Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Team All Blacks – Los Pumas, per il Campionato di Rugby: Smash come ai vecchi tempi della Nuova Zelanda

vestito vestito secondo la data e la qualità individuale di Nuova Zelanda Ferma lo slancio che hanno preso puma Nel Campionato di rugby. clamorosa vittoria per 53-3 Riflette la densità stampata da tutto nero Durante gli ottanta minuti, gli argentini non hanno saputo adattarsi alle avversità.

Una settimana dopo che la famiglia Pumas ha ottenuto il primo successo nella sua storia sul suolo della Nuova Zelanda, la gente del posto ha interagito con loro La sua migliore prestazione dell’anno. Gli argentini non hanno potuto giocare comodamente sotto la pressione della squadra di colore in tutti gli aspetti del gioco, soprattutto nel punto di contatto, che ha comportato perdite in difesa e gioco con palla veloce in ogni attacco. Inoltre, i visitatori non sono riusciti ad adattarsi alle condizioni climatiche che offrivano la notte Hamiltoninsieme a Pioggia intensa nel primo tempoe si sono impegnati Innumerevoli errori di guida; D’altra parte, tutti i neri sembravano inalterati da questa circostanza.

All Blacks vs Compact Cougars

Quarta vittoria più grande La storia tra i due prescelti lascia i neozelandesi in testa alla classifica del campionato di rugby prima del match tra Australia S Sud Africaun punto sopra i Pumas, che hanno due partite da affrontare SpringboxSarà il primo in 14 giorni allo stadio Vélez.

La prima giocata è stata davvero un esempio di come è stata l’intera partita. Uscita dalla Nuova Zelanda, knockout di Tommaso Lavanini, mischia, rigore, 3-0 in un minuto. A 10, un brutto calcio da Santiago Carreras La mischia lontano dalla Nuova Zelanda, che ha imposto il rigore, si è sistemato vicino alla porta e non ha perso tempo a segnare al primo tentativo, ha dato un puntello funzionato. Ethan DeGroot.

Come se l’Hakka fosse entrato in vigore, tutti i neri iniziarono con una stragrande maggioranza contro i Pumas.Bruce Lim – Photosport

La metà della mosca argentina non ha avuto successo nella leadership, nel processo decisionale e nell’uso del piede oltre ad essere stata colpita all’inguine. Nel secondo tempo è entrato Benjamin Urdabilitaquale – quale Tornato a Pumas dopo tre anni Ha giocato la sua prima partita contro gli All Blacks. Inoltre non era molto bravo con i calci, anche se è riuscito a ottenere una buona pausa.

READ  Polemica sull'arbitro della finale di UEFA Champions League

Nei commenti infrasettimanali, gli All Blacks hanno lasciato intendere che avrebbero usato molto di più i piedi. E lo hanno fatto, ma abilmente, non rinunciando al pallone ma dando a se stessi la possibilità di riaverlo, o almeno mettendo sotto pressione gli argentini. Ecco come sono arrivati, ad esempio, al secondo tentativo, terminato con una firma Caleb Clark Dopo una buona gestione dell’aria Will Jordan.

Avvertimento, prestazione in solitaria poco brillante e vittoria di qualcun altro: Thomas Lavanini non si è divertito ad Hamilton, nonostante i neozelandesi siano dal suo punto di vista "Non hanno fatto niente di bello".
Riserva, prestazione in solitaria poco brillante e altre vittorie: Thomas Lavanini non si è divertito ad Hamilton, nonostante i neozelandesi, a suo avviso, “non abbiano fatto niente di impressionante”.Michael Bradley – AFP

Nella seconda metà del primo tempo i Pumas hanno avuto un po’ più di controllo e due occasioni: una di loro ha finito per frustrarsi quando ha rubato la palla a Tommaso il Gallo In pieno svolgimento e il giorno dopo ne hanno solo aggiunte tre (24-3 in 33 minuti). Ma la fame degli uomini in nero (come il livello di eccentricità degli argentini) è stata osservata all’uscita successiva, che hanno recuperato dopo la tremenda pressione sulla reception, e di conseguenza hanno ottenuto un altro tentativo, da Rico Iwan.

Un altro esempio della differenza di fuoco tra le due squadre si è verificato all’inizio del secondo tempo. I Pumas hanno avuto possibilità a diversi minuti vicino alla porta di qualcun altro che hanno imposto rigori (e un cartellino giallo), ma non hanno ottenuto la meta. John Martin Gonzalez Lavanini si è avvicinato al supporto. Tuttavia, l’azione svanì e, in una reazione fatale iniziata da Ewan, Il più destabilizzante del giocoLa conquista è arrivata Jord Barrett (34-3) E il destino della partita è stato giudicato 20 minuti fa.

I volti di Matthias Orlando.  L'esterno di Tucumán Lavanini è stato sostituito in casa di Scrum nei 10 minuti dalla seconda fila trascorsi fuori dal campo a causa di un cartellino giallo.
I volti di Matthias Orlando. L’esterno di Tucumán Lavanini è stato sostituito in casa di Scrum nei 10 minuti dalla seconda fila trascorsi fuori dal campo a causa di un cartellino giallo.Premi UAR

La Nuova Zelanda ha subito sei sconfitte nelle otto partite precedenti, solo due volte nella sua storia (1928/30 e 1949). Allenatore Ian Foster Sotto una pressione tremenda, com’era il capitano, Sam Cane. La reazione è stata al culmine del paese di rugby più potente del mondo.

READ  Velez lo ha legato con l'Independiente al termine di una grande partita

Gli All Blacks non si sono mai arresi e hanno approfittato della confusione dei Pumas, troppo lontani dal tabellone senza rinunciare all’intervento. Non hanno reazioni emotive. C’era tempo per altre tre conquiste; L’ultimo con l’aggiunta di quattro minuti, a testimonianza della fame con cui hanno giocato i locali. Troppo per una squadra argentina lontana dagli standard che lui stesso ha imposto.

Quasi un'illusione ottica: un attacco franco-argentino sconfigge il brand neozelandese guidato da Pablo Matera.
Quasi un’illusione ottica: un attacco franco-argentino sconfigge il brand neozelandese guidato da Pablo Matera.Premi UAR

La dura sconfitta è un duro colpo per l’orgoglio argentino e ha smorzato il buon slancio guadagnato da quando ha preso il controllo della nazionale argentina. Michele Sceicco, la cui dirigenza – vale la pena ripetere – ha vinto una serie di vittorie consecutive in Argentina per la prima volta in 15 anni (contro la Scozia), ha ottenuto la più grande vittoria della sua storia contro una squadra di livello 1 (48-17 contro l’Australia a San Juan) e proveniva dalla loro primo successo in Nuova Zelanda. Le possibilità di vincere la competizione esistono ancora. Lo spettacolo, ora, è ritrovare il vigore che li ha distinti ed elevarli a quei risultati ma che erano assenti al Waikato Stadium. Niente di meglio che farlo in casa contro i campioni del mondo, in un paio di settimane.