Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scoperta di una “sepoltura di vampiri” nel V secolo in Italia

Scoperta di una “sepoltura di vampiri” nel V secolo in Italia

Il corpo del bambino di 10 anni è stato ritrovato in un cimitero contenente, in linea di principio, resti scheletrici di neonati e bambini fino a 3 anni di età.

Un team di archeologi dell'Università dell'Arizona e dell'Università di Stanford, con l'aiuto di archeologi italiani, ha ritrovato i resti di un bambino con una pietra in bocca in un cimitero italiano risalente al V secolo d.C. La spiegazione che diedero per questo evento fu che il corpo era soggetto ad A Riti funebriConosciuta come la “Sepoltura del Vampiro”. Secondo le loro credenze, il ragazzo avrebbe potuto svegliarsi come se fosse uno zombie e diffondere la malaria, che ne avrebbe causato la morte. Ecco perché l'hanno seppellito in questo modo.

Questa insolita “sepoltura di vampiro” è stata scoperta durante l'estate nella città di Lugnano in Tiverina, in Umbria, dove l'archeologo David Sorin dell'Università dell'Arizona ha supervisionato gli scavi archeologici dal 1987. Sorin, professore alla Scuola di Antropologia e Il Dipartimento di studi religiosi e classici ha dichiarato all'Università dell'Arizona: “È molto strano”. “Da noi lo chiamano il ‘Vampiro di Lugnano’.

Il luogo in cui è stata fatta questa scoperta è la Necropoli dei Bambini, situata a metà del V secolo, quando una mortale epidemia di malaria colpì la zona, uccidendo molte persone. Neonati e bambini piccoli vulnerabili. I corpi delle giovani vittime furono sepolti sul sito di una villa romana abbandonata, originariamente costruita alla fine del I secolo a.C.

Fino ad ora, gli archeologi ritengono che la tomba fosse stata progettata specificamente per neonati, bambini piccoli e feti non ancora nati; Negli scavi precedenti di oltre 50 tombe, il corpo più grande ritrovato era quello di una bambina di 3 anni.

READ  La Spagna ha bisogno di un'agenzia spaziale? Il piano del governo di cui "nessuno sa niente"

La scoperta del bambino di 10 anni, la cui età è stata determinata in base allo sviluppo dei denti ma il cui sesso è sconosciuto, suggerisce che anche la tomba potrebbe essere stata utilizzata. Bambini più grandispiega il bioarcheologo Jordan Wilson, dottorando in antropologia della UA che ha analizzato resti scheletrici in Italia. “Ci sono ancora parti del cimitero che non abbiamo ancora scavato, quindi non sappiamo se troveremo altri bambini più grandi”, ha detto Wilson.

Il direttore degli scavi David Bickle afferma che la scoperta potrebbe dire ai ricercatori di più sulla devastante epidemia di malaria che colpì l'Umbria quasi 1.500 anni fa, nonché sulla risposta della comunità.

Resti di un bambino di 10 anni in una tomba del V secolo, Lugnano in Teverina (Italia)David Bickle

“Data l’età di questo bambino e il suo deposito unico, con la pietra in bocca, rappresenta, in questo momento, Un'anomalia all'interno del cimitero “Questo è davvero anormale”, ha detto Bickel, “e mette in luce quanto sia speciale il Cimitero dei Bambini di Lugnano”.

In precedenti scavi presso il Cimitero dei Bambini, gli archeologi hanno trovato ossa di neonati e bambini piccoli insieme ad oggetti come artigli di corvo, ossa di rane, calderoni di bronzo pieni di cenere e resti di cuccioli che sembrano essere stati sacrificati, tutti oggetti comunemente associato alla stregoneria e alla magia.

Inoltre, era il corpo di una bambina di 3 anni Le pietre che appesantivano le sue mani e i piedi, una pratica utilizzata da diverse culture nel corso della storia per tenere i morti nelle loro tombe.

“Sappiamo che i romani erano molto preoccupati per questo, e arrivarono addirittura a usare la magia per impedire che il male uscisse, tutto ciò che contamina il corpo”, ha detto Soren.

READ  Euclid, la missione europea che cerca di scoprire i segreti dell'universo oscuro

Nel caso dei neonati e dei bambini piccoli scoperti a Lugnano si è trattato di “malvagio”. malariapensò Soren. Il test del DNA su diverse ossa scavate ha supportato la sua teoria.

Sebbene i resti del bambino di 10 anni non siano stati ancora sottoposti al test del DNA, aveva un ascesso dentale (un effetto collaterale della malaria), suggerendo che anche lui avrebbe potuto essere una vittima della malattia, secondo Wilson.

Il ragazzo era una delle cinque nuove sepolture scoperte nel cimitero durante l'estate. Il corpo fu ritrovato disteso sul fianco sinistro in una tomba di fortuna creata da due grandi tegole addossate al muro, una sepoltura “a tutta cappuccina” tipica dell'Italia romana.

Secondo gli standard

Progetto Fiducia

saperne di più