Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il presidente cubano elogia il Congresso per i diritti umani | Notizia

Il Presidente di Cuba, Miguel Diaz-Canel Bermúdez, ha salutato venerdì i frutti delle sessioni di lavoro della Quinta Conferenza Internazionale sui Dialoghi sui Diritti Umani, che si è conclusa recentemente all’Avana.

Leggi anche:

Il Presidente di Cuba conclude il suo viaggio nei paesi caraibici

Secondo i resoconti della stampa locale, Diaz-Canel si è congratulato con i partecipanti e gli organizzatori dell’evento per il loro contributo a una causa sostanziale, creando “uno spazio per contribuire, dalla scienza, alla protezione globale dei diritti umani e della dignità come suo fondamento”.

Molto significativo, indicano le fonti, è stato il “Dialoghi sui diritti a Cuba. Riferimento speciale ai diritti politici” della commissione, a chiusura del programma ufficiale.



L’evento ha proposto più di 100 documenti sull’infanzia e la giovinezza, lo stato di diritto, la creazione di standard e la cura dell’ambiente, nonché la protezione da ogni forma di violenza.

La conferenza, promossa dalle organizzazioni della società civile cubana, si è riunita dal 7 al 9 dicembre con la partecipazione di 200 rappresentanti provenienti da Cile, Messico, Spagna, Brasile, Bolivia, Nicaragua, Italia e dal Paese ospitante.



READ  10 aprile: Giornata del ricercatore e degli studiosi in Argentina

“A Cuba dobbiamo continuare a proteggere tutti i diritti e continuare ad approfondirli, tenendo presenti i nostri valori e chiedendo la protezione degli esseri umani”, ha affermato il dottor Yuri Perez Martinez, a nome dei giuristi dell’isola caraibica. Ha riassunto lo spirito di perfezione nel suo lavoro.

In questo contesto, il professore ha evidenziato il nuovo diritto di famiglia come “una legge di sviluppo costituzionale che comporta l’incarnazione di principi e significati sociali positivi”.