Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Storica epidemia di dengue in Argentina: ci sono già stati 197 morti e più di 269.000 casi

Storica epidemia di dengue in Argentina: ci sono già stati 197 morti e più di 269.000 casi

Da luglio 2023 ad aprile 2024 sono stati segnalati più di 269.000 casi, il 90% dei quali erano indigeni (Illustrazione: Infobae)

Lui Ministero Nazionale della Sanità Pubblicare i dati più recenti sui casi di infezione Febbre dengue in Argentina. “Per quanto riguarda il conteggio cumulativo, sono stati notificati dalla settimana 31 del 2023 – fine luglio e inizio agosto – alla settimana 14 del 2024 – inizio aprile -) 269.678 casi di febbre dengue (90% locale, 7% sotto indagine e 3% importata), comprese 252.566 interviste. 2024“.

“I casi cumulativi di infezione in questa stagione finora hanno raggiunto 573 casi ogni 100.000 persone. Nello stesso periodo sono stati classificati e registrati 643 casi di dengue grave (0,2%). 197 morti (Il tasso di mortalità finora è dello 0,07%)” e hanno chiarito la questione Una malattia virale trasmessa dalle zanzare Aedes aegizi.

In questo senso, dal dossier sanitario, hanno dettagliato quanto segue: “Nell’analizzare la curva epidemica della dengue a livello nazionale Si registra una diminuzione del numero di casi settimanali Nella penultima settimana analizzata rispetto alla settimana precedente (nella settimana 13 si sono registrati finora 29.840 casi, circa il 32% in meno rispetto alla settimana 12). Anche se i casi delle ultime settimane vanno presi con cautela, perché modificabili a seconda della successiva integrazione delle informazioni da parte dei segnalanti, questo fenomeno non si verificava dalla settimana 50 del 2023 – metà dicembre – che è stata “verificata senza interruzione. ” Tendenza all’aumento dei casi fino alla settimana 12 del 2024”.

“Lo stesso comportamento di diminuzione del numero di casi nella settimana 13 rispetto alla settimana precedente è stato osservato nelle curve delle regioni Centrale, NOA, Quyo e Sud, mentre la tendenza al ribasso nella regione NEA è continuata per 9 settimane.” Lo hanno spiegato nel bollettino epidemiologico.

READ  Medicina integrativa, un nuovo paradigma che è arrivato a Junin -

In secondo luogo, il Ministero della Salute ha effettuato una serie di confronti tra l’attuale stagione di casi di dengue e quella precedente. “Rispetto ad altri anni epidemici, la stagione in corso è caratterizzata da un volume maggiore rispetto alle stagioni epidemiche precedenti: i casi accumulati fino all’EW14 rappresentano 3,35 volte in più rispetto a quelli registrati nello stesso periodo della stagione precedente – 2022/2023 – e 8,7 volte ” più di quanto registrato nello stesso periodo a partire dall’anno 2019/2020; La continua diffusione del virus per tutto il periodo nella regione del Vicino Oriente e del Nord Africa e l’aumento stagionale anticipato rispetto agli anni epidemici precedenti; E un numero di casi più elevato a settimana: secondo le informazioni finora disponibili, dall’EW06, il numero di casi ha superato il picco registrato nell’EW13 del 2023 quando sono stati registrati 18.211 casi.

Dobbiamo ricordarlo Sorveglianza della febbre dengue Viene effettuata stagionalmente, a partire dalla 31a settimana epidemiologica di un anno fino alla 30a settimana dell'anno successivo, in coincidenza con il picco di attività del virus, che solitamente si verifica nei mesi estivi. Sebbene manchino ancora diverse settimane per completare la misurazione di quest'anno, la soglia dei casi record registrati nella stagione precedente, che era poco più di 130.000, è già stata superata.

“La regione centrale ha finora una concentrazione del 58%, seguita dalle regioni NEA e NOA, che contribuiscono rispettivamente con il 21% e il 20% dei casi, mentre le regioni di Cuyo e del Sud contribuiscono meno dell’1%. il livello più alto corrisponde alla regione Il nord-est ha 1.315 casi ogni 100.000 abitanti, seguita dalla regione NOA con 888, il centro con 514, il Cuyo con 100 e il sud con 26”.

L’attuale stagione della dengue supera in dimensioni le stagioni precedenti (Getty)

Per quanto riguarda i sierotipi del virus della dengue, hanno osservato: “In questa stagione sono stati identificati 3 sierotipi finora diffusi nel paese, con il DEN-2 predominante, seguito dal DEN-1 (che insieme rappresentano oltre il 99,8% dei casi ) e un piccolo numero di casi DEN-3: durante le ultime settimane epidemiologiche sono stati rilevati 137 casi di coinfezione con i sierotipi DEN-1 e DEN-2, corrispondenti principalmente alle regioni centrali e del Vicino Oriente e non associati a casi deceduti.

READ  Zulianos rappresenterà il Venezuela nella competizione di robotica in Italia

Hanno continuato: “Nello stesso periodo, sono stati registrati un totale di 643 casi con criteri gravi di dengue in 19 giurisdizioni e 197 decessi in 17 giurisdizioni (187 casi risalenti al 2024)”.

Dopo una serie di giornate con temperature più basse e l'arrivo dell'autunno: le giornate fredde possono ridurre il numero di zanzare che trasmettono la febbre dengue, quali sono le specie Aedes a Egypti?

Silvia Fisher, Il ricercatore, membro del Mosquito Study Group (GEM) presso la Facoltà di Scienze esatte e naturali dell'UBA, ha parlato con informazione In una recente nota spiegava: “Con l'avvento del freddo i casi di dengue diminuiranno lentamente, questo è vero. “Questo perché i processi biologici delle zanzare diventano più lenti con il freddo, quindi impiegano più tempo tra la deposizione di un uovo e l'altro: pungono di meno e il virus impiega più tempo a replicarsi nelle zanzare.”

L’eliminazione dei siti di riproduzione delle zanzare è essenziale per prevenire la diffusione della febbre dengue nelle case e nei luoghi pubblici (illustrazione)

Secondo Fisher, “Tutto ciò porta a una graduale diminuzione del numero dei casi Non sarà immediato. Poiché in questo momento ci sono molte zanzare infette, finché sopravvivono e pungono, la trasmissione continuerà. Abbassare la temperatura non ucciderà immediatamente tutte le zanzare.

E da parte sua, la biologa Laura Harburger, Alla consultazione ha contribuito un ricercatore CONICET presso l’Unità di ricerca e sviluppo della difesa strategica (UNIDEF). informazione Nello stesso articolo: “È possibile che le giornate fredde persistenti riducano i casi, motivo per cui dovrebbe accadere”. Ci sono diversi giorni in cui le temperature scendono costantemente sotto i 15 gradi Celsius.

READ  Arrivederci, Draghi | oggi

Lo specialista spiega: “In questo momento è necessario eliminare le zanzare adulte che si stanno diffondendo; Per le femmine, si nutrono di sangue. Se c'è un giorno in cui la temperatura scende, ciò non accadrà. Ma poiché le temperature continuano a scendere per giorni, il numero di femmine adulte che mordono e trasmettono la malattia potrebbe diminuire.

Per quanto riguarda le misure da tenere in considerazione, vengono eliminati i siti di riproduzione delle zanzare nelle case e nelle aree comuni. Per fare questo è necessario eliminare, mescolare o sterilizzare frequentemente i contenitori in cui si accumula acqua, anche se piccola, sia all'interno che all'esterno dell'abitazione.

L’uso di repellenti e l’eliminazione delle zanzare adulte sono misure chiave per fermare la trasmissione della dengue (Illustrated Image Infobae)

Coprire o coprire anche contenitori di grandi dimensioni come botti o vasche rialzate con zanzariere e grondaie pulite. È importante pulire l'annaffiatoio e cambiare l'acqua ogni giorno. Le piscine dovrebbero rimanere clorate e coperte quando non vengono utilizzate. La partecipazione e la perseveranza di ogni comunità in questi compiti sono essenziali. Nelle aree in cui è attiva la trasmissione della dengue, si consiglia di eliminare le zanzare adulte utilizzando insetticidi per fermare la trasmissione.

Questa procedura richiede personale addestrato affinché le procedure siano efficaci e allo stesso tempo prevengano lo sviluppo di resistenza delle zanzare agli insetticidi. Inoltre, si consiglia di utilizzare i repellenti secondo le istruzioni dei produttori, come misura di protezione individuale permanente finché le condizioni persistono.