Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Se l’Italia cadesse nella categoria dei titoli spazzatura, si innescherebbe un effetto domino sull’euro

Se l’Italia cadesse nella categoria dei titoli spazzatura, si innescherebbe un effetto domino sull’euro

Il possibile declassamento dell'Italia alla categoria dei titoli spazzatura questa settimana sarebbe molto simbolico, Potenzialmente trascendente E molto controverso. L’Italia ha il rapporto debito/Pil più alto dell’intera Unione Europea in termini assoluti, mentre in termini di Pil raggiunge il 144%. La bassa crescita e il deficit strutturale di questa economia dovrebbero impedire che il debito scenda al di sotto del 140% del PIL nei prossimi anni, mentre si prevede che i tassi rimangano elevati (una combinazione esplosiva). Nessuno sa se Moody's oserebbe declassare l'Italia a obbligazioni spazzatura, ma sa cosa dovrebbe accadere sulla base dei fondamentali. L’Italia è da diversi anni una “bomba” in agguato nel cuore dell’euro.

Si tratterebbe di un declassamento senza precedenti dell’economia del G7 (G7). “Rischio di credito sostanziale.” un'agenzia Servizio investitori di Moody's Ha il potenziale per “fare la storia”, anche se con notizie preoccupanti per i mercati come questa. Attualmente il debito italiano ha un rating Baa3 con outlook negativo. Per essere classificati come titoli spazzatura, Moody's dovrebbe declassare il rating dell'Italia a BBB.

L'annuncio di venerdì sarà la prima valutazione da quando la coalizione del primo ministro Giorgia Meloni ha adottato una posizione fiscale più espansiva a settembre. Ciò ha poi portato i rendimenti dei titoli italiani a essere più alti di quelli tedeschi, una misura chiave del rischio. Verrà ampliato a 210 punti Le basi per la prima volta da gennaio.

Cramer: “Sappiamo tutti per esperienza che se si scende al di sotto dell’investment grade, le cose accadranno”.

Con lo spread tornato sotto i 190 punti base, gli investitori generalmente non si aspettano un downgrade, soprattutto perché i concorrenti di Moody's sono meno pessimisti riguardo al Paese. Tagliare i legami indesiderati servirà come “Uno shock per un mercato già fragile”.afferma Rohan Khanna, responsabile della strategia sui tassi di interesse dell'euro presso Barclays. Per ora, il resto delle agenzie hanno mantenuto la nota del debito italiano.

READ  La mafia siciliana, Cosa Nostra, continua nonostante la morte del suo leader, Messina Denaro

Lunedì mattina le obbligazioni italiane sono aumentate, sovraperformando le loro controparti tedesche e restringendo lo spread tra i rendimenti dei titoli a 10 anni di 3 punti base a 183 punti base.

L’Italia vedrà un aumento del premio per il rischio

Barclays Khanna la pensa così Un downgrade potrebbe spingere lo spread a 250 punti baseQuesto è un livello visto l’ultima volta nelle elezioni anticipate del 2022 che hanno portato la Meloni al potere. Qualsiasi miglioramento delle prestazioni potrebbe aumentare la pressione sui funzionari della Banca Centrale Europea affinché limitino le turbolenze.

La Banca Centrale Europea (BCE) dovrà caricare la sua “pistola” nel caso in cui scoppi un incendio. Il compito non è facile per la banca centrale, perché dovrà utilizzare il suo scudo di protezione per il debito sovrano riducendo al contempo il proprio bilancio.

Il compito è complicato perché la dimensione del debito italiano è così enorme, quindi mantenere l’acquisto di titoli italiani implicherebbe ridurre le partecipazioni della Bce in altri titoli in misura ancora maggiore, così che il bilancio della Bce continua ad essere sottile.

Sebbene alcuni fondi pensione e investimenti possano escludere la detenzione di obbligazioni spazzatura, in linea di principio i danni saranno limitati poiché gli investitori hanno avuto tempo sufficiente per prepararsi. Ma una reazione sismica non può essere esclusa: gli analisti di Moody riconoscono che il primo declassamento della Grecia al rating spazzatura nel 2010 – da parte della società ora chiamata Standard & Poor's Ratings – ha esacerbato la crisi del debito sovrano europeo.

Le agenzie tendono ad essere caute

“Non hanno alcun incentivo a continuare a declassare”, afferma Zofia Barta, professoressa associata presso l’Università di Albany e coautrice di “Rating Politics”, un libro sul credito sovrano. “L'ultima cosa che le agenzie di rating vogliono è una sorta di spirale in cui qualcosa spaventa il mercato. Non vogliono essere la causa del problema.”

READ  La Russia cerca il sostegno degli alleati al Forum economico di San Pietroburgo

Il fatto è che Moody's ha ragioni per declassare il debito italiano. Questa agenzia ha stabilito il suo rating Baa3 con outlook negativo nell'agosto 2022, citando diversi rischi cumulativi che non dovrebbero passare inosservati:

1. “Crescenti rischi per il contesto politico Prevenire l’attuazione delle riforme strutturali, comprese quelle contenute nel Piano nazionale di ripresa e resilienza dell’Italia.

2. “I rischi crescenti legati alle sfide nell’approvvigionamento energetico Indebolimento delle prospettive economiche”.

3. “I rischi di ulteriore debolezza fiscale in Italia A causa della crescita lenta, degli elevati costi di finanziamento e della possibile debole disciplina fiscale.

Rischio di credito significativo

Moritz Cramer, che ha trascorso 17 anni presso l'agenzia di rating Standard & Poor's, anche come responsabile globale dei rating sovrani, dubita che l'azienda che era il suo più grande concorrente scenderà al di sotto dell'investment grade. Moody's ha programmato per venerdì un possibile aggiornamento sul Paese.

Le prospettive per l’Italia non sono rosee in questo momento“Ma questa non è una situazione in cui si potrebbe prendere in considerazione il declassamento delle obbligazioni al livello delle obbligazioni spazzatura”, ha detto Cramer, ora capo economista della LBBW nella città tedesca sudoccidentale di Stoccarda, in un'intervista con Enterprise. Bloomberg. “Non credo davvero che Moody's lo stia facendo, perché non c'è una vera ragione per farlo.”

Nonostante questo cambiamento nel profilo fiscale, sia Fitch Ratings che Standard & Poor's hanno mantenuto opinioni stabili sul Paese, un gradino sopra il rating Baa3 di Moody's: solo un gradino sopra il rating spazzatura, con outlook negativo. Qualsiasi sconto Significherebbe descrivere l’Italia come “ad alto rischio di credito”. “Non riesco a spiegare come siano finiti in questa situazione”, dice Kramer. “Si sono scavati in una buca.”

READ  Cosa si aspettano i mercati per martedì 13 luglio? - Finanza

Questa prospettiva si basa sulla sua esperienza come attore chiave dietro le quinte della crisi del debito sovrano europeo all’inizio di questo secolo. Tuttavia, nonostante l'ottimismo di Cramer, questo esperto lancia anche l'avvertimento più terribile.

Sappiamo tutti per esperienza che se l’investment grade scende al di sotto dell’investment grade, le cose accadranno.“L’abbiamo visto con la Grecia, quindi bisogna pensare prima di agire”, afferma Kramer. “Ma la Grecia è una cosa e l'Italia è un'altra. Basta guardare l'entità del suo debito e della sua economia.”

WhatsAppTwitterLinkedInSpiccaSpicca