Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stilisti Dolce & Gabbana condannati in Italia per evasione fiscale |  Persone |  divertimento

Stilisti Dolce & Gabbana condannati in Italia per evasione fiscale | Persone | divertimento

Mercoledì gli stilisti italiani Domenico Dolce e Stefano Gabbana sono stati condannati a 20 mesi di reclusione con sospensione della pena e ad una pesante multa per aver nascosto centinaia di milioni di euro alle autorità fiscali del paese.

Gli stilisti, famosi per le star che disegnano i loro abiti, non si sono presentati davanti al tribunale di Milano e presenteranno ricorso contro la loro condanna con accuse sempre respinte.

«Leggeremo le motivazioni della sentenza e del ricorso», ha detto al termine dell'udienza in tribunale Massimo De Noia, uno degli avvocati della difesa.

Il pubblico ministero Gaetano Rota aveva chiesto la pena di due anni e mezzo di reclusione. Tuttavia, gli stilisti dovranno pagare 500.000 euro come prima rata di una multa che potrebbe raggiungere i 10 milioni di euro (13,4 milioni di dollari).

Un portavoce della società ha rifiutato di commentare.

Il successo degli abiti con corsetto e degli abiti su misura scelti da celebrità come Kylie Minogue, Kate Moss e Bryan Ferry, tra gli altri, ha dato loro uno stile di vita glamour.

Il caso nasce da un’indagine iniziata nel 2008, quando le autorità scoprirono un giro di vite contro l’evasione fiscale all’inizio della crisi finanziaria.

Tuttavia, il caso, che coinvolge i progettisti, è uno dei casi di più alto profilo che siano stati processati fino ad oggi.

La sentenza del giudice di mercoledì afferma che i designer hanno venduto il loro marchio alla società finanziaria lussemburghese Gado nel 2004 per evitare di dichiarare tasse su royalties pari a circa 1 miliardo di euro (1,3 miliardi di dollari).

Il procuratore Laura Beddio ha detto alla corte nelle sue argomentazioni conclusive che i due designer “sapevano che avrebbero ottenuto un vantaggio fiscale da quell'accordo”.

READ  Lo chef Mariano Sandoval condivide la sua passione a La SabroZona

I designer sostengono sempre di essere innocenti.

La reazione di Gabbana mercoledì è stata un messaggio su Twitter che includeva l'immagine di un ramo di agrumi, simbolo della Sicilia – origine dei designer – che è la firma del duo, pochi secondi dopo l'annuncio del verdetto.