Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tecnologia, il nuovo motore di longevità per i calciatori

“Questo è come la vita di tutti i giorni. Ora con più studi, vaccini e medicine, l’aspettativa di vita della società in generale si allunga e i calciatori non stanno diventando estranei. Questo è un punto di svolta. Grazie alla tecnologia, sono sicuro che i giocatori stanno amando esso. Cristiano Ronaldoe Zlatan IbrahimovicTra le altre cose, stabilire la tendenza per una nuova era”, afferma il dott. Jonathan Torres, specialista in medicina dello sport con oltre otto anni di esperienza in varie categorie di calcio.

La nuova era indicata dallo specialista è l’aumento della carriera media di un calciatore. fai un esempio Zinedine Zidane, ritiratosi nel 2006 all’età di 34 anni, mentre al momento restano nei massimi campionati con più di quattro decenni di vita elementi come Ibrahimovic e Gianluigi Buffon.

E non si tratta solo della longevità dei portieri, storicamente attivi più a lungo di fuoricampo come Dino Zoff, che vinse il Mondiale con l’Italia a 40 anni (nel 1982). Nel Champions League 2021-22, sette dei primi 10 giocatori occupano varie posizioni.

“Con la tecnologia vedremo sempre più giocatori ritirarsi vicino ai 40 rispetto ai 35. E i professionisti sono parecchi e bisogna aggiungere che hanno tutto da recuperare in termini di risorse, così come nutrizionisti, psicologi e altri professionisti. Naturalmente, l’età pensionabile salirà a 40′”, afferma il dott. Torres, ex collaboratore medico presso Xolos di Tijuana.

La differenza è notevole rispetto a tre decenni fa, spiega lo specialista, dovuta al progresso tecnologico e anche alla disciplina dei calciatori. Michel Platini si è ritirato all’età di 32 anni, Marco van Basten si è ritirato all’età di 31 e altri come Diego Armando Maradona o Pelé, sebbene abbiano ufficialmente salutato gli stadi all’età di 37 e 36 anni, in realtà lo hanno fatto a causa di problemi fisici difetti, soprattutto nel caso dell’Argentina e dell’Argentina. il tuo aumento di peso;

READ  El Pincha ha lasciato scappare il treno prima di Platense

Il calcio si è sviluppato molto, negli allenamenti di Maradona negli anni Ottanta, a Napoli aveva Fernando Signorini come allenatore fisico, con una base di allenamento rurale. La tecnologia di oggi è diversa e aiuta di più perché il giocatore non muove un dito se lo fa non portare un sensore GPS in grado di misurare più di 100 Distanza variabile, velocità di sprint e accelerazione e questo consente una migliore dose di lavoro o pianificazione di ciò che si sta per fare.

Dice Torres, che confronta Cristiano Ronaldo Con un livello di grasso stimato tra l’8 e il 9% contro il 25% di Maradona della sua età lavorativa. “A volte devi solo essere un prodigio, ma immagina di essere anche il più professionale, una macchina nelle palestre e per recuperare, questo è un altro livello”.

Lo specialista elenca una serie di processi importanti affinché i calciatori rimangano ad un alto livello di prestazioni nonostante più di 35 anni: preparazione fisica, dose di lavoro, recupero e, soprattutto dal suo punto di vista, professionalità individuale, qualcosa che gli esperti classificano come “allenamento invisibile, si riferisce alla cura di sé del giocatore in materia di insonnia, cibo e riposo.

Questo fine settimana Ibrahimovic ha raggiunto i 400 gol con club dopo aver vinto campionati come Italia (Juventus, Milan, Inter), Spagna (Barcellona), Inghilterra (Manchester United) e Francia (Paris Saint-Germain). È tornato anche in nazionale svedese all’età di 39 anni, che è una carta forte per andare ai Mondiali del 2022. È lo stesso caso Cristiano RonaldoChe raggiungerà in Qatar cinque partecipazioni ai Mondiali (avrà 37 anni).

READ  Bas Market: Julian Alvarez potrebbe lasciare River, il suo rappresentante ha parlato della sua posizione su MSL

“Non puoi entrare in queste situazioni senza professionalità, sono persone molto responsabili sotto ogni punto di vista. Non solo hanno il ruolo medico nel loro ambiente, ma hanno aspetti nutrizionali, psicologici e sociali ben controllati. Succede anche che negli anni acquisiscono esperienza per conoscere meglio il proprio corpo, sanno esattamente come reagire o riconoscere se stanno vivendo un sovraccarico”.

Il Dr. Torres afferma che questi tipi di giocatori hanno un allenamento fisico individualizzato che “stabilirà regimi specifici” dal riscaldamento al recupero. Questa pianificazione preventiva aiuta a mantenere l’equilibrio, perché “l’età è ancora un modello a cui non possono sfuggire, le ossa, i muscoli e le capacità rallentano, non fanno eccezione, tutto ciò che fanno è prendersi cura di se stessi e prendere una dose maggiore”.

Già in fase di recupero, gli attuali protocolli medici offrono opzioni come la crioterapia, dove si riposa in vasche di ghiaccio e la digitopressione, con scarpe piene di aria compressa per alleviare il dolore da acido lattico, nonché diete contenenti determinate quantità di proteine, aminoacidi e antiossidanti . LeBron James È un esempio calzante, ricorda Torres, perché pur non essendo un calciatore, ha un’ambulanza privata che lo accompagna a tutte le sue partite all’aperto, una clinica riabilitativa con materiali altamente avanzati.

Evidenzia inoltre che attualmente esiste una stretta collaborazione tra club e squadre nazionali per prendersi cura della salute dei calciatori, solitamente utilizzati in estate per campionati continentali o mondiali: “Le squadre mediche delle nazionali inviano una radiografia di ciò che il giocatore ha fatto e non ha fatto, torna con un report dettagliato che include dati come quello che ha mangiato, i minuti di gioco o le tipologie di allenamento”, che serve a mantenere un’analisi preventiva continua.

READ  Lo svizzero Luthi strappa il vantaggio all'italiano Bezzecchi - Motorsports

kg