Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Solo un medico competente è in grado di riabilitare”

Javier Garcia Allegria, vicepresidente di Facme.

Dopo anni di lavoro da solista e diversi mesi di lavoro congiunto, è diventato 46 società scientifiche che compongono la Federazione delle Società mediche scientifiche spagnole (Facme) ha combinato i suoi vari modelli di Riabilitazione medica in un unico progetto che hanno presentato alla Direzione Generale della Disciplina Professionale nel corso di una giornata lavorativa alla quale ha partecipato anche il Consiglio Generale dei Collegi Ufficiali dei Medici (Cgcom). L’incontro è stato rivelato dal quotidiano J.Aveir Garcia Allegria Il Vicepresidente di Facme, si è adoperato per elaborare gli ultimi dettagli da inserire nel modulo e ottenere l’impegno sanitario a tenere conto della sua proposta nella progettazione del rinnovo dell’accreditamento medico in cui opera il Ministero. Come afferma Garcia Allegria, Senza le società scientifiche sarebbe ‘impossibile’ Lo porto.

Come giudichi la giornata lavorativa tra Cgcom, Health e Facme?

È stato molto piacevole e siamo molto soddisfatti. È una pietra miliare per vari motivi. Un aspetto essenziale dell’incontro di ieri è stato il compromesso raggiunto per andare avanti e tenere conto della proposta che era stata avanzata, essendo state tre fasi di ricertificazione. Aspetti della valutazione periodica della professione sono stati concordati con Cgcom. Prima di dire se siamo buoni medici, dobbiamo sapere se siamo qualificati per esercitare.

Per la salute, dobbiamo ringraziare l’impegno del nuovo Direttore Generale della Pianificazione della Carriera, Celia Gomez. Siamo di fronte a un’opportunità unica per portare avanti questo progetto che è stato posticipato per vari motivi. Si tratta di aumentare ancora di più il livello di auto-domanda ed è un riflesso dell’impegno dei medici nei confronti della società e dei pazienti.

Il modulo di riaccredito è completo o ci saranno modifiche?

È quasi una versione finale. Sono stati convocati diversi incontri con i rappresentanti di 46 associazioni e poi è stato elaborato un gruppo specifico per il lavoro operativo. Può ancora essere modificato, ma non credo che ci saranno molti cambiamenti sostanziali. Tutte le società hanno deciso di creare un modello unico. È qualcosa che ha senso, e per di più, penso che tutti si sentiranno a proprio agio con esso. Abbiamo deciso Struttura di efficienza: 60 per cento delle attività sanitarie e 40 per cento di insegnamento, ricerca e formazione


“L’obiettivo è riabilitare i professionisti che si dedicano alla cura perché ce ne sono altri che si dedicano all’insegnamento o alla ricerca puramente”.


Quali aspetti si misurano nelle attività sanitarie?

La giornata non è stata solo per la presentazione, ma anche per le domande ei commenti. È stato molto interessante perché le iniziative fornite ci aiuteranno a padroneggiare i dettagli finali. L’obiettivo è certificare un professionista che svolga quotidianamente un’attività clinica ragionevole, cioè l’obiettivo è riabilitare professionisti che si dedicano alla cura perché ce ne sono altri che si dedicano esclusivamente alla didattica o alla ricerca.

Come si possono misurare le attività sanitarie?

Ci sono diversi modi. Ospedali e centri sanitari hanno molte registrazioni di ciò che facciamo. Qualsiasi professionista può indicare il numero di visite, interventi, emergenze… Molte sono le informazioni disponibili sia nei centri pubblici che privati ​​che consentono l’approvazione dell’attività svolta.

L’obiettivo è raggiungere questa parte in modo semplice praticando quotidianamente la medicina?

Ci sono alcuni modi molto semplici. Posso ordinare il numero di persone che ho frequentato nella consultazione esterna, in ospedale, nell’interconsulto… Questo si ottiene automaticamente. Non è una cosa punitiva, ma ammette di allenarsi. Se qualcuno in una posizione politica o ufficiale trascorre anni lontano dalla clinica, sarà in grado di riorientare quella posizione e dimostrare di essere nuovamente idoneo.


“Ci sono molte informazioni disponibili sia nei centri pubblici che privati ​​che consentiranno l’approvazione dell’attività in corso”


È accettabile una formazione che non provenga dalle società scientifiche?

sarà formazione congiunta Che possono provenire da società scientifiche, università o dall’Organizzazione mondiale del commercio. Conosciamo argomenti specifici di specializzazione, ma altri argomenti sono trasversali come l’etica o la legislazione sanitaria.

La salute ha suggerito la riabilitazione ogni 10 anni e ogni 6 anni. perché?

Il modello è stato rivisto in diversi paesi e Si è sempre parlato di tra i 5 ei 10 anni. Forse meno di 5 è un lavoro enorme per i medici e 10 anni sembrano troppo lunghi per come è progredito il progresso scientifico, inoltre bisognerebbe tornare indietro per dimostrare la capacità di cura. Questo deve essere concordato perché l’ultima parola è con il Ministero.

Quale ruolo dovrebbero svolgere le società scientifiche nella valutazione della riabilitazione?

È chiaro che per valutare la competenza professionale di un medico specialista, l’unica persona che può farlo è un altro medico specialista. Questa conoscenza specifica è l’unico modo in cui viene fatta in tutti i paesi. Si suggerisce che ogni associazione scientifica organizzi un comitato di valutazione tecnica.


“Meno di 5 è un’enorme quantità di lavoro per i medici e 10 anni sembrano troppo lunghi per come sta andando il progresso scientifico”.


Cosa ne pensa Celia Gomez della proposta?

Ho promesso di beneficiare del lavoro svolto. Abbiamo già presentato il documento con 24 ore di anticipo e ieri le tre parti si sono impegnate a portare avanti il ​​progetto. La salute terrà conto del suggerimento di Facme.

Anche l’Organizzazione mondiale del commercio ha presentato la sua propostaSarebbero disposti a progettare un modello congiunto?

È assolutamente certo qual è la responsabilità di ciascun individuo, e sono responsabili della valutazione periodica. Si sono anche offerti di collaborare su altri aspetti dell’infrastruttura e su altre questioni perché il regolamento doveva ancora essere elaborato. Lo schema di base per la valutazione dei benefici e delle scadenze è ben concordato.

Vi sorprenderebbe se Health progettasse un modello che non tenesse conto del suggerimento di Facme?

Sarà Questo non può essere fatto senza la collaborazione delle società scientifiche. Stiamo affrontando un’opportunità unica unendo 46 aziende in un modello congiunto. C’è stata una pietra miliare in Spagna con l’incorporazione di MIR che ha cambiato l’assistenza sanitaria spagnola e ora questo è un altro passo che potrebbe essere storico. Siamo nelle migliori condizioni per applicare il modulo di riaccredito.

La salute ha fissato una data per questo traguardo?

Non ce lo hanno dato e non possono. Il Direttore Generale era appena arrivato ed era molto gentile e disponibile ad ascoltarci e prenderci in considerazione.


“Affinché funzioni bene, il progetto deve essere riconosciuto dal punto di vista gestionale e se può essere molto migliore anche dal punto di vista curriculare”


La riabilitazione è un problema consolidato da anni e persino Ci sono aziende che hanno rilasciato la propria ricertificazione Perché sono stanchi di aspettare la salute. Speri che venga implementato quest’anno?

Dovrebbe essere approvato al più presto, ma perché il progetto funzioni bene, deve essere riconosciuto dal punto di vista gestionale e se può anche essere molto migliore dal punto di vista curriculare. Mi riferisco a tirocini, indennità di carriera, trasferimenti… se così fosse, sarebbe una forza trainante dietro la riabilitazione. Alla fine, questo è un componente aggiuntivo e se ciò si riflette nel regolamento sul riconoscimento nazionale indipendente, sarà perfetto.

Ci sono opportunità per ottenere questo riconoscimento?

È stato revocato ieri, ma la vita professionale dipende più dalle comunità indipendenti che dalla salute. Tuttavia, il direttore generale ha promesso di analizzarlo.

Si incontreranno di nuovo con Sindad?

Non siamo d’accordo su una data esplicitamente, ma implicitamente. Trasmettiamo la nostra intenzione di incontrarci il prima possibile per portare a termine il progetto.


La riabilitazione medica si applicherà anche alla sanità privata: “Questa è tutta salute spagnola, non importa dove lavori”


Cosa ne pensi dell’integrazione di aziende esterne nel processo di riabilitazione?

Questo ha più a che fare con il lavoro che Revisione dei modelli globali e con aree di formazione Progettazione del modello riabilitativo. Abbiamo suggerito alla Salute di far partecipare a questo gruppo tecnico i rappresentanti delle società scientifiche, perché sono i migliori. Non abbiamo ancora collaborato con loro, ma speriamo di sì.

Questo modello si applicherà anche alla sanità privata?

Sì, è stato chiarito in assemblea. Questa è tutta la salute spagnola, non importa dove lavori. Solo perché è più facile ottenere prove negli ospedali pubblici grazie all’infrastruttura informativa di cui dispongono.

È stata ricercata la compatibilità con i modelli internazionali per facilitare gli spostamenti verso altri paesi?

Ecco che la mobilità è un requisito fondamentale ed è per questo che è nata la Direttiva Europea. Se un operatore sanitario lavora da più di dieci anni e vuole andare in un altro paese, probabilmente dovrà riaccreditarsi.

Una volta inviato il modulo, qual è il passo successivo che Facme deve compiere?

Nei prossimi giorni approveremo la proposta con l’approvazione di tutte le società scientifiche e invieremo il modulo definitivo alla Sanità. Tra un paio di settimane avremo finito, perché è già molto avanzato. Da lì siamo a scapito della salute. Dobbiamo ricordare che abbiamo debiti con il nostro Paese perché non rispettiamo la direttiva europea e che altre volte significa sanzioni contro la Spagna. Siamo in ritardo, e non lo dico, ma lo dice l’Europa.

Sebbene possa contenere dichiarazioni, dichiarazioni o note di istituzioni sanitarie o professionisti, le informazioni nella scrittura medica sono curate e preparate dai giornalisti. Raccomandiamo al lettore di consultare un operatore sanitario per qualsiasi domanda relativa alla salute.

READ  Il "capriccio" di Filippo II