Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stati Uniti e Israele, un’alleanza che va oltre …

Il determinismo storico e strategico del conforto politico reciproco porta sempre alla stessa conclusione Israele e Stati Uniti. Camminano insieme, ma non solo sulla delicata questione della Palestina. Joe Biden appare oggi come una colomba accanto a Donald Trump, ma la sua carriera dimostra il contrario. L’ex presidente ha parlato della “debolezza” del suo successore per non aver appoggiato il governo di Benjamin Netanyahu a pochi giorni dall’inizio della sua operazione “Guardian of the Wall”. Ma gli Stati Uniti non sono rimasti in silenzio: hanno bloccato una successiva risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che chiedeva la cessazione delle ostilità durante l’aggressione israeliana alla Striscia di Gaza.

Un vero Biden potrebbe essere controverso. Ma i fatti mostrano il sostegno incondizionato di Washington al suo principale partner economico e militare in Medio Oriente dal 1967, quando Lyndon Johnson era alla Casa Bianca. L’attuale presidente ha detto questo 35 anni fa al Senato: “Se non c’è Israele, gli Stati Uniti dovrebbero inventarne uno per proteggere i nostri interessi nella regione”. Era il 5 giugno 1986. Biden ha perso i capelli, ma non le idee che aveva.

Le relazioni tra i due paesi non sono soggette a modifiche dopo i presidenti e i loro governi. Si sono ridotti nel mezzo della Guerra Fredda e le loro dinamiche hanno raggiunto la posizione che sono oggi. I loro interessi geopolitici sono soprattutto. Trump sembrava i crociati in Terra Santa, ma nemmeno Biden è un Magi. Una delle differenze è che il primo ha ritirato l’assistenza sociale alla Palestina nell’agosto 2018.a. Lo scorso aprile, il presidente democratico ha restituito all’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi in Medio Oriente (UNRWA) – per l’acronimo inglese – i soldi che gli aveva tolto. SStenderanno 150 milioni di dollari a questa organizzazione, altri 75 milioni di dollari per gli aiuti umanitari in Cisgiordania e Gaza e altri 10 milioni di dollari per sostenere il processo di pace.

READ  Corona Virus: l'Organizzazione Mondiale della Sanità avverte della possibilità di generare nuove varianti più pericolose di Delta | "L'epidemia non è ancora finita"

Il numero di aiuti finanziari che Israele riceve dagli Stati Uniti ha raggiunto i 3 miliardi all’anno, secondo i dati dell’USAID. Agenzia Mondiale dell’Energia per il dichiarato “Sviluppo Internazionale”. Sebbene la differenza nelle risorse che Washington stanzia al suo alleato riguardo all’Autorità Palestinese sia incomparabile, in Israele si sono lamentati dell’azione intrapresa da Biden con l’agenzia per aiutare i rifugiati. Gilad Erdan, il suo ambasciatore negli Stati Uniti e alle Nazioni Unite – e svolge la duplice funzione – ha commentato il mese scorso con le parole di diverse agenzie internazionali: “Ho espresso il mio disappunto e il mio rifiuto della decisione di rinnovare il finanziamento dell’UNRWA senza prima garantire riforme specifiche, compreso il blocco dell’incitamento e la rimozione dei contenuti antisemiti dai propri curricula educativi.

Spesso assente in questa relazione simbiotica è il suo predominio militare nella regione. Nel settembre 2017, quando Trump aveva governato nove mesi fa, gli Stati Uniti hanno aperto la prima base permanente nel suo paese all’interno di un edificio, dove opera l’Accademia dell’aeronautica israeliana, a ovest di Dimona e Rajam, nel deserto del Negev. . I suoi colloqui di apertura sono iniziati sotto Barack Obama, di cui Biden era il suo vice. Le Brigate Izz al-Din al-Qassam, l’ala armata di Hamas, hanno riferito di un attacco missilistico su Dimona. C’è un centro per la ricerca nucleare. Gli Stati Uniti hanno anche un radar a est di quella città che monitora i lanci di missili nell’area, secondo defence.com.

La cooperazione militare israelo-americana è diventata così normale che alimenta le industrie di armi che esistono nei due paesi come poche alleanze. Qualsiasi analogia da tracciare con la risposta di Hamas in Palestina sembra un esercizio leggero. Specialista in affari militari, Paul Rogers ha scritto su Open Democracy Un articolo dettagliato dal titolo: “Alla fine del confronto tra Israele e Gaza, l’industria degli armamenti è l’unico vincitore”.

READ  Hanno arrestato un presunto ricattatore della banda Lenin Kanchola عصابة

L’autore afferma che “le aziende israeliane saranno particolarmente interessate a dare la migliore brillantezza possibile alle prestazioni delle armi, in particolare il sistema Iron Dome, poiché mirano ad aumentare le vendite delle loro armi” che hanno dimostrato il loro valore nella lotta “. Poiché le aziende israeliane lavorano a stretto contatto con le società americane, sarà un’operazione congiunta con la lobby militare degli Stati Uniti “.

Il problema umanitario più grave che questa entità non vede sul suo radar è quello che è stato lasciato dalle bombe che hanno distrutto interi edifici a Gaza o dai missili che hanno lasciato la Striscia di Gaza e hanno causato danni nelle città del sud di Israele. Il ministero della Salute di Gaza ha affermato che 232 palestinesi – tra cui 63 bambini – sono stati uccisi nei bombardamenti israeliani, mentre 12 sono stati uccisi dall’altra parte del confine fortificato. Il risultato aggiuntivo citato da Hamas è lo sfollamento di 120.000 persone. Della popolazione totale nella Striscia, che è poco più di 2 milioni, rappresentano circa il 5% di questa cifra.

Un’altra derivazione principale di questa escalation è come la convivenza sospettosamente pacifica tra israeliani e arabi o palestinesi abbia sofferto in diverse città. Quest’ultimo ha imparato una cosa dalle precedenti guerre con lo stato ebraico: non si ritireranno dalle loro terre anche se la crescente campagna di colonialismo di destra di Netanyahu continuerà. Con la sua politica di guerra, il primo ministro israeliano ha dimostrato di non volere due stati. Questa volta ha scatenato l’occupazione delle aree vicine alla moschea di Al-Aqsa nella contesa Gerusalemme.

READ  La Francia imporrà una multa di 1.500 euro ai viaggiatori provenienti da Argentina, Brasile e Cile che non rispettano la quarantena

Non ha scelto a caso i giorni per farlo. Era alla fine del Ramadan, e anche il 15 maggio, quando i palestinesi subirono la Nakba – che significa disastro in arabo – che ricorda l’espulsione e l’esodo di massa del loro popolo tra giugno 1946 e maggio 1948 in mezzo all’arabo. -Guerra israeliana. guerra.

Biden ha sollecitato un cessate il fuoco dopo che la risposta israeliana è stata abbastanza sproporzionata Contro i razzi di Hamas lanciati dalla Gaza assediata e impoverita. Trump avrebbe elogiato questo attacco da una posizione più contemplativa. Questo ruolo non altera la coalizione omogenea e immutabile che i governi di Washington e Gerusalemme hanno costruito quasi sei decenni fa.

[email protected]