Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Questi sono i prodotti peggiori

Questi sono i prodotti peggiori

“La pasticceria industriale fa schifo, senza sfumature. Tutto.” È così potente Antonio Rodriguez, autore di Libro Sinazucar.org (Pluma de Cristal) e creatore dell'app Carmen IA, uno scanner di codici a barre alimentari che spiega in modo divertente e informativo le proprietà nutrizionali di ogni prodotto analizzato. “L’unica sfumatura che si può fare riguardo alla pasticceria industriale è la frequenza del consumo: se le mangi ogni tanto non succederà nulla, perché è vero che non sono salutari, ma non sono nemmeno tossiche”.

Della stessa opinione è la dottoressa e nutrizionista Nuria Monvoleda, del Centro Loveyourself di Barcellona, ​​che afferma che “la pasticceria industriale non è salutare e non può essere consigliata in nessuna dieta senza eccezioni. Ciò significa che non esiste”. Ci sono pretzel artificiali buoni e cattivi, non importa come alcuni biscotti contenenti fibre cerchino di farci credere il contrario. Ma non possiamo nemmeno dire che sia tossico: bere olio per auto è tossico. Quindi, se vengono consumati saltuariamente, non succederà nulla, anche se, come nutrizionista, è chiaro che ciò non accadrà mai: “Il consumo di dolci industriali dovrebbe essere raccomandato nell’ambito di una dieta sana”.

In questo senso la Rodriguez fa appello al buon senso. “È necessario rinunciare a mangiare una fetta di torta nel giorno del nostro compleanno? Tutti hanno una risposta. Per me la soluzione ideale è costruire un rapporto sano sia con la pasticceria industriale che con quella ultralavorata, il che significa che dovrebbero consumare senza sentirsi in colpa a volte. Il motivo è che, in generale, anche se ci sono sottili differenze che non finiscono per fare la differenza, la 'pasta' è pur sempre una miscela di farine raffinate (che significa la parte buona, cioè viene tolta la 'fibra'). “E zucchero e grassi nocivi, come il grasso di palma. Questa miscela non fa affatto bene alla salute e alcuni dettagli come il fatto che invece del grasso di palma, diciamo l'olio di girasole, viene non cambia nessuno dei due in modo significativo.”

La pasta frolla è ancora una miscela di farina raffinata, zucchero e grassi.

Getty Images/iStockPhoto

In Spagna il consumo di questo tipo di alimenti ultraprocessati è in aumento. Secondo i dati dell'Associazione Spagnola dell'Industria della Panificazione e Pasticceria (ASEMAC), la produzione nel 2022 ha raggiunto un volume di 203.858 mila kg, che rappresenta un aumento del 9,01% rispetto al 2021. Nel 2017, questa organizzazione ha aderito al piano di cooperazione per migliorare la composizione di alimenti e bevande e altre misure, promosse dall'Agenzia spagnola per la sicurezza alimentare e la nutrizione (AESAN) con l'obiettivo di ridurre il contenuto di zuccheri, grassi e sale in alcuni alimenti e bevande. Per Rodriguez gli sforzi dell'industria non solo sono insufficienti, ma possono essere controproducenti: “Molte persone tendono a consumare più prodotti che pubblicizzano che sono a basso contenuto di sale o zucchero o che non contengono grasso di palma, credendo che siano più sani di altri prodotti.” “altro”. Riposo. La verità è che, nonostante il lavoro svolto per riformularli, non sono ancora raccomandati.

READ  Elanco promuove la formazione specialistica in medicina veterinaria

biscotto

Nonostante quello che molti considerano, i biscotti sono dolci artificiali e vanno trattati come le torte napoletane e le palme. Anche se è vero che troviamo biscotti che contengono fibre, e altri sono fatti con farina integrale, con olio di semi di girasole o senza zuccheri aggiunti (che di solito significa che contengono dolcificanti), la differenza tra loro non è poi così grande. “È vero che se studiamo le etichette nel dettaglio, scopriremo che alcuni biscotti hanno una composizione migliore, ma non importa – spiega Rodriguez – Cos’è meglio, saltare dal 16° o dal 18° piano?” Una famosa marca di biscotti da noi intervistata, Carmen IA, si definisce “un treno in corsa nel paese degli alimenti ultra-processati e degli zuccheri aggiunti” e aggiunge che “con il 68% di zucchero, questo prodotto ci porta direttamente nel paese dell'ipergusto. ” “.

biscotto

Anche i cracker che contengono fibre non sono salutari

Getty Images/iStockPhoto

In effetti, vale la pena notare che nemmeno la sostituzione dello zucchero raffinato con altri dolcificanti è una soluzione miracolosa. “L'unica cosa che otteniamo con questo gesto è che il palato si abitui al sapore dolce, di cui è difficile liberarsi. Il nostro obiettivo in una dieta sana dovrebbe essere opposto: rinunciare ai sapori dolci per abituare il palato ad essi” Il gusto originale del cibo”, spiega Monvoleda, che dal canto suo ricorda che “non ci facciamo alcun favore scegliendo prodotti zuccherati”.

Secondo Rodriguez, “Molte persone mangiano ogni giorno a colazione biscotti pubblicizzati come digestivi o ricchi di fibre, pensando che siano salutari, senza sapere che contengono grandi quantità di zuccheri e grassi nocivi. Quindi, mentre i biscotti tradizionali sono riservati a persone speciali occasioni o consumati in piccole quantità, in molte case viene aperto il divieto degli alimenti digestivi credendo che siano salutari. E questo è sbagliato”, spiega l'ideatore di Carmen IA. Per una buona colazione, Monvoleda dice: “Pane integrale con olio e pomodoro, alcune proteine ​​a piacere, siano esse uova, tonno o maiale, e alcuni grassi sani come l'avocado, per esempio.”

READ  Il popolare sandwich noto per essere innocente in Spagna ed è stato collegato al cancro del colon
Cereali per la colazione

I cereali contengono molto zucchero

iStock

Cereali

In questa sezione dobbiamo tenere presente che alcune marche di cereali “imbrogliano il Nutriscore”, come dice Rodriguez, nel senso che ci portiamo a casa felici di consumare un prodotto etichettato A senza essere consapevoli dei trucchi utilizzati per ottenerlo. Buon voto.

Nutriscore è un sistema di etichettatura front-end che mira a fornire agli utenti informazioni nutrizionali chiare. “È come un semaforo nutrizionale: è un sistema di classificazione di 5 lettere e colori, dove la A verde scuro è l'opzione più sana e la E rossa è la peggiore, e passa attraverso B, C e D”, spiega. Organizzazione dei Consumatori e degli Utenti (OCU).


Leggi anche

Fata Masia

Il tecnologo alimentare Miguel Angel Loruña ha appena pubblicato il suo secondo libro

Va tenuto presente che Nutriscore assegna sempre un punteggio agli alimenti della stessa famiglia sulla base di un algoritmo sviluppato nel 2005 da scienziati dell’Università di Oxford, per cui “una A non significa necessariamente che il prodotto sia sano, ma che rientra il gruppo”, spiega Miguel Angel Loruña, Ph.D., tecnologo alimentare e autore di blog, afferma che “il prodotto che gli appartiene è quello che ha la formula migliore”. Gomma oleosa E dal libro Non lasciare che rovinino il tuo cibo(Destino, 2021), una guida che insegna, tra le altre cose, come combattere la disinformazione legata al cibo.

Gli stessi creatori di Nutriscore hanno dovuto chiarire che l'etichetta A non significa necessariamente che il prodotto sia sano


Miguel Angelo LorenaAutore del libro Oil Gum

Dall’avvento di questa etichetta, “i produttori non smettono di trovare modi per ottenere un Nutriscore adeguato”, spiega Lurueña, che si ottiene apportando piccoli aggiustamenti alla composizione degli alimenti. I cereali per la colazione destinati ai bambini ne sono un buon esempio. “Il sistema dimostra che ci sono elementi che ottengono un punteggio negativo. Si tratta di calorie, zuccheri, grassi saturi e sale. Quelli che ottengono un punteggio positivo sono frutta, verdura, fibre, proteine ​​e frutta secca”. Gomma oleosa . Ciò significa che alcuni marchi “aggiungono un po' di fibre, rimuovono lo zucchero che va oltre l'algoritmo e ci fa pensare che sia salutare perché ha una A nel Nutriscore”, osserva Rodriguez. In questo senso, ricorda Lurueña, “gli stessi ideatori di Nutriscore dovevano chiarire che il prodotto A non significa necessariamente che il prodotto sia sano, ma piuttosto che all'interno del gruppo a cui appartiene è il prodotto con la migliore composizione. “

Per Rodriguez, quando si tratta di cereali, c'è un'eccezione: avena o corn flakes non zuccherati. “È vero che molte persone hanno difficoltà perché cambia la dolcezza, ma la buona notizia è che possiamo ridurre la soglia della dolcezza se eliminiamo gradualmente gli zuccheri aggiunti dagli alimenti”, ricorda il fondatore di Sinazucar.org, il portale che è nato con l’obiettivo di rivelare la quantità di zucchero nascosta in molti alimenti comunemente consumati.

READ  Due programmi di master sono stati offerti presso l'Università ADA nell'ambito del Progetto Universitario Italia-Azerbaigian

Prodotti di pasticceria

Sono sconsigliati anche i prodotti di pasticceria.

Getty Images/iStockPhoto

Pasticcerie: falsi amici

Ci sono altre brutte notizie per gli appassionati di questo tipo di alimenti ultra-processati, che spesso leggono le etichette per meno grassi saturi o zuccheri, o anche per fibre o farina integrale, ovvero che neanche i prodotti da forno sono significativamente migliori. . . “I pasticcini che compriamo dal panificio non sono migliori di quelli che compriamo al supermercato – spiega Rodriguez – Forse non contengono conservanti e stabilizzanti, ma questo non li rende più sani”. Rodriguez afferma che l'aspetto negativo dei dolci è l'alto contenuto di grassi, zuccheri e farine di scarsa qualità, e non gli additivi che a volte possono contenere, tutti approvati dall'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA).

“La demonizzazione degli additivi si chiama chemofobia, perché quelli approvati dall'EFSA sono innocui. Quindi i croissant che compriamo in panetteria sono altrettanto cattivi di quelli del supermercato.” Si possono fare eccezioni per i nuovi panifici artigianali che lavorano con ingredienti e lievito madre di alta qualità? “Inutile dire che si tratta pur sempre di pezzi sconsigliati nell’ambito di una dieta sana, perché sono costituiti per lo più da grassi, zuccheri e farine raffinate”, spiega Rodriguez, che insiste che “se si mangiano dolci puramente ” a volte, prendi quello che ti piace. Godetevelo, non sentitevi in ​​colpa e poi continuate a mangiare sano”, dice il promotore.

Torte artificiali

Ognuno lo chiami come vuole, perché ognuno ha i suoi preferiti. Lei è quella Piacere colpevole Eccessivamente appetibileConfezioneLuminosi e accattivanti, storicamente ci hanno sedotto con i loro grassi e zuccheri, ma anche con le loro etichette e altre strategie di marketing. Sono tutti una miscela di farine raffinate, zuccheri aggiunti, grassi vegetali, cacao sgrassato, lattosio, stabilizzanti ed emulsionanti e contengono una grande quantità di calorie.

Torte artificiali

La soluzione migliore, secondo gli esperti di nutrizione, è eliminare poco a poco i pasticcini dalla dieta.

Getty Images/iStockPhoto

Quindi è meglio cercare altre alternative quando il palato esige un dolce piacere. La cattiva notizia è che anche le torte fatte in casa non sono la soluzione migliore. «L'ideale è escludere questo tipo di prodotti dalla dieta e lasciarli per le occasioni speciali, siano esse fatte in casa o industriali. La classica torta allo yogurt che mangiamo pensando che sia salutare contiene ancora farina e zucchero raffinati, quindi è sconsigliata per i pasti abituali consumo”, conclude Rodriguez.