Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Record di lavoratori in Italia: 23,6 milioni – Economia

Record di lavoratori in Italia: 23,6 milioni – Economia

Ansamed – Roma – Continua a crescere il numero dei lavoratori italiani, che nel terzo trimestre del 2023 hanno toccato un nuovo record, toccando i 23,6 milioni.
Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT), infatti, si registra un aumento di 65mila unità rispetto al trimestre precedente e di 481mila unità rispetto allo stesso periodo del 2022, con un tasso di occupazione in aumento del 61,5%.
La crescita dell'occupazione è legata soprattutto alla maggiore partecipazione al mercato del lavoro: il numero dei non occupati di età compresa tra 15 e 64 anni tende a diminuire di 442mila unità, mentre i disoccupati diminuiscono di sole 80mila unità.
Il tasso di disoccupazione resta stabile al 7,6% rispetto al trimestre precedente e diminuisce di 0,4 punti rispetto allo stesso periodo del 2022, con il numero di disoccupati che si mantiene costantemente al di sotto dei due milioni (un milione e 948mila).
Il ministro del Lavoro, Marina Elvira Calderon, ha commentato con soddisfazione i dati, parlando di un “trend positivo” che “dimostra come dobbiamo continuare in questa tendenza, collegando domanda e offerta di lavoro, con l’obiettivo di formare e valorizzare il lavoro”. competenze.” .
La vitalità del mercato del lavoro e la concorrenza tra le imprese per ottenere la forza lavoro necessaria si evidenziano anche nell'andamento dell'occupazione stabile.
Se il numero dei dipendenti in generale è aumentato del 2,1% con 481mila unità, sono aumentati in particolare il numero dei dipendenti a tempo indeterminato (+3,1%) e degli indipendenti (+1,6%), mentre sono diminuiti quelli dei lavoratori dipendenti (-2,3 %).
Il continuo invecchiamento del mercato del lavoro e la crescita dell’occupazione femminile sono un’altra tendenza rivelata dall’Istituto internazionale di statistica.
Il numero delle donne lavoratrici, nel terzo trimestre, è di circa 10 milioni.
Il tasso di occupazione femminile è pari al 52,6%, il più alto dall'inizio della serie storica, anche se è ancora lontano dalla media europea.
Il numero di donne lavoratrici nel terzo trimestre è 244.000 in più rispetto allo stesso periodo del 2022.
L'aumento dell'età media nel mercato del lavoro è evidente come risultato di una diminuzione del numero di giovani occupati e di un aumento del numero di anziani in linea con le tendenze demografiche.
Nel terzo trimestre del 2023 il numero degli occupati è aumentato di 458mila persone rispetto al terzo trimestre del 2008, ma questa è la sintesi di un calo di circa 1,6 milioni di lavoratori tra i 15 e i 34 anni e di circa 1,9 milioni di dipendenti di età compresa tra 35 e 49 anni, a cui si contrappone un aumento di circa 4 milioni di dipendenti sopra i 50 anni.
; L'Istituto Nazionale di Statistica ha spiegato che tra le persone con più di 50 anni la concentrazione nel mercato del lavoro avanza grazie all'aumento degli anni di istruzione e formazione, mentre il pensionamento ritarda grazie all'inasprimento delle regole di accesso alle pensioni.
Nonostante una forte ripresa negli ultimi due anni, il tasso di occupazione tra i 15 e i 34 anni è diminuito di quasi sei punti, e il tasso di occupazione tra i 35 e i 49 anni ha raggiunto risultati sostanzialmente simili (-0,2 punti). Mentre per la fascia d'età compresa tra 50 e 49 anni, i 64 anni aumentano di 17 punti.
“La percentuale dei lavoratori di età compresa tra 15 e 34 anni è scesa dal 30,1% del terzo trimestre 2008 al 22,7% del terzo trimestre 2023, mentre la percentuale delle persone che hanno almeno 50 anni è aumentata dal 24,2% al 40,4%”. “.
Cresce l’occupazione, ma i salari restano stagnanti: nel 2022 – secondo l’Osservatorio Inps lavoratori dipendenti e autonomi – sono aumentati in media del 4%, meno della metà dell’aumento dei prezzi (8,1% in media annua).
La retribuzione media è di 24.252 euro, con una differenza significativa tra uomini e donne, in parte legata anche al minor numero medio di settimane lavorate a tempo parziale e anche in mansioni diverse.
Per gli uomini il reddito medio è di 27.254 euro con 43,9 settimane lavorative di media, contro i 20.378 delle donne con 42,1 settimane lavorative, praticamente il 33,74% in più. (Io dimentico).

READ  Il ministro dell'Economia Martin Guzman ha incontrato il suo omologo italiano

Tutti i diritti riservati. ©Copyright ANSA