Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Spagna, paese europeo con le tasse automobilistiche più basse | Economie

Il venditore appare all’interno dell’auto al cliente.Cristobal Castro

Le case automobilistiche e i concessionari si agitano ogni volta che sentono un potenziale aumento delle tasse sull’auto. O questo fissa il prezzo del gasolio o la tassa di immatricolazione, come è successo l’anno scorso. L’ultimo rapporto preparato dall’Associazione europea dei datori di lavoro dei produttori, ACEA per l’acronimo inglese, mostra che la Spagna è il paese dell’Unione europea che sta riducendo la proprietà dell’imposta sui veicoli, con solo € 1.068 all’anno in media.

Questo carico fiscale sull’uso delle auto non ha nulla a che fare con la tassa che il Belgio impone ai suoi conducenti (3187 euro), tre volte, ma anche altri paesi dell’Europa meridionale simili alla Spagna a causa dei bassi livelli di reddito: la Grecia guadagna in media 1.264 euro, Portogallo 1.528. euro. L’Unione Costruttori ha stabilito la sua scala tenendo conto di cinque fattori di spesa con le sue diverse problematiche nazionali: l’imposta sul valore aggiunto che si applica alla vendita o alla riparazione del veicolo, la tassa di immatricolazione, la tassa di circolazione, le tasse sugli idrocarburi e la quinta clausola che raccoglie altri codici fiscali che influiscono sull’uso dell’Auto.

L’impostazione dei dati può essere influenzata dal tipo di veicoli venduti in Spagna, a condizione del potere d’acquisto: più piccoli e più economici. Ma i risultati contrastano con altri grandi parcheggi nell’Unione europea. La Germania impone tasse ai proprietari delle sue auto 1963 euro; Francia, 1.911 euro; E l’Italia 1.727 euro.

maggiori informazioni

Questa situazione significa che le tasse automobilistiche in Spagna consentono fino a 30.800 milioni di euro di entrare in diverse amministrazioni, che è molto meno di 100.000 milioni in Germania (con la più grande flotta di veicoli del continente, data la sua popolazione più numerosa) e 86.400 milioni di euro. E 76.300 milioni entrano rispettivamente in Francia e in Italia.

READ  economico diretto | Aedas sta valutando un acquisto dalla società di costruzioni Navarra ACR Grupo

In ogni paese, l’aliquota o la tassa hanno più o meno peso. In Spagna, come in altri paesi come Germania, Francia e Italia, la maggior parte del reddito proviene dalla tassa sugli idrocarburi. Due terzi del reddito (21.500 milioni) ogni anno proviene da questa voce. Segue l’imposta sul valore aggiunto per l’acquisizione di prodotti e servizi legati all’auto (compreso il suo acquisto), che rappresenta 5.000 milioni di euro e 2.900 milioni di bollo che spetta ai Comuni. La tassa di immatricolazione, i cui prezzi sono aumentati all’inizio dell’anno per effetto del nuovo sistema di controllo delle emissioni, ha contribuito per quasi 500 milioni di euro.

La recente polemica in cui si è risolto il governo spagnolo sulla questione delle tasse inciderà sul prezzo del gasolio, in quanto si prevede di rivedere i tagli che questo carburante contiene. Il CEO vuole scoraggiare le sue vendite e quindi dare la priorità alle vendite di auto elettriche e ibride. Allo stesso modo, l’Associazione dei datori di lavoro Anfac ha chiesto che le tasse di registrazione e di circolazione siano unite, in modo da scegliere un altro modello che non specifica molto le tasse nella funzione di potenza ma per le emissioni inquinanti, che oggi sono prese in considerazione nella tassa di deposito.

Investire sui punti di spedizione

In tutta l’Unione Europea, ACEA stima che le entrate arrivino a 398.400 milioni di euro di entrate fiscali, il 3% in più rispetto allo scorso anno, secondo l’ultima edizione della guida fiscale preparata dai datori di lavoro. “Le tasse su veicoli, strade e carburanti generano ogni anno grandi entrate per i governi nell’Unione europea”, difende il segretario generale dell’organizzazione, Eric Mark Heetema.

READ  Herrera partecipa alle riunioni del G20 per esprimere la sua posizione sull'imposta sulle società digitali

Come parte della sua strategia di fare pressioni per potenziare l’installazione di punti di ricarica, Huitema chiede che una parte di queste risorse venga utilizzata per aiutare a finanziare questa infrastruttura essenziale per rilanciare il mercato elettrico, dando più fiducia ai potenziali acquirenti che ancora non lo fanno fidati di come ricaricare ulteriormente le auto elettriche. Luoghi popolari. “In effetti, circa un quarto delle nuove auto vendute nell’Unione europea è stato addebitato con l’elettricità”, sostiene.