Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Rischi e precauzioni per la risonanza magnetica

risonanza magnetica (MRI)RM) è “una tecnologia ampiamente utilizzata, con eccellenti prestazioni diagnostiche e che utilizza energie non cancerogene, almeno non ancora provate”. Questo è il metodo utilizzato dal file Società Spagnola di Radiologia Medica (SERAM) in una guida contenente le sue raccomandazioni in materia di sicurezza durante l’attuazione di questa pratica.

Questa tecnologia, che utilizza energia magnetica, bobine a gradiente e bobine a radiofrequenza, consente di ottenere “diagnosi sempre più accurate ed essenziali per il processo sanitario di un gran numero di malattie”. La risonanza magnetica non è una pratica esente da rischi e la prova di ciò sono gli articoli e i libri, tra gli altri, sull’argomento. Per esempio, “Nel 2015 sono stati eseguiti più di 103 milioni di studi di risonanza magnetica tutto il mondo”.

La sala risonanza magnetica, come qualsiasi altra sala del servizio risonanza magnetica raggi, presenta una serie di rischi che secondo SERAM si dividono in due tipologie: diretti e indiretti. All’interno del primo gruppo troviamo la stimolazione del nervo periferico, l’aumento della temperatura del paziente e il rumore a cui è esposto.

Per quanto riguarda i rischi indiretti, spiccano i materiali che entrano nel locale, che devono essere sicuri. In questo modo, il personale medico deve prima assicurarsi di non essere disturbato prima campo magnetico Non agirà come un proiettile con il suo effetto. “Questo dovrebbe valere sia per gli oggetti nella stanza, per gli oggetti che possono essere portati con il paziente o su tavoli e sedie, o, cosa probabilmente più importante, per i dispositivi o gli oggetti che il paziente sta trasportando”, spiega. .. Organismo.

Formazione del personale di radiologia

A causa della rotazione del personale nella sala risonanza magnetica, secondo SERAM “Di base Pianificazione di un programma di formazione per tutti i dipendenti, sia in regione che fuori. “Va ricordato che nella zona transitano molti lavoratori, tra cui ‘addetti alle pulizie e manutentori, fattorini, operatori sanitari che accompagnano i pazienti, ecc. “Tutte queste persone devono aver avuto una formazione specifica e ‘attrezzatura adeguata, compatibile con i campi magnetici se dovessero entrare nella stanza’”.

Nel documento, l’azienda delinea una serie di contenuti comuni che i lavoratori devono padroneggiare per mantenere la sicurezza durante l’esecuzione di questo tipo di test:

  • Criteri per il filtraggio dei pazienti con accesso e di quelli che non possono (dispositivi)

  • Come trattare e mettere il paziente sul dispositivo

  • Apparecchiatura sicura in un ambiente di risonanza magnetica

  • Come si agisce in caso di emergenza?

  • Sistemi di arresto di emergenza della camera, compresi quelli per l’elio.

  • Protezione dell’udito per i pazienti.

  • Gestione di claustrofobia, ansia e stress nei pazienti.

Disinfezione e igiene nella risonanza magnetica in tempi di pandemia

La pandemia di Covid-19 ha messo tutti sotto esame, compreso il tipo di pratiche che ora hanno un “requisito per la pulizia e la disinfezione, che potremmo non avere prima”. A ciò si aggiunge l’uso delle mascherine, sia per i pazienti che per il personale, il che significa “Pericolo aggiuntivo a causa dei materiali metallici che possono includere”.

In questo contesto, l’agenzia chiede la progettazione di “procedure specifiche per la pulizia e l’uso delle mascherine nelle sale per la risonanza magnetica in situazioni di allerta a causa di rischi infettivi”.

Sebbene possa contenere dichiarazioni, affermazioni o note di istituzioni sanitarie o professionisti, le informazioni nella scrittura medica sono modificate e preparate da giornalisti. Si consiglia di consultare il lettore su qualsiasi domanda relativa alla salute con un operatore sanitario.

READ  Hanno condannato un'infermiera che ha drogato e maltrattato un paziente dell'Istituto Favaloro