfetto.

C'era semplicemente troppa scelta: eravamo tentati dai mazzi di ombrelli sui ciottoli, a destra e a sinistra; Il profumo dell'aragosta e dell'aglio e olio si diffondeva deliziosamente dai tavoli esterni.

Eravamo distratti dalla festa del vino in piazza, ma dopo aver assaggiato una mezza dozzina di bicchieri del solare e allegro vermouth locale, abbiamo seguito una luce color pesca in un vicolo seducente, vicino a Via Roma, ed siamo entrati nel Ristorante Al Carugio.

Lì, in pochi minuti, fummo serviti dal corpulento figlio del proprietario, e in breve tempo affondavamo le forchette nelle “fettuccine” con succose cozze, attinte dalle acque della Spezia, e delicati “premi”, la pasta tipica del paese. La zona, a forma di torce, è irresistibilmente scivolosa, piena di pesto (per inciso, un'invenzione ligure).

Per caso, una donna seduta ad un tavolo vicino, Miriam Rossignoli – non solo monterossana, ma anche fotografa – si è offerta di guidarci il giorno dopo in una passeggiata lungo il Centero Azzurro, la strada costiera tra i paesi (immaginate i gradini della strada costiera tra i paesi). Una piramide posta su una montagna verde.

Miriam ci ha raccontato che la strada tra Monterosso e Vernazza è stata completamente riparata dopo la recente frana. Tuttavia, il percorso che generalmente collegava le cinque città si fermava alla città successiva, Corniglia, in alta montagna.

READ  Rivelata la causa della morte di Matthew Mendler

Miriam ci ha assicurato che avremmo potuto visitarli tutti in treno, oppure in battello turistico (tranne Corniglia che non ha porto). Mentre a sud di Corniglia il Centro Azzurro è bloccato dalle frane, gli escursionisti più ostinati possono fare un'escursione tra Monterosso e Riomaggiore più in alto in montagna.

Ci ha esortato a visitare almeno il piccolo paese di Volastra, raggiungibile a piedi o in minibus da Manarola, dove abbiamo potuto vedere frutteti, uliveti e vigneti, adeguatamente curati. Ci ha detto che la partenza del Sentiero Azzurro era proprio accanto al nostro hotel. Puoi venirci a prendere la mattina dopo e guidarci a Vernazza? Accettiamo con gioia.

È una grande benedizione, in questa “terra incognita”, quando si ha paura di perdersi lo scenario giusto, avere una guida locale esperta. Ancora una volta, dopo aver camminato fuoristrada fin da quando era bambina, Miriam camminava davanti a noi come una capra di montagna, completamente rilassata mentre ansimavamo.

Ci sono volute tre ore per un'escursione che avrebbe dovuto durare due ore. (Più tardi, si è sentita sollevata quando ha parlato su un treno locale con una ragazza texana di 17 anni di nome Claudia, che ha detto che anche lei trovava difficile il percorso: “Sono così felice di averlo fatto, ma a metà del percorso volevo uccidermi”, ha detto. Da sola. Esattamente.) Ma, punti di vista! Ogni volta che ci fermavamo per riprendere fiato, bevevamo il paesaggio: cascate che punteggiavano i pendii pieni di pini, alberi di limoni carichi di frutti e rami di ulivo con reti di tuberosa.

Perché, mi sono chiesto il giorno dopo, mentre camminavamo verso il Ristorante Miky in Via Fegina, superando coppie che passeggiavano tenendosi per mano, alcuni dei miei amici di lunga data mi hanno avvertito che avrei trovato il nobile Five un po' “turistico”.

READ  Video | "Epa Colombia" ha visitato Yina Calderón nel suo salone di bellezza e le ha offerto aiuto

(Qualcosa che viene da persone che vanno regolarmente ad Aspen e Las Vegas.)

Sì, c'erano turisti, ma la maggior parte di loro era sparpagliata lungo sentieri tortuosi, seguendo i propri capricci.

Seduti a un tavolo nel patio di Topolino, ammirando i filetti di triglia con melanzane di Monterossa, non ci disturbavano le famiglie felici che sedevano accanto a noi, spezzando la sottile crosta di pizza su risotti aromatici o le coppie in luna di miele, appoggiate contro il tavolo e si guardano stupiti.

Non ci siamo nemmeno accorti dei bambini che si divertivano sotto le palme dall'altra parte di via Vigina, ridendo mentre mangiavano il gelato. Mai.