Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quindi puoi vederlo ad occhio nudo

La cometa C / 2021 A1 Leonard, battezzata dai media e dalle reti come la “Cometa di Natale”, è un corpo celeste che attraversa l’orbita terrestre ogni 80 mila anni e può essere visto inizialmente per la sua luminosità a colpo d’occhio questa domenica di dicembre 12, che coincide con la terza domenica di Avvento.

In un articolo che fa riferimento a questa cometa, National Geographic Ha spiegato che le comete sono “visitatori lontani dal sistema solare la cui orbita si estende oltre Nettuno e impiega decine, centinaia o addirittura migliaia di anni per completare un periodo intorno al sole”.

Ha aggiunto: “Il rilevamento di una cometa mentre passa attraverso i pianeti interni del nostro vicinato cosmico è un evento unico che difficilmente coincide con l’età dell’essere umano”.

Tuttavia, a dicembre, avrai l’opportunità di osservare il passaggio della cometa Leonard, che è stato visto per la prima volta il 3 gennaio 2021 dal Mount Lemon Observatory dell’Università dell’Arizona (USA).

Questo è stato scoperto dall’astronomo Gregory J. Leonard all’inizio del 2021 quando stava esaminando le immagini del cielo notturno. La cometa C/2021 A1 Leonard prende il nome dallo scienziato.

Orb, battezzato ‘Christmas Guilty’ da alcuni media E nei social network viaggia verso il Sole a una velocità di 70,6 chilometri al secondo e nel novembre di quest’anno ha già raggiunto la distanza di Marte.

E il National Geographic ha spiegato che il corpo astronomico è costituito da “polvere, ghiaccio e rocce” e ha indicato che si tratta di “una cometa longeva, cioè proviene dalla nuvola di Oort e ha un periodo orbitale di quasi 80.000 anni”.

READ  La curiosità ha scoperto una "papera" su Marte e le reti non sono rimaste stupite

La nuvola di Oort è un gruppo di 100 miliardi di corpi celesti composti da roccia, ghiaccio e polvere, situati dietro Plutone, a circa un anno luce dal Sole. Fu scoperto nel 1950 dall’astronomo olandese Jan Hendrik Oort.

Gli scienziati riferiscono che la “Cometa di Natale” raggiungerà il perielio – la distanza più breve dalla Terra – il 12 dicembre alle 7:54 (ora del Messico), a una distanza di 34,9 milioni di chilometri, ovvero 91 volte. Più lontano dalla Terra della Luna.

Successivamente, la cometa raggiungerà il perielio il 3 gennaio 2022, la sua distanza più breve dal Sole, e poi lascerà il Sistema Solare.

Si stima che il 12 dicembre e nei giorni precedenti, condizioni meteorologiche permettendo, la cometa possa essere vista ad occhio nudo prima del sorgere del sole.