Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stati Uniti e Francia avvertono l’Iran che il tempo stringe per salvare l’accordo nucleare

Anthony Blinken ascolta Jean-Yves Le Drian durante la loro conferenza stampa congiunta il 25 giugno 2021 a Parigi afp_tickers

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 giugno 2021-12:58

(AFP)

Gli Stati Uniti e la Francia hanno avvertito venerdì l’Iran che il tempo per riorganizzare il suo programma nucleare stava per scadere e hanno espresso preoccupazione per il fatto che le attività nucleari di Teheran sarebbero migliorate se i colloqui fossero continuati.

Durante la prima visita di alto profilo a Parigi dell’amministrazione del presidente Joe Biden, il segretario di Stato Anthony Blinken e i suoi ospiti francesi hanno accolto un nuovo spirito di cooperazione dopo quattro anni di turbolenze sotto Donald Trump.

Ma entrambe le parti hanno affermato che una promessa chiave di Biden – tornare all’accordo del 2015 sull’accordo nucleare iraniano che Trump ha silurato – è in pericolo se il regime iraniano non fa concessioni durante i mesi di colloqui a Vienna.

“Verrà un momento in cui, sì, sarà difficile tornare ai parametri” dell’accordo, ha detto Blinken ai giornalisti.

“Non siamo arrivati ​​a quel punto – non posso datarlo – ma è qualcosa che sappiamo”, ha aggiunto.

Blinken ha avvertito che se l’Iran avesse continuato a far funzionare “centrifughe sempre più sofisticate” e ad aumentare l’arricchimento dell’uranio, avrebbe accelerato il suo “crollo” quando era vicino a essere in grado di sviluppare una bomba nucleare.

Ma Blinken ha affermato che Biden ha ancora sostenuto un ritorno all’accordo in base al quale l’Iran ha ridotto il suo programma nucleare fino a quando Trump non si è ritirato nel 2018 e ha imposto sanzioni all’economia iraniana.

“Abbiamo un interesse nazionale nel cercare di riportare il problema nucleare al punto di partenza”, ha detto Blinken.

– Procrastinare come strategia? –

Anche la Francia – che come Gran Bretagna, Germania, Russia e Cina ha aderito all’accordo del 2015 nonostante le pressioni di Trump – ha aumentato la pressione sull’Iran affinché ritorni all’accordo.

“Speriamo che le autorità iraniane prendano le decisioni finali e indubbiamente difficili che consentiranno di concludere i negoziati”, ha detto il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian in una conferenza stampa congiunta con Blinken.

I colloqui si sono bloccati in parte a causa dell’insistenza dell’Iran affinché tutte le sanzioni vengano revocate.

L’amministrazione Biden si dice disposta a revocare le misure economiche relative al programma nucleare, come previsto dall’accordo, ma manterrà in vigore altre sanzioni, comprese quelle relative ai diritti umani.

Alcuni esperti ritengono che l’Iran stia aspettando l’elezione di Ebrahim Raisi, il cui approccio intransigente sostiene il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei, l’arbitro più anziano della politica estera della Repubblica islamica.

Gli analisti stimano che l’Iran possa raggiungere un accordo prima che Raisi si insedi ad agosto, lasciandogli il merito della prevista spinta economica, ma accusa il presidente uscente Hassan Rouhani, un moderato che ha chiesto un miglior rapporto con l’Occidente, se la situazione dovesse peggiorare . .

Blinken è in un tour europeo che lo ha portato anche in Germania e proseguirà in Italia, subito dopo la visita di Biden nell’antico continente.

L’amministrazione cerca di rafforzare le relazioni con gli europei di fronte alle crescenti sfide di una Cina in ascesa e di una Russia assertiva.

Per quanto riguarda i punti caldi di importanza strategica per i francesi, Blinken ha anche promesso solidarietà nella lotta all’estremismo nella regione del Sahel e un fronte unito in Libano.

“Abbiamo deciso di lavorare insieme per fare pressione sui funzionari. Sappiamo chi sono”, ha detto Le Drian, riferendosi al Libano impantanato in una doppia crisi economica e politica.

“Dobbiamo vedere una vera leadership a Beirut”, ha aggiunto Blinken.

READ  I datori di lavoro della banca avvertono che c'è spazio per ulteriori licenziamenti Economie