Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scoperto nella sua casa del sud Italia il capolavoro “Lost” di Botticelli da 109 milioni di dollari

Scoperto nella sua casa del sud Italia il capolavoro “Lost” di Botticelli da 109 milioni di dollari

(CNN) — Un dipinto del maestro del XV secolo Sandro Botticelli, dato per disperso dagli anni ’80, è stato ritrovato in una casa nel sud Italia.

Secondo il Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri di Napoli, la rappresentazione della Vergine Maria e del bambino Gesù è stata ritrovata in una casa nel comune di Gragnano, vicino Napoli.

Le autorità italiane stimano che il dipinto dell’artista noto per “La Nascita di Venere” e “La Primavera” valga almeno 100 milioni di euro. Fu commissionato dalla Chiesa cattolica romana nel 1470.

L’opera, di 58 x 80 cm, dipinta a tempera su tavola, è appesa in una chiesa del sobborgo napoletano di Santa Maria la Carità dagli inizi del XX secolo, dopo che la chiesa a cui era originariamente destinata fu bruciata in un incendio. .

Quando un terremoto danneggiò la chiesa nel 1982, la parrocchia diede il dipinto ad una famiglia locale di nome Somma per custodia, un portavoce del Ministero della Cultura italiano ha detto alla CNN che c’era un decreto ufficiale in archivio che consegnava la chiesa alla chiesa. Anche se non hanno dovuto affrontare alcuna accusa penale, il dipinto.

Nei primi anni dopo che il dipinto fu consegnato alla famiglia, i funzionari locali ne verificarono le condizioni, consigliarono dove doveva essere conservato e aiutarono a spostarlo e pulirlo.

Ma, per qualche motivo, le restrizioni furono rimosse negli anni ’90 e il dipinto apparve nell’elenco delle opere scomparse del Ministero della Cultura.

Il dipinto verrà prelevato da una fattoria vicino Napoli e collocato in un museo. (Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale)

L’elenco viene aggiornato frequentemente e quest’estate il dipinto è stato ritrovato presso la famiglia Somma, che lo ha esposto per anni nella propria abitazione, ha spiegato il comandante Massimiliano Croce durante la presentazione del ritrovamento.

READ  Trasferito in Italia: Manolas, a un passo dal Napoli

Dopo aver trovato il ramo della famiglia che ora possiede il dipinto, la polizia ha collaborato con il sindaco locale, che già sapeva che Botticelli era a casa di Somma e ha mediato il suo recupero, ha detto Croce.

“Si tratta di un’opera completamente sconosciuta al grande pubblico, che verrà smascherata nuovamente dall’intervento dello Stato. Abbiamo agito amministrativamente senza ricorso alla Procura o al divieto, grazie anche alla mediazione del sindaco”, ha detto Croce.

“La famiglia continua a detenere la proprietà dell’opera, che però sarà conservata in un museo”, ha aggiunto Croce.

Il dipinto, che necessita di un ampio restauro, mostra la Vergine Maria con i capelli biondi attraverso un velo che tiene in grembo un Gesù bambino paffuto, ha detto il Ministero della Cultura.

Mancava un po’ di vernice e si è graffiato durante il terremoto degli anni ’80 e successivi traslochi.

Non si sa perché il governo abbia smesso di controllare il dipinto.

“L’ultima volta che le autorità hanno ispezionato la residenza privata dove era conservato il dipinto di Botticelli è stato 50 anni fa”, ha detto Croce. “Da allora, inspiegabilmente, il dipinto è stato dimenticato dalle autorità.”

È considerato uno degli ultimi dipinti del maestro, morto nel 1510.

Il dipinto sarà poi esposto al Museo Nazionale di Napoli, ma il suo restauro richiederà almeno un anno, ha detto il ministero.

La famiglia di Somma ha rifiutato di commentare quando contattata dalla CNN.