Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sebastian Pinera: “Diamo un esempio al mondo intero di come funziona la democrazia in Cile”

Presidente cileno, Sebastian Pinera

“Spero che questo motiverà quasi 15 milioni di cileni a partecipare a queste elezioni. Tutti i voti contano, tutte le opinioni contano”, ha sottolineato il presidente cileno Sebastian Pinera. Il presidente si aspettava elezioni pulite e trasparenti. “Diamo un esempio al mondo intero di come funziona la democrazia in Cile”, ha aggiunto.

Inoltre, ha inviato una lettera ai candidati: “Ai candidati eletti, spero che non dimentichino mai che sono stati scelti dal popolo per servire il popolo. Chiediamo loro di contribuire a migliorare la qualità della politica”.

“Vogliamo che le celebrazioni di stasera, quando conosceremo i risultati, siano pacifiche e rispettose, come è appropriato in una democrazia”, ​​ha aggiunto Pinera, che scadrà il suo secondo mandato non consecutivo nel marzo 2022.

Domenica per iniziare 2.800 seggi elettorali aperti Le elezioni più importanti e incerte nella storia recente del Cile Che sarà eletto successore dell’odierno presidente Sebastian Pinera.

I sondaggi concordano sul fatto che nessuno dei sette candidati otterrà il 50% più uno dei voti necessari per incoronare al primo turno, con Gabriel Borek (a sinistra) e José Antonio Caste (all’estrema destra) che saranno i due candidati a votare a dicembre. 19.

Entrambi hanno programmi molto diversi: Borek, deputato 35enne ed ex leader studentesco che si definisce ecologista, femminista e regionalista, vuole espandere il ruolo dello Stato verso un modello di welfare simile a quello europeo.

Cast, un avvocato cattolico di 55 anni, sta cercando di ridurre il ruolo dello stato, abbassare le tasse, contrastare in modo aggressivo l’immigrazione irregolare e vietare il matrimonio tra persone dello stesso sesso e tutte le forme di aborto.

READ  Scandalo in Brasile: Senovac dice al governo Bolsonaro di non criticare più la Cina in cambio dell'adempimento dei contratti sui vaccini

“tutto è possibile”

Secondo recenti sondaggi pubblicati prima che le elezioni venissero bandite due settimane fa, anche Jasna Provost (centro sinistra) e Sebastien Seychelles (destra al governo) hanno delle probabilità.

“Tutto è possibile, ma molto probabilmente Kast e Borek andranno al secondo turno, anche se non sarei sorpreso se Provost e Seychelles lo facessero. È l’elezione più misteriosa dal ritorno alla democrazia”, ​​ha riconosciuto Yves Kenneth Bunker, direttore di il Centro Sondaggio di Tresquintos.

Candidati presidenziali cileni in televisione prima delle elezioni nazionali, 2021. Esteban Felix / Pool via REUTERS / File Photo
Candidati presidenziali cileni in televisione prima delle elezioni nazionali, 2021. Esteban Felix / Pool via REUTERS / File Photo

Il nuovo presidente avrà il compito di guidare la ripresa dopo la pandemia, attuare le regole della nuova costituzione e sanare le ferite lasciate dalle proteste del 2019, le più gravi dalla fine della dittatura militare (1973-1990), da trenta. Anni di migliaia di feriti.

Raúl Elgueta, dell’Università di Santiago, ha assicurato a Efe che prima dell’attuazione del voto volontario nel 2012 “i livelli di previsione erano molto alti”, ma ora “il Cile è un paese imprevedibile”, soprattutto dopo lo scoppio della malattia sociale.

Il voto volontario ha avuto un impatto anche sulla partecipazione, dal momento che dal 2012 nessuna elezione ha superato il 50% delle liste elettorali, ad eccezione del referendum su una nuova costituzione tenutosi nell’ottobre 2019 (50,9%), un voto che potrebbe faticare domenica , secondo gli esperti.

Più di 15 milioni di cileni hanno chiamato alle urne Sceglieranno anche 155 deputati per quattro anni e 27 dei 43 senatori per otto anni.

La formazione del nuovo parlamento sarà cruciale per governare il Paese e gli analisti prevedono che nessun potere avrà la maggioranza e che saranno necessari big deal per la legislazione.

READ  Che freschezza! Sciarpa e guanti complici questo mercoledì

Una delle incognite di oggi è la partecipazione, visto che dal 2012 le elezioni non hanno superato il 50% delle liste elettorali, ad eccezione del referendum su una nuova costituzione tenutosi nell’ottobre 2019 (50,9%), voto superabile domenica, secondo gli esperti. “Tutti i voti contano, tutte le opinioni contano e la partecipazione del popolo rafforza la nostra democrazia”, ​​ha affermato il presidente, che è stato deciso di non essere licenziato dal Senato la scorsa settimana per uno scandalo finanziario esposto dai Bandura Papers.

I seggi chiuderanno alle 18:00 ora locale (21:00 GMT) ei primi risultati sono attesi tra due ore.

Continuare a leggere: