Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scoprono cosa potrebbe aver causato la formazione di buchi neri supermassicci all’origine dell’universo

Inserito:

20 giugno 2021 04:04 GMT

Secondo una nuova ricerca, il collasso degli aloni di materia oscura può creare buchi neri che crescono a velocità molto più elevate degli altri.

La formazione di buchi neri supermassicci nell’universo primordiale è stato un argomento che ha sconcertato la scienza per diversi decenni. Tuttavia, una nuova ricerca condotta dagli scienziati della Riverside University (USA) ha gettato nuova luce su questo argomento, suggerendo che ciò potrebbe essere causato dal collasso degli aloni di materia oscura.

Le osservazioni astrofisiche fatte negli ultimi anni hanno osservato buchi neri con milioni o addirittura miliardi di masse solari perché l’universo aveva solo il 6% della sua età attuale, stimata a 13,7 miliardi di anni. Il fatto che si sia formato in periodi così antichi, spiegare Hai-Bo Yu, coautore dello studio, “infrange le aspettative del pubblico” sul “comportamento del buco del fagiolo nero e sul tasso di crescita”.

In questo senso, la nuova ricerca, pubblicato In The Astrophysical Journal Letters, sottolinea che la formazione di questi enormi fenomeni nell’universo primordiale è stata causata dal collasso degli aloni di materia oscura, che costituiscono l’85% di tutta la materia esistente.

I buchi neri impiegano tempo per crescere in massa accumulando materia intorno a loro […] Il nostro lavoro mostra che se la materia oscura ha autointerazioni, allora il collasso termico gravitazionale della corona potrebbe tradursi in un buco nero seme abbastanza grande da “raggiungere tali dimensioni in così poco tempo”, ha spiegato il coautore Yi Mingzhong. dalla ricerca.

Nonostante i risultati promettenti, il team ha notato che sono necessarie ulteriori ricerche per trovare nuove prove per confermare o confutare il loro suggerimento.

READ  L'incredibile meteorite caduto su una città in Inghilterra fornisce nuovi indizi su come si è formata l'acqua della Terra

Se ti piace, condividilo con i tuoi amici!