Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Starliner è già diretto alla Stazione Spaziale Internazionale: quando arriverà

Il lancio è stato effettuato da un razzo Atlas V della United Launch Alliance (ULA), dalla base di Cape Canaveral, in Florida. REUTERS/Steve Nesio

Dopo anni di fallimenti e ritardi, il colosso dell’aviazione americana Boeing cercherà di tornare alla competizione spaziale e battere la società di successo SpaceX, Di proprietà di Elon Musk, con il lancio della sua nuova collezione capsula spaziale Starliner A Un volo di prova diretto alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Lanciato da Il razzo Atlas V della United Launch Alliance (ULA), dalla base di Cape Canaveral, in Florida, nel sud-est degli Stati Uniti Alle 19:54 ora dell’Argentina (22:54 GMT). Starliner si sposterà con la Stazione Spaziale Internazionale in circa 24 ore.

Questo volo di prova senza pilota mira a determinare se la capsula è in grado di trasportare esseri umani e raggiungere in sicurezza la Stazione Spaziale Internazionale, La cosa che ha provato senza successo nel 2019, quando Il veicolo spaziale ha dovuto tornare presto sulla Terra a causa di un problema software interno, che in casi estremi evitano una catastrofe. Quindi, nell’agosto 2021, un nuovo test ha dovuto essere annullato poco prima del lancio, a causa di un problema alla valvola scoperto durante i controlli di prova finali.

Lo Starliner sarà lanciato da un razzo Atlas V della United Launch Alliance (ULA) dalla base di Cape Canaveral (BOEING / JOHN GRANT)
Lo Starliner sarà lanciato da un razzo Atlas V della United Launch Alliance (ULA) dalla base di Cape Canaveral (BOEING / JOHN GRANT)

Nel frattempo, SpaceX, una nascente industria aerospaziale rispetto al gigante Boeing, ha superato i propri test e ha iniziato a far volare gli astronauti della NASA in missioni regolari. Totale, Elon Musk ha già trasportato 18 astronauti con la propria capsulail Dragone, oltre a quattro passeggeri privati ​​che hanno pagato i biglietti per partecipare a una missione di turismo spaziale.

READ  Atari 50 The Anniversary Celebration: una festa retrò con oltre 90 giochi classici

però, La NASA vuole diversificare le sue opzioni, quindi non rischia di rimanere di nuovo senza mezzi di trasporto battenti bandiera americana, come è successo dopo la chiusura delle missioni dello Space Shuttle nel 2011. Fino all’avvento di SpaceX, l’agenzia spaziale statunitense ha dovuto pagare i posti dell’equipaggio sui razzi russi Soyuz. “Il lancio è un passo fondamentale per noi verso due veicoli che trasportano regolarmente equipaggi”, ha detto in una conferenza stampa Dana Weigel, vice responsabile del programma per il programma della Stazione Spaziale Internazionale presso la NASA.

accoppiamento di precisione

La NASA e la Boeing continuano i preparativi in ​​vista del secondo volo Starliner senza equipaggio per dimostrare la sua capacità di trasportare astronauti da e verso la Stazione Spaziale Internazionale.  (Contenitore)
La NASA e la Boeing continuano i preparativi in ​​vista del secondo volo Starliner senza equipaggio per dimostrare la sua capacità di trasportare astronauti da e verso la Stazione Spaziale Internazionale. (Contenitore)

In questo volo di prova, una bambola di nome Rosie sarà seduta al posto del capitano. È dotato di circa 15 sensori, Progettato per raccogliere informazioni sui movimenti della struttura. Starliner trasporta anche circa 230 chilogrammi di rifornimenti destinati alla stazione, che orbita a circa 400 chilometri sopra la Terra.

L’arrivo degli astronauti a bordo della Stazione Internazionale seguirà da vicino il loro arrivo alla Stazione Spaziale Internazionale di venerdì, intorno alle 23 GMT. Richiederanno prima che la capsula si assesti a circa 250 metri, prima di procedere con una manovra di atterraggio e ormeggio di precisione. Lo slot della capsula non si aprirà fino al giorno successivo, sabato. Lo Starliner deve rimanere attaccato alla Stazione Spaziale Internazionale per circa 5 giorni, prima di tornare sulla Terra Sbarcare nel deserto del New Mexico, negli Stati Uniti occidentali, alla base di White Sands.

READ  MIUI 13 e Android 12 arrivano sui nuovi dispositivi Xiaomi

La nuova capsula CST-100 Starliner (Crew Space Transportation) ha un diametro di 4,56 metri Si tratta di un progetto di veicolo spaziale proposto da Boeing in collaborazione con Bigelow Aerospace per il CCDev (Programma di sviluppo dell’equipaggio commerciale) della NASA. È progettato per essere in grado di trasportare fino a sette persone, rimanere in orbita fino a sette mesi ed essere riutilizzato per un massimo di dieci missioni.

La navicella spaziale Boeing CST-100 Starliner, lanciata su un razzo Atlas V della United Launch Alliance, è stata vista paracadutarsi dopo un breve test di volo orbitale per i programmi dell'equipaggio commerciale della NASA a White Sands (NASA/Bill Ingalls via REUTERS)
La navicella spaziale Boeing CST-100 Starliner, lanciata su un razzo Atlas V della United Launch Alliance, è stata vista paracadutarsi dopo un breve test di volo orbitale per i programmi dell’equipaggio commerciale della NASA a White Sands (NASA/Bill Ingalls via REUTERS)

Frequenti battute d’arresto

Lo sviluppo del progetto Starliner si è rivelato una lunga saga piena di ostacoli per Boeing. Nel 2019, la capsula non è stata posizionata nell’orbita corretta a causa di un problema con il suo orologio e ha dovuto tornare sulla Terra due giorni dopo. Boeing in seguito ha scoperto che altri problemi software avevano quasi causato un grave malfunzionamento del volo. La NASA ha messo insieme un lungo elenco di raccomandazioni e modifiche da apportare. Poi, nel 2021, quando il razzo era già sulla rampa di lancio per un nuovo test di lancio, un problema di umidità ha provocato una reazione chimica che ha impedito l’apertura di alcune valvole nella capsula. Dovette tornare alle officine per un’ispezione per 10 mesi.

Questi mesi sono stati difficiliSteve Stitch, responsabile del programma commerciale con equipaggio della NASA, ha riconosciuto in una conferenza stampa. “Abbiamo risolto il problema e ci stiamo dirigendo verso il decollo”, ha detto con soddisfazione.

Specifiche tecniche della capsula Starliner e del razzo che la alimenta (NASA)
Specifiche tecniche della capsula Starliner e del razzo che la alimenta (NASA)

Il problema è stato risolto isolando ermeticamente le nuove valvole per impedire l’ingresso di umidità.“Ma in futuro, altre soluzioni a lungo raggio, tra cui un design modificato, sono già in fase di analisi da parte di esperti. La posta in gioco è alta per l’azienda che spera di effettuare il suo primo volo con equipaggio entro la fine dell’anno. Questa seconda missione di prova sarà fondamentale per ottenere finalmente l’approvazione dalla NASA.

READ  I guanti Razer per giocatori miglioreranno la precisione sui dispositivi mobili

Ma Il programma esatto dipenderà dalle prestazioni della capsula questa settimanache allo stesso tempo può in qualche modo ripristinare l’immagine di Boeing, offuscata da frequenti battute d’arresto.

Continuare a leggere: