Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Solo due paesi hanno votato a favore del blocco contro Cuba: gli Stati Uniti e Israele  Una vittoria schiacciante per l’isola alle Nazioni Unite

Solo due paesi hanno votato a favore del blocco contro Cuba: gli Stati Uniti e Israele Una vittoria schiacciante per l’isola alle Nazioni Unite

Cuba Ha nuovamente ottenuto la vittoria simbolica attesa Assemblea generale delle Nazioni UniteChe ha approvato per la trentunesima volta una dichiarazione che chiede agli Stati Uniti Togliere il blocco economico, commerciale e finanziario Ciò fu ordinato sull’isola nel 1962 e ciò costituisce, secondo L’Avana, “un atto di guerra in tempo di pace”.

L’iniziativa Ha ricevuto 187 voti a favore e solo due voti contrariStati Uniti e Israele, mentre l’Ucraina si è astenuta dal voto.

Il voto è quasi identico a quello dell’anno scorso, tranne per il fatto che il Brasile si è astenuto nel 2022, con Jair Bolsonaro alla presidenza e ora con Luiz Inacio Lula da Silva al potere esecutivo. Mi sono espresso contro il blocco.

Un blocco è un atto di guerra economica in tempo di pace. “Il suo scopo è annullare la capacità del governo di soddisfare i bisogni della popolazione, creare uno stato di ingovernabilità e distruggere l’ordine costituzionale”, ha affermato il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez.

Il testo della risoluzione, intitolata “La necessità di porre fine al blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti d’America a Cuba”, afferma il principio di “uguaglianza tra gli Stati, non ingerenza e non ingerenza negli affari interni e libertà”. Per il commercio internazionale e la navigazione.

Questa è la 31esima volta che il consiglio discute la questione, e il voto è sempre stato molto favorevole alla fine della misura, nonostante Gli Stati Uniti sistematicamente non si adeguano.

Dal 1992, Cuba ha ottenuto una vittoria alle Nazioni Unite per porre fine alla ritorsione di Washington. Quella prima volta ci furono 59 voti favorevoli, 71 astensioni e 3 contrari, e da allora l’iniziativa ha guadagnato consensi.

READ  Giorno della Memoria: cosa è successo il 13 febbraio | Eventi accaduti in Argentina e nel mondo

Nonostante le sue promesse elettorali, il presidente americano Joe Biden mantiene le sanzioni imposte dal suo predecessore repubblicano, Donald Trump, a pochi giorni dalla fine del suo mandato, ad eccezione di alcune piccole differenze riguardanti visti, viaggi e trasferimenti finanziari verso l’isola.

Rodríguez ha avvertito che “il blocco estremamente rigido resta l’elemento fondamentale che determina la politica estera degli Stati Uniti verso Cuba”. Con una “semplice firma” Biden potrebbe essere eliminato Quello che ha definito un “blocco spietato” del popolo cubano.

Inoltre, Rodríguez ha sottolineato che più dell’80% della popolazione cubana vive solo sotto il regime unilaterale di sanzioni statunitensi.

Ha anche messo in dubbio l’inclusione dell’isola da parte di Washington nella lista degli stati sponsor del terrorismo.

Il governo degli Stati Uniti sta mentendo e sta causando danni ingenti Agli sforzi internazionali per combattere il terrorismo, quando Cuba è accusata, senza alcuna base, di essere uno Stato sponsor di questa piaga. “Non esiste un solo argomento valido e ragionevole affinché Cuba rimanga in questa falsa lista”, ha detto Rodriguez.

Le autorità cubane lo apprezzano Sessant’anni di blocco significano perdite per la sua economia superiori a 159 miliardi di dollari.

Nella sua risposta, il rappresentante degli Stati Uniti ha spiegato che le sanzioni sono “un insieme di strumenti nei nostri più ampi sforzi verso Cuba per rafforzare la democrazia e promuovere il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali a Cuba”. “Pertanto, ci opponiamo a questa decisione”, ha detto.

Dopo il voto, il presidente cubano Miguel Díaz-Canel ha celebrato il risultato sul suo account X Network. “Il mondo ha detto ancora una volta no al blocco genocida. Lunga vita a #Cuba!” Inserito dal Presidente.

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | I combattimenti continuano e Mosca annuncia la resa di oltre 1.000 ucraini a Mariupol