Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Questo è l’ABC del buon dottore Lo pratichi?

Essere un ottimo medico richiede più di punteggi elevati nei test e conoscenza della terminologia medica.

Ma cos’è un buon dottore?

Mentre è un dato di fatto che una volta che un medico dimostra il suo valore superando la scuola di medicina, ha l’etica e l’intelligenza del lavoro necessarie. In pratica, è necessaria una combinazione di competenze per aiutare ad applicare la scienza medica ai pazienti.

Le soft skills sono tratti della personalità che consentono a una persona di interagire in modo efficace e armonioso con gli altri. Gli esempi includono: empatia, comunicazione non verbale e capacità di ascolto.

D’altra parte, le hard skills fanno parte del set di abilità richieste per un lavoro e vengono acquisite attraverso la formazione, esempi di hard skills sono le abilità analitiche.

Ma cosa rende un buon medico?

Le qualità essenziali di un buon medico

Ecco le caratteristiche meno note condivise dai migliori medici in base alle ricerche della St. George’s University.

1. I buoni medici sono buoni comunicatori

Dr. John Madden, medico di emergenza e direttore dell’Ufficio per l’orientamento professionale e lo sviluppo degli studenti presso il College of Medicina dell’Università di St. George (SGU). “I pazienti ti diranno cosa c’è che non va se li lasci parlare”.

“Essere un buon ascoltatore è essenziale per essere un buon medico.”

2. I buoni medici sono ordinati e coscienziosi

Ai bambini viene insegnato fin dalla tenera età a praticare l’organizzazione per avere successo a scuola. E per una buona ragione: non puoi avere successo in medicina senza avere la tua mente e l’attenzione ai dettagli.

“Un medico dovrebbe garantire che i propri pazienti ricevano i test di screening consigliati, che le loro domande ricevano una risposta e che i pazienti abbiano un piano d’azione chiaro quando lasciano i loro uffici”, afferma il dott. Doggett.

READ  Canto voce e medicina

“Dovrebbero essere attenti a monitorare i test che sono stati eseguiti e a riportare questi risultati”.

3. I bravi dottori sono empatici e fanno sentire i pazienti accuditi

I pazienti non sono interessati ai diplomi di medicina dei loro medici o ad altri premi. Vogliono sentirsi in buone mani. Un buon medico sa come far sentire un paziente curato, che le sue preoccupazioni sono valide e che viene ascoltato.

Tuttavia, a parte questo, c’è un ABC per il buon dottore. Che raffigura i tratti che ogni professionista dovrebbe avere nella sua persona e nella sua pratica quotidiana.

L’ABC dell’essere un buon dottore

R: Attento (ai bisogni del paziente), analitico (a se stesso), autoritario, consultivo, accessibile e rassicurante.

B: Ricercatore diligente e benevolo per le risposte.

A: Amore, Competenza, Compassione, Fiducia, Creatività, Comunicazione, Comfort, Coscienza, Cooperazione, Educato.

D: L’investigatore (un buon dottore è come un buon investigatore) è fermo e meticoloso.

Impresa: etica, empatia, efficacia, energia, entusiasmo

F: Fedele ai tuoi pazienti e flessibile

G: Crema e sempre gentile.

H: “Umano”, onesto, allegro e umile.

Io sono: intellettuale, accademico, imparziale e informativo.

J: Saggio e giocoso.

L: Notte.

M: Maturo e umile.

N: Nobile e normale.

D: Ottimista, obiettivo e attento.

D: Professionale, paziente, positivo e persuasivo.

P: Riflessivo. Chiedersi (idee, credenze, decisioni, azioni)

R: Realistico, rispettoso (autonomia) e soprattutto responsabile.

S: Sensibile, saggio e semplice quando si tratta di affrontare grandi concetti per i pazienti.

T: Tollerante, laborioso e calmo.

Quinto: vigilanza e onestà.

E tu, lo fai?

Note correlate:

Medico controllato per prescrivere un antiparassitario contro il COVID-19

I medici che diffondono informazioni false sul coronavirus dovrebbero perdere la licenza?

Cosa aspettarsi da una terza dose del vaccino COVID-19?

Non tutto è covid! Il trattamento della malaria ha dimostrato di essere efficace al 100% nello studio…

READ  Lo studio mostra che coloro che hanno contratto il COVID-19 ora hanno più incubi