Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ricercatori israeliani hanno trovato i resti di una nuova specie di uomo preistorico – Tellam

Gli scienziati hanno chiamato la scoperta “Nesher Ramla” per la scoperta. (immagine d’archivio)

I resti di una specie di uomo preistorico, anche Ora sconosciuto alla scienza, scoperto da ricercatori israeliani, che fornisce nuovi elementi sul corso dell’evoluzione umana, è stato riferito giovedì.

Scavi archeologici vicino al centro città RamlaUn team dell’Università Ebraica di Gerusalemme ha scoperto resti preistorici che non corrispondono a nessuna specie umana conosciuta, incluso il moderno Homo (Homo sapiens), secondo quanto riportato dall’Agence France-Presse.

In uno studio pubblicato sulla rivista Science, antropologi e archeologi dell’Università di Tel Aviv hanno condotto Yossi Zeidner Hanno battezzato la scoperta”Editore Ramla‘, nel luogo in cui sono stati trovati i resti.

“Allo stesso tempo, questo tipo di Homo è allo stesso modo Molto diverso dagli umani moderni, con una struttura del cranio completamente diversa, senza mento e denti molto grandi”, hanno identificato.

L’Agence France-Presse ha aggiunto che oltre ai resti umani, gli scavi hanno trovato un gran numero di ossa di animali e strumenti di pietra.

“I reperti archeologici associati ai fossili umani mostrano che l’Homo Nesher Ramlet aveva tecniche avanzate per la produzione di strumenti di pietra e potrebbe aver interagito con l’Homo sapiens”, ha detto Zeidner.

Ha aggiunto: “Non avremmo mai immaginato che con l’Homo sapiens, l’antico Homo avrebbe perseguitato la Terra in una fase così avanzata della storia umana”.

I ricercatori hanno suggerito che alcuni dei fossili precedentemente trovati in Israele, risalenti a 400.000 anni fa, potrebbero appartenere allo stesso tipo di esseri umani preistorici.

La scoperta di Nesher Ramle Mette in discussione la teoria secondo cui i Neanderthal sono apparsi per la prima volta in Europa Prima di migrare verso sud, secondo l’Agence France-Presse.

READ  Ecco come puoi accedere al contenuto della memoria USB dal tuo cellulare

“I nostri risultati suggeriscono che i famosi Neanderthal dell’Europa occidentale sono gli unici resti di una popolazione molto più ampia che viveva qui nel Levante, non il contrario”, ha detto l’antropologo Israel Hershkowitz dell’Università di Tel Aviv.

Rachel Sarrig, dentista e antropologa dell’Università di Tel Aviv, ha affermato che i risultati suggeriscono che “come crocevia tra Africa, Europa e Asia, la Terra di Israele era un crogiolo di diversi gruppi umani tra loro, poi si è diffusa in tutto il mondo antico. .”