Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Silak rifiuta di annunciare un’esercitazione militare britannica alle Malvinas | Notizia

La Comunità degli Stati latinoamericani e caraibici (CELAC) ha annunciato giovedì il suo rifiuto dell’intenzione del Regno Unito di inviare soldati dal Kosovo alle isole Malvinas, l’arcipelago controllato dai britannici su cui l’Argentina rivendica la sovranità, per prendere parte alle esercitazioni militari.

Leggi anche:

L’Argentina ha rifiutato di annunciare le manovre britanniche nelle Malvinas

L’organismo regionale ha messo in dubbio l’intenzione del Regno Unito di inviare fino a sette membri delle forze di sicurezza del Kosovo nelle Isole Falkland per partecipare a un’esercitazione di fanteria nell’arcipelago.

“Diverse risoluzioni dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite e di altri forum, tra cui il CELAC, sollecitano l’Argentina e il Regno Unito a riprendere i negoziati al fine di trovare una soluzione pacifica e definitiva alla disputa di sovranità tra i due paesi”, ha affermato l’agenzia.



Ha sottolineato che la decisione del Regno Unito contraddice specificamente una risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che esorta entrambe le parti, Argentina e Regno Unito, ad astenersi dall’assumere decisioni unilaterali che comportino cambiamenti nella situazione.

Il blocco ha fatto le sue osservazioni dopo che il governo argentino, attraverso il suo ministero degli Affari esteri, ha presentato una protesta formale all’ambasciatore britannico a Buenos Aires, Kirsty Hayes.



READ  Il Re assiste a San Gregorio (Saragozza) ad un'esercitazione per l'unità che sarà schierata in Lettonia con la Nato

Il Ministero degli Affari Esteri ha espresso il suo rifiuto di queste esercitazioni e dello scopo di introdurre nuovi elementi militari in una parte integrante del territorio argentino. La nota formale di protesta è stata consegnata al diplomatico britannico dal ministro per le Malvinas, l’Antartide e il Sud Atlantico, Guillermo Carmona, e dal sottosegretario agli Esteri, Clado Rosenkweig.