Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Scenari di rischio e come “non mi hanno fatto deputato”

Scenari di rischio e come “non mi hanno fatto deputato”

Al corriere

Non è così difficile, come sottolinea José Carlos Diez: “Basterà contenere la spesa per pensioni e sanità e normalizzare l’imposta sul valore aggiunto su elettricità e gas”. Il problema è che c’è un governo populista

José Antonio Díez Díaz è del partito PSOE e sindaco di León. Giovedì sera ha dichiarato a Rafa Latorre al programma Brugola di Onda Cero: “Non avrei votato la legge sull’amnistia e per questo non mi hanno nominato rappresentante nazionale”. Il sindaco di Leona ha fatto due clamorose dichiarazioni, ma la seconda forse è più importante della prima. Spiega che “non lo hanno nominato rappresentante”, e non è che non siano stati eletti, perché sono i partiti politici, ma piuttosto la direzione del partito, a nominare i rappresentanti tra gli elettori. Gli elettori in Spagna si limitano a scegliere un partito o un altro, niente di più, e se un partito politico mette la persona più inutile, indesiderabile o corrotta in posizioni di livello base, non hanno altra scelta che ingoiare la rana. Ecco perché la vicinanza delle file dei parlamentari è assoluta, indipendentemente da leader come García Page della Mancia. Nessuno osa rischiare la propria vita, e anche questo è il punto. Il politico professionista, che vive e vive esclusivamente di politica, si rende conto che fuori dalla disciplina di partito fa molto freddo, perché i lunedì al sole non sono abbastanza caldi.

La confessione di Diaz Diez coincide con l’avvio dei bilanci pubblici per l’anno 2024, in mezzo a una serie di “scenari di rischio”, come ha osservato l’economista socialdemocratico José Carlos Diez. Non è l’unico a esserne a conoscenza e non solo per la Spagna. “Il debito pubblico nei paesi ad alto reddito è elevato rispetto ai vecchi standard”, afferma il caporedattore del Financial Times Martin Wolf, che era proprio in Spagna per promuovere il suo ultimo libro. Si riferisce a Stati Uniti, Giappone, Regno Unito, Francia o Italia, che sono paesi fortemente indebitati e con deficit elevati, come la Spagna, che non menziona, ma che potrebbe rientrare in questo gruppo, tranne per il fatto che la sua economia è più piccola . Wolf sottolinea che se questi paesi vogliono evitare “i rischi di un’esplosione del debito”, dovranno inasprire le loro “politiche fiscali ultra-espansive”, attraverso una spesa massiccia. Anche Kristalina Georgieva, direttrice esecutiva del Fondo monetario internazionale, ha affermato a Berlino che Francia, Italia e Spagna dovrebbero “allacciarsi le cinture”. Questo è l’esatto opposto di quanto suggeriscono Sommer da un lato e The Endips dall’altro. Non è così difficile, come sottolinea José Carlos Diez: “Basterà contenere la spesa per pensioni e sanità e normalizzare l’imposta sul valore aggiunto su elettricità e gas”. Il problema è che esiste un governo populista, sostenuto da coloro che hanno “fatto deputati”, come dice José Antonio Diez.

READ  La Germania apre la discussione sul finanziamento del gasdotto H2Med che mira a inviare idrogeno in Europa da Barcellona