Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Eurostat taglia un decimo del PIL dell’eurozona, fino allo 0,6% nonostante la guerra

Il prodotto interno lordo sia per l’eurozona che per l’Unione europea è cresciuto dello 0,6% nel secondo trimestre di quest’anno rispetto al trimestre precedente, secondo i dati pubblicati mercoledì dall’Ufficio di statistica di Eurostat. Il nuovo conto di Eurostat per l’eurozona è un decimo in meno rispetto a quanto presentato nella stima iniziale dello 0,7% divulgata a fine luglio, ma non cambia nel caso del blocco nel suo insieme.

Pertanto, la crescita dell’attività economica nell’Unione Europea rimane stabile rispetto all’aumento osservato tra gennaio e marzo di quest’anno e sta accelerando di un decimo dei paesi a moneta unica che hanno registrato un’espansione dello 0,5% nei primi tre mesi di questa anno. 2022. Per il secondo trimestre del 2021, ciò rappresenta una crescita economica del 3,9% nell’area dell’euro e del 4% nei 27, valori inferiori agli incrementi rispettivamente del 5,4% e del 5,5% osservati nei primi tre. mesi dell’anno.

Per paese, l’economia tedesca ha ristagnato tra aprile e giugno di quest’anno e ha registrato una crescita dello 0% rispetto all’espansione dello 0,8% nel trimestre precedente. A un tasso annuo, la più grande economia del blocco è cresciuta dell’1,5%. La Francia, a sua volta, ha registrato una crescita economica dello 0,5% nel secondo trimestre, il che significa che l’economia francese sta riprendendo il suo percorso espansivo dopo essere scesa dello 0,2% nel primo trimestre. Rispetto al 2021, il PIL francese è cresciuto del 4,2%. La Spagna ha registrato il tasso di crescita più alto tra le quattro maggiori economie dell’eurozona, con una crescita economica nel primo trimestre dell’1,1%, appena un decimo in più dell’Italia e nove decimi in più rispetto all’aumento tra gennaio e marzo. Il tasso di crescita economica della Spagna è stato del 6,3% anno su anno.

READ  Le rimesse ricevute in DR aumentano nel primo trimestre del 2021

Rallentamento della creazione di posti di lavoro

Il numero degli occupati è invece aumentato dello 0,3% nell’Eurozona e nell’Unione Europea nel secondo trimestre del 2022 rispetto ai primi tre mesi dell’anno, dove l’incremento è stato rispettivamente dello 0,6% e dello 0,5%. . Ciò rappresenta un aumento dell’occupazione rispetto allo stesso trimestre del 2021 del 2,4% nei paesi a moneta unica e del 2,3% nel blocco nel suo insieme, a fronte di un aumento del 2,9% e del 2,8% nel primo trimestre.