Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quattro province rappresentano il 74,7% delle rimesse inviate dai migranti Economia | notizia

Contrariamente a quanto si temeva per gli effetti dell’epidemia a livello globale, le rimesse inviate dai migranti ecuadoriani hanno registrato un aumento alla fine del 2020.

Le rimesse sono ammontate a 3337,79 milioni di dollari lo scorso anno. Un elemento che rappresenta un aumento del 3,19% rispetto ai 3,234,65 milioni di dollari entrati nel Paese nel 2019. Questo valore non è meno importante di quanto prodotto dalle banane, il secondo prodotto di esportazione non petrolifero, che ha raggiunto i 3669 milioni di dollari in 2020.

Questo numero rappresenta A. Un nuovo record nelle statistiche dei trasferimenti registrati dalla Banca Centrale dell’EcuadorDal momento che l’afflusso più elevato si è verificato nel 2007, a $ 3.335,38 milioni.

A questo aumento hanno contribuito le rimesse dagli Stati Uniti e dall’Italia, nonostante la crisi. Gli immigrati residenti negli Stati Uniti hanno inviato alle loro famiglie 2.026,60 milioni di dollari (60,72% dell’importo totale), con un incremento del 7,15% rispetto al 2019. Mentre le rimesse dall’Italia, che rappresentavano quasi il 5% delle rimesse originarie, sono cresciute del 3,78%

Louis Pasteur, Direttore di Advance Consultora, Colui che ha analizzato le rimesse ha indicato che il pacchetto di aiuti economici fornito dal governo degli Stati Uniti nel mezzo dell’emergente crisi del coronavirus era essenziale per gli ecuadoriani per poter inviare risorse alle loro famiglie in Ecuador.

“In Nord America, hanno dato contanti e quel denaro è stato ricevuto da molti immigrati che sono stati inviati in Ecuador. Inoltre, nella seconda metà del 2020, c’è stata una leggera rivitalizzazione dell’economia nell’Unione europea”, dice Pasteur.

Il consulente afferma che, vista la situazione economica che si è venuta a creare in Ecuador, dove migliaia di persone hanno perso il lavoro a causa dell’epidemia, si è osservato che molti immigrati hanno compiuto “un grande e forte sforzo” per inviare risorse.

READ  Economia. Semifinali Eurocopa Spagna-Italia con il 53% di ordini da portare a casa طلبات
I migranti inviano rimesse Milioni di dollari
2015 2.377.8
2016 2.602.0
2017 2.840.2
2018 3.030,58
2019 3.234,65
2020 3.337,79
Fonte: Banca centrale europea

La Spagna è stata una delle destinazioni che ha visto una leggera diminuzione dei giriIl secondo Paese ad alimentare le rimesse (23,08% del totale). Questo paese ha guadagnato $ 770,24 milioni, in calo del 3,69% rispetto a $ 799,73 milioni nel 2019.

Vladimir Pasquale, presidente della Rumiñahui Society e ricercatore sull’immigrazione, Sostiene che il calo delle rimesse dalla Spagna è stato lieve e non sorprendente a causa della presenza di migranti ecuadoriani che hanno continuato a lavorare in mezzo alla pandemia nei settori prioritari.

“I migranti hanno svolto un ruolo vitale nel mezzo dell’epidemia e molti di loro hanno continuato a lavorare sul campo, mentre altri sono stati detenuti. Lo stesso vale per addetti alle consegne, trasporti, negozi, settore delle pulizie, servizi domestici …” , conferma Pascale.

Conferma che tutte queste persone continuavano a inviare denaro, e c’era persino chi faceva affidamento sui propri risparmi per inviare trasferimenti di denaro a causa della complessa situazione in Ecuador.

Paskell osserva che gli immigrati che hanno sentito l’impatto sul proprio reddito erano coloro che lavoravano nei settori dell’edilizia e dell’ospitalità. In Spagna, le aziende possono inviare i propri lavoratori in Pará utilizzando il numero ERTE. Con questo meccanismo il lavoratore non viene licenziato, ma può ricevere una parte del suo reddito.

Gli ecuadoriani regolamentati in Spagna potrebbero beneficiare di ERTE ed è possibile che una parte di queste risorse sia arrivata in Ecuador.

Il fatturato in Spagna, il paese in cui risiede un’importante comunità di ecuadoriani, è leggermente diminuito nel 2020. Per gentile concessione di Gabriel Fillon

Quali governatorati ricevono il maggior numero di rimesse?

L’anno scorso, Guayas, Azway, Pichincha e Canar hanno concentrato il 74,74% delle conversioni totali nell’ultimo anno.

Le rimesse per un totale di 2.494,79 milioni di dollari sono state inviate a quelle province, secondo i dati della Banca Centrale dell’Ecuador.

Sull’altra sponda ci sono Sucumbios, Nabu, Carchi, Orielana, Bolivar e le Galapagos, che sono le province che hanno ricevuto meno rimesse. Insieme rappresentano solo lo 0,92%.

La banca continua a gestire il maggior volume di liquidazioni e a guidare il flusso delle rimesse. Con il metodo di accreditamento per conti e pagamenti in contanti tramite società di servizi finanziari ausiliari, ha acquisito il 50,53%.

Mentre le società di rimesse hanno effettuato pagamenti in contanti e conti approvati tramite il sistema finanziario corrispondente, un tasso del 47,57%. Le cooperative di credito e di risparmio e le mutue certificate per i conti di risparmio lo hanno fatto con un tasso dell’1,90%. (IO)

Quantità

Nel 2020 i trasferimenti sono stati 11’567.144, 1,66% rispetto a 11’378.307 nel 2019.