Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Spagna, Grecia e Italia sono le tre principali diversità economiche

Spagna, Grecia e Italia sono le tre principali diversità economiche

Il Portogallo è stato uno dei paesi europei che ha risentito maggiormente della crisi finanziaria del 2007. L’economia portoghese, come quella di Spagna, Italia e Grecia, ha subito un primo shock (2007-2009) e un secondo shock, più grave. , durante il debito sovrano. La crisi (2010-2013) ha quasi rotto l’Euro. In quel periodo i media anglosassoni coniarono un termine dispregiativo per descrivere questi paesi con seri problemi nel finanziamento dei mercati: PIGS (dagli inglesi Portogallo, Italia, Grecia e Spagna). Anche se oggi il termine si sente raramente, non c'è dubbio che la storia del Portogallo merita un capitolo a parte per la sua straordinaria ripresa poiché questi paesi sono riusciti a stabilizzare il proprio debito e a finanziarsi sui mercati. L'economia portoghese è in ritardo rispetto ai PIGS (che significa maiali in inglese) su diversi indicatori chiave che fanno presagire un futuro promettente per il “vicino povero” della Spagna.

Perché l'economia portoghese non può essere messa nei maiali? Ci sono molti fattori diversi: il Portogallo oggi è uno dei maiali che ha un surplus di bilancio; È l’unica economia con un debito pubblico inferiore al 100% del Pil; E, infine, il suo credito è valutato con il grado di investimento “A” (uno dei rating più alti) da tutte le agenzie di rating.

Inoltre, l’economia portoghese sta registrando una forte crescita e un tasso di disoccupazione inferiore rispetto ad altri paesi dell’Europa meridionale. Nel 2023, il Pil è cresciuto del 2,3%, dopo aver previsto un miglioramento del 6,8% nel 2022, la crescita più elevata dal 1987. D’altro canto, il tasso di disoccupazione è del 6,6%, molto inferiore a quello di Grecia e Spagna. E anche l'Italia.

Considerando questi indicatori, sembra ingiusto continuare a mettere i portoghesi nella stessa “borsa” degli altri paesi dell’Europa meridionale. In termini di sostenibilità del credito. Questo traguardo è stato raggiunto all'inizio del mese scorso quando Standard and Poor's (S&P) ha alzato il rating del Portogallo ad “A-“, mantenendo un outlook positivo, con il paese che ha ricevuto un voto A da tutte le agenzie internazionali. 13 è qualcosa che non accade. anni.

READ  Serie A italiana: questa domenica Milan e Inter cercheranno la corona | Giocheranno rispettivamente contro Sasuke e Sampdoria; Ju cadde e Dipala disse addio

Il miracolo del debito portoghese

Tre anni fa il debito pubblico portoghese sfiorava il 140% del Pil. Oggi questo rapporto è inferiore al 100%. Per capire meglio cosa sta succedendo, vale la pena confrontare l'evoluzione del debito portoghese con quello spagnolo, un altro 'PIGS'. I dati parlano da soli. Nel 2011 la differenza del debito pubblico era di 50 punti di Pil a favore della Spagna, mentre oggi la differenza è a favore del Portogallo, che ha un debito di 10 punti in meno del Pil. In Portogallo il debito è inferiore al 100% del Pil, mentre in Spagna supera il 109%. Un pedigree che continua la sua marcia.

“Si prevede che il debito pubblico lordo diminuirà da oltre il 135% del Pil alla fine del 2020 a meno del 100% del Pil alla fine del 2023. Questo è uno dei maggiori cali tra i suoi pari“, dicono l'agenzia Fitch in un report pubblicato qualche settimana fa.

Si sostiene che buona parte del successo portoghese sia il risultato dei sacrifici e degli sforzi del periodo 2011-2015 (riforme strutturali, tagli, svalutazione interna). C’è del vero in questo, ma buona parte di questo “consolidamento fiscale” si è verificato negli ultimi anni, guidato da una solida crescita economica, dall’inflazione (riducendo il peso del debito nel PIL) e dal contenimento dei costi. Una buona prova di ciò è il debito nominale, cioè Il debito pubblico in euro resta invariato per tutto il 2023In Spagna, ad esempio, sarebbe cresciuto fino a superare i 50 miliardi di euro. Come se ciò non bastasse, tutto fa pensare che il “miracolo” del debito portoghese continui.

La settimana scorsa, il Ministero delle Finanze portoghese Ha rivisto al ribasso le sue proiezioni per il rapporto debito pubblico del paese al 95,1% del PIL Quest’anno, dopo essere sceso al 99,1% nel 2023, secondo i dati dell’Istituto nazionale di statistica (INE) pubblicati poche settimane fa. La riduzione dello scorso anno, al di sotto del 103% previsto dal Ministero delle Finanze in ottobre, e il miglioramento del saldo di bilancio (eccedenza dell'1,2% del Pil) hanno portato il Ministero al centro di Lisbona.

READ  Secondo i primi sondaggi, la destra ha vinto le elezioni comunali parziali in Italia a Palermo e Genova.

Così, nelle informazioni inviate a Bruxelles nel quadro della procedura per i disavanzi eccessivi, le proiezioni per quest'anno sotto la responsabilità del Ministero delle Finanze indicano un rapporto debito/PIL del 95,1%.

Tutto sommato, la conferma di Fitch del 22 marzo sembra logica Il rating “A” del debito portoghese e il suo outlook positivo. In un rapporto di accompagnamento, gli economisti dell'agenzia hanno affermato: “Il rating del Portogallo è supportato da indicatori di governance superiori alla media per i paesi classificati 'A', dalla forza istituzionale sostenuta dalla sua appartenenza all'UE e all'Eurozona, e Una storia di disciplina finanziariaCiò ha portato a un processo di disimpegno dopo la crisi del debito sovrano dell’Eurozona”.

La spesa pubblica in Portogallo

Il caso del Portogallo è esemplare in termini di spesa: dal 2014 (quando ha raggiunto il 50% del Pil), la spesa pubblica è in forte calo in percentuale del Pil (ad eccezione delle epidemie). Il Portogallo ha sfruttato anni di crescita per ridurre relativamente la spesa (rispetto al PIL), mentre nel caso della Spagna questo movimento è stato più allarmante o inesistente.

Il Paese è uno dei pochi in Europa a registrare surplus fiscali, il che significa che guadagna più di quanto spende. Di fronte alle sorprese negative della Francia (deficit al 5,5% del Pil nel 2023)”Il Portogallo ha registrato un avanzo di bilancio stimato all’1,3% del PIL Il 2023 è stato migliore di 0,8 punti percentuali rispetto a quanto avevamo previsto nell’ultima revisione del rating nel settembre 2023”, concordano gli esperti di Fitch.

“Il Portogallo si confronta con il paese medio di classe 'A', con un deficit di bilancio del 3,2% e un miglioramento rispetto a un deficit dello 0,3% del PIL nel 2022. Rispetto al bilancio, prevediamo che la performance fiscale continuerà a essere buona rispetto ai suoi pari. nel 2024 e nel 2025 Un surplus dello 0,2% nella produzione e l’incertezza politica derivante dalle elezioni creano un rischio di ribasso.

Inoltre, l’economia portoghese ha accelerato dello 0,8% su base trimestrale nel quarto trimestre del 2023, un dato significativamente migliore rispetto alla performance di crescita generale dell’Eurozona, ha sottolineato la società. I principali motori della ripresa post-pandemia sono gli investimenti e le esportazioni, che dal 2019 sono cresciute complessivamente rispettivamente dell’11,5% e dell’11,8%.

READ  Dove dormire in Italia quest'estate

Prodotto interno lordo e mercato del lavoro

“Prevediamo una crescita del PIL dell'1,4% e dell'1,8% rispettivamente nel 2024 e nel 2025, continuando a sovraperformare rispetto all'Eurozona. Il mercato del lavoro ha resistito ai recenti shock avversi, con un tasso di disoccupazione del 6,5% e una quota del mercato del lavoro di quasi il 69% all’inizio del 2024. L’inflazione è scesa al 2,3% nel febbraio 2024Prevediamo un calo a una media del 2% nel 2025, leggermente al di sotto della media dell’Eurozona del 2,6%”, ha affermato l’agenzia di rating.

Caixabank Research ha affermato in un rapporto pubblicato a marzo che le opportunità di lavoro sono cresciute ad un tasso del 2% per tre anni consecutivi. Dopo il 2008 sono impiegate più persone; Più della metà dei posti di lavoro creati sono concentrati nel settore dell’edilizia e dell’ospitalità. Sebbene il tasso di disoccupazione sia leggermente aumentato, passando dal 6,2% al 6,5%, ciò riflette la crescita della forza lavoro (nel 2023 è aumentata del 2,4%, quasi 125.000 persone). Nel corso del 2024, l’occupazione continuerà a crescere, ma a un ritmo piuttosto moderato, concordano gli esperti della Banca Catalana.

Tutto sommato, sembra logico che il Portogallo paghi bassi interessi ai mercati finanziari. Il debito portoghese offre i rendimenti più bassi tra i paesi dell’Europa meridionale. Il bond portoghese a 10 anni rende il 3,05%, rispetto al 3,22% del titolo spagnolo, al 3,45% del titolo greco o al 3,7% del titolo italiano. I mercati stanno tenendo conto del fatto che Lisbona non solo mantiene i conti pubblici in pareggio, ma che è in surplus. Se la domanda di obbligazioni e i tassi di interesse della Banca Centrale Europea rimarranno stabili, il Portogallo ridurrà i suoi costi di finanziamento.