Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Siviglia è la chiave perché qui si deciderà politicamente il futuro dello spazio europeo”.

“Siviglia è la chiave perché qui si deciderà politicamente il futuro dello spazio europeo”.

Una delle principali autorità del settore spaziale europeo porta il nome di una donna. Imoleta Cile (Siena, Italia) è il direttore dei programmi di osservazione della Terra sviluppati dall’Agenzia spaziale europea (ESA).

È questo incarico che lo ha portato a Siviglia, la città che lunedì ha fatto da quartier generale alla riunione ministeriale dell’Agenzia spaziale europea e che ospita per tutta la settimana la Settimana spaziale europea.

Simonetta Celli ha studiato economia e diritto alla Yale University (USA), ma alla fine ha scelto di laurearsi in scienze politiche presso l’Università Cesare Alfieri di Firenze (Italia).

Fin dai tempi del college, ha mostrato interesse per il campo delle comunicazioni, con la sua tesi finale incentrata sull’applicazione della legge sui satelliti internazionali.

Per più di trent’anni, il Cile ha sviluppato la sua carriera presso l’Agenzia Spaziale Europea, dove oggi ricopre la carica di Direttore dell’Area di Osservazione della Terra.

Il suo programma durante il vertice dell’ESA è fitto, ma accetta di prendersi una pausa di dieci minuti per parlare con EL ESPAÑOL del futuro del settore spaziale e delle implicazioni politiche che avrà l’incontro di Siviglia in materia.

Siviglia diventa questa settimana la capitale europea dello spazio: quale contributo darà la città in questi giorni alla corsa allo spazio europea?

Questa settimana Siviglia è teatro di numerosi eventi, tra cui un vertice dei ministri dell’ESA dei 22 stati membri, importante perché è qui che si decide politicamente il contributo finanziario ai programmi dell’agenzia, il futuro e le priorità dello spazio europeo.

Discutiamo tre argomenti. Da un lato, il cambiamento climatico e Affare verdeIl futuro dell’ambiente è legato alle soluzioni spaziali di cui disponiamo all’ESA. Così come il futuro delle piattaforme di lancio e dei razzi, e le ambizioni di esplorare lo spazio e sviluppare qualcosa con la Stazione Spaziale Internazionale.

Perché è stata scelta Siviglia?

È una città emblematica, perché dall’aprile di quest’anno ospita l’Agenzia Spaziale Spagnola. Inoltre, vanta già numerose tradizioni in materia di concorrenza industriale e di sostegno a vari programmi dell’ESA, ad esempio nel campo dei razzi.

READ  Studia medicina e si laurea a 64 anni: "L'età non è limitata"

Questa settimana Siviglia è importante per decidere il futuro dello spazio europeo. Sarà la Settimana Spaziale, ma ci sarà anche un incontro dei ministri dell’UE e un incontro congiunto dei ministri dell’UE e dell’ESA.

Quali sono le aspettative dell’agenzia in questo incontro con i ministri europei?

Si prevede che venga data un’indicazione politica su quali siano le priorità nella politica spaziale. Per l’Agenzia spaziale europea, la priorità è come affrontare la crisi climatica e come utilizzare i dati che i satelliti ci forniscono per affrontare questa crisi, e quindi adottare accordi e politiche europee.

Anche l’indipendenza spaziale europea nel campo dei lanciatori e dei razzi costituisce una priorità. È molto importante perché è strategico conquistare l’autonomia e garantire un futuro commerciale all’Europa in questo settore.

“Esistono migliaia di applicazioni quotidiane della ricerca spaziale di cui la gente comune non si rende conto.”

Infine, è importante ispirare i giovani a intraprendere e intraprendere una carriera scientifica e a considerare come andare avanti in futuro. Per poter continuare le attività su Marte o sulla Luna è necessario sostenere i programmi spaziali, che necessitano di funzioni scientifiche.

Uno dei focus del suo dipartimento è il rapporto tra spazio e cambiamento climatico. In che modo l’osservazione della Terra contribuisce alla lotta al cambiamento climatico?

L’Osservazione della Terra sviluppa satelliti che analizzano lo stato di salute del nostro pianeta. Oggi l’ESA ha 15 satelliti operativi e ne stiamo sviluppando altri 40. Questi satelliti non sono destinati solo alla meteorologia, ma sono destinati ad analizzare eventi meteorologici, uragani o “eventi estremi”. Esistono anche satelliti scientifici che cercano l’umidità del suolo o le caratteristiche del vento… Si tratta di missioni scientifiche di esplorazione ambientale.

Inoltre, c’è la linea di satelliti Copernico, che affronta questioni operative molto specifiche, come misurare la qualità dell’aria o osservare lo spessore del ghiaccio ai poli. Questi satelliti consentono anche l’analisi della classificazione agricola, che poi deciderà la politica agricola, che determinerà il sostegno che verrà fornito.

READ  Anni di vita trascorsi da un medico e da un'infermiera in servizio

Organizziamo la costruzione, le operazioni e l’acquisizione dei dati dei satelliti, nonché la loro distribuzione agli utenti, siano essi scientifici o commerciali. La nostra politica sui dati è aperta a tutti, quindi anche chi vuole fare affari e creare prodotti e servizi può utilizzare i nostri dati.

Stai parlando di applicazioni commerciali dell’osservazione della Terra. In che modo la ricerca spaziale può migliorare attività come l’agricoltura? Soprattutto in un contesto di siccità come quello dell’Andalusia.

Ad esempio, misurando l’umidità del suolo, che può avere un impatto significativo sulla produzione agricola. Questo è stato attuato già da molto tempo nel settore agricolo grazie ai satelliti che abbiamo sviluppato, ed è già stato applicato, ad esempio, a Doñana.

C’è anche molto su cui lavorare sicurezza del cibo, sicurezza agricola. Lo abbiamo fatto di recente, ad esempio, durante la crisi ucraina, per stimare la produzione agricola di grano, e abbiamo provato via satellite a prevedere se la produzione sarebbe diminuita o meno. Ciò è molto importante anche per regioni come la Spagna; Lo abbiamo fatto durante la crisi Covid, quando l’intero settore delle fragole al Sud era chiuso per mancanza di lavoratori.

L’altra cosa che dobbiamo fare ora che abbiamo un obiettivo comune di decarbonizzazione dell’Europa è vedere come la riduzione dei pesticidi può contribuire a ridurre l’anidride carbonica.

L’Europa sta attraversando un momento di forte conflittualità, con problemi in Ucraina e Israele. La ricerca spaziale è nell’agenda dell’ESA come opportunità per migliorare la sicurezza. Qual è il rapporto tra questi due campi?

Il contesto è interessante, ma ciò che fa l’ESA non può essere applicato alla politica di difesa o di sicurezza. Lavoriamo nella sicurezza civile da trent’anni e dall’anno scorso abbiamo il programma Sicurezza civile dello spazio [seguridad civil para el espacio].

READ  "Siamo orgogliosi delle cure che forniamo ai nostri pazienti" - Agenfort

In questo programma, tra le altre cose, collaboriamo con la Guardia Costiera per monitorare l’immigrazione clandestina. Collaboriamo anche con Frontex per esaminare i flussi migratori o con le Nazioni Unite per monitorare i campi profughi. Tutto questo è un’applicazione dei dati satellitari di osservazione della Terra nel campo della sicurezza civile.

Quando parliamo di spazio tendiamo a pensare alla NASA. Gli Stati Uniti sono il principale concorrente o ci sono altre potenze spaziali?

Lavoriamo molto con la NASA, quindi mi piace parlare più di collaborazione che di competizione, soprattutto nell’ambito del cambiamento climatico. È vero che nello spazio c’è cooperazione e competizione, ma il rapporto con un ente come la NASA, che è pubblico, di ricerca e scientifico, è più un rapporto di cooperazione.

La concorrenza si verifica maggiormente in settori come le piattaforme di lancio o le comunicazioni spaziali. Quando si parla di clima e ambiente c’è molta cooperazione e condivisione di dati e risultati scientifici.

Infine, perché l’esplorazione spaziale è importante per il cittadino medio?

Esistono migliaia di applicazioni di cui la gente comune non è a conoscenza e che colpiscono quotidianamente i cittadini spagnoli ed europei, o di tutto il mondo. È necessario e doveroso che si parli di più di questo, affinché le persone si rendano conto che lavorare nello spazio non è qualcosa di lontano dagli alieni… è una cosa molto quotidiana per tutti.

Se spegnessimo tutti i satelliti esistenti oggi, non ci sarebbero le previsioni del tempo. Inoltre, non avranno la possibilità di comunicare con qualcuno che si trova lontano, sia in Spagna che all’estero. Altre conseguenze molto minori: Galileo, il software di navigazione satellitare, è il software utilizzato oggi da tutti i taxi. Oppure chi va a pescare dovrebbe conoscere la temperatura del mare.