Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Recensione |  Povere creature: il nuovo film con Emma Stone che scatena uno scandalo a Hollywood

Recensione | Povere creature: il nuovo film con Emma Stone che scatena uno scandalo a Hollywood

Emma Stone in “Bad Things” (20th Century Studios)

Come il mostro di Frankenstein, Bella Baxter (Emma Stone) Il risultato di un esperimento medico che infonde vita nel cadavere. Ma questo vale tanto quanto le somiglianze con il personaggio di Mary Shelley e il finale della sua storia classica. Con piena consapevolezza delle sue origini e una travolgente voglia di vivere, Bella diventa gradualmente la perfetta protagonista di questa presa in giro del libero arbitrio e delle imposizioni sociali.

Willem Dafoe Interpreta il ruolo del suo creatore, uno scienziato rifiutato dalla società a causa delle sue distorsioni e dei suoi metodi non convenzionali. Proprietario di una villa gotica, di un imponente laboratorio e di grande prestigio accademico, il dottor Godwin Baxter diventa – quasi involontariamente – il padre del bambino, che alleva con affetto e tenerezza genuini. L'isolata Bella ha una personalità gentile ma coraggiosa, che alla fine la renderà impossibile da controllare.

La crescita e l'apprendimento di Bella sono costanti e graduali, al punto che suo padre decide di assumere uno dei suoi studenti (Ramy Youssef) per registrare dati, come ogni bravo scienziato degno di questo nome. Ma il giovane Max McCandless non può fare a meno di soccombere al fascino di Bella, una creatura straordinaria in tutti i sensi della parola, che a poco a poco si trasforma in una donna. Questo è stato uno dei punti più discussi del film dopo la sua anteprima internazionale, ma è ben lontano da ciò di cui parla la storia.

Il risveglio sessuale di Bella occupa gran parte del secondo atto, e la discrepanza tra il suo corpo adulto e la sua mente giovanile crea situazioni tanto scomode quanto divertenti. Tuttavia, il mondo da lui creato Yorgos Lanthimos Lui non lavora come noi e il regista lo ha chiarito in numerose occasioni. La natura quasi onirica di questa fantascienza e fiaba rende la sua metafora sull'evoluzione umana ancora più potente, poiché può raggiungere luoghi che non sarebbero possibili in una storia realistica.

READ  Quanti pesos è il premio di 45,6 miliardi vinto per "The Squid Game"?

Come in ogni buon film, una presentazione audiovisiva accompagna la storia. In questo caso lo fa attraverso la sua tavolozza di colori, una produzione impressionante e un design dei costumi e decisioni narrative come l'uso del colore e del bianco e nero. Quando Bella prende coscienza del mondo che la circonda, il film esplode di colori. Fino ad allora, il bianco e nero inquadra la storia all’interno di una visione limitata del mondo, mentre il regista gioca con obiettivi diversi per evocare sentimenti e punti di vista diversi (come è comune nei suoi film).

Mentre esce nel mondo esterno, il cielo riflette costantemente l'umore di Bella, così come i colori abbaglianti dei suoi vestiti. Anche i simboli degli oggetti sono presenti in tutto il film, dalla bolla che respira alla finestra a forma di genitali maschili. Ma il cinema non entra solo attraverso gli occhi, ma anche attraverso le orecchie. E la colonna sonora è una nuova arrivata Gerskin Vendrix Contribuisce a creare atmosfere che riflettono il mondo interiore di Bella e il suo sviluppo di fronte alle scoperte del mondo che la circonda.

È un film brillante, ad alto rischio, con una sceneggiatura forte Tony McNamara (Collaboratore ordinario Yorgos Lanthimos) basato sul romanzo dell'autore scozzese Alasdair Gray E trattando argomenti completamente lontani dalla sensibilità hollywoodiana. Tuttavia, è una di quelle storie che ha il potenziale per diventare universale, uno studio sull’uomo e su ciò che lo spinge a continuare a imparare, crescere ed evolversi. Il tutto con un tono comico al limite dell'assurdo e con una performance impeccabile Emma Stone, Willem Dafoe, Ramy Youssef E un Marco Ruffalo Che merita molto più credito di quello che ottiene per il suo ruolo.